Rassegna della Stampa Russa - 01.11.2013

Eventi, problematiche e dati statistici generali

 

* Vladimir Putin ed Enrico Letta inaugureranno lAnno incrociato del Turismo  Russia-Italia con una solenne manifestazione fissata per la fine di novembre a Trieste  - lo ha reso noto l’Ambasciatore della Repubblica Italiana nella FR Cesare Maria Ragaglini durante la sua visita alla redazione del quotidiano ufficiale “Rossijskaja gazeta”. Il suo colloquio con i giornalisti era imperniato particolarmente  sulla massima attenzione e promozione straordinaria che in Italia saranno prestate a piccole citta` e paesini, testimoni di varie tappe dello sviluppo della civilta` nazionale ed europea, nonche` a itinerari prima sconosciuti per il turismo estero di massa. Cio` - a parere dell’Ambasciatore – consentira` a  decine di migliaia di turisti russi di “conoscere l’Italia meno nota ma sempre molto bella, interessante e ospitale”.  Inoltre Cesare Ragaglini ha assicurato i “padroni di casa” che nonostante il freddo clima meteorologico di Mosca, a cui non ha fatto ancora l’abitudine, “il clima delle relazioni fra i due Paesi amici  e` sempre  piu` caldo”     -       (“RG”; 30.X., pag.6).

     Agli “osservatori” piu` attenti e scrupolosi dei rapporti tra i due  Paesi segnalo:  un servizio di “RBK daily” (30.X; pag.11) sui molteplici “incontri e serate italiane” organizzati presso la libreria “Moskva” (ul.Vozdvizhenka, 4), che ha recentemente aperto “una sezione speciale” con  libri, dischi, video sulla storia, l’arte, la cucina e i posti piu` belli d’Italia, nonche` un’intervista  di “Ekspert” (№ 43 del 28.X; p.80-83) al famoso musicista Dmitrij Kogan, che presenta il ciclo di concerti “I 5 grandi violini”, dedicato agli strumenti fatti da Amati, Stradivari e Guarneri.

* Il premier Dmitrij Medvedev  si e` detto generalmente soddisfatto del bilancio del primo anno dell’adesione del Paese al WTO. A suo parere, il principale effetto positivo di questo passo e` “un aumento della competitivita` dell’economia nazionale nonostante la diminuzione dei dazi d’importazione per alcuni comparti industriali”. Ha rilevato che il governo, in conformita` alle norme del WTO, continuera` a sostenere l’agricoltura e l’industria delle costruzioni dei macchinari per il settore agroindustriale, l’industria leggera e quella alimentare, nonche` l’industria dell’auto, tanto piu` che per una serie di settori e impegni “la Federazione dispone del periodo di transazione, fino a 7 anni dall’ingresso. In questo tempo le nostre societa`, aziende e imprese devono imparare a lavorare in condizioni di concorrenza serrata”. Il capo del governo ha invitato i ministeri, i gruppi industriali e finanziari, la comunita` imprenditoriale a usare in modo piu` attivo i meccanismi dell’Organizzazione mondiale al fine di eliminare vari limiti e restrizioni per i prodotti e le merci “made in Russia” -  (“RG”; 30.X; p.6).

* Secondo i medici e gli specialisti,  in Russia la durata media della vita pari a 80 anni potra` essere raggiunta solo nel 2025. Attualmente, secondo le fonti dell’ONU, nella FR e` di 70,3 anni (75,3 anni per le donne e soltanto 65,5 anni per gli uomini). Al primo posto della classifica delle Organizzazioni Unite e` il Giappone (82,6 anni), seguito da Honkong (82,2), la Svizzera (82,1) e  Israele (82 anni)            -                    (“RG” del 29.X; pag.4).

 

Economia, settori e mercati, grandi aziende e PMI   

 

* Nel rating “Doing Business-2014”, pubblicato dalla Banca Mondiale e dalla “Corporazione internazionale finanziaria”, la Russia in un anno e` salita di 19 posizioni, dal 111-mo al 92-mo posto,  e cosi` e` ritornata fra i primi 100 Paesi sui 189 analizzati. Questo dato, secondo gli autori della classifica e del relativo rapporto, significa che  fare il business nella FR  sarebbe diventato piu` facile, rispetto agli anni passati. Il successo e` legato a molti misure e  provvedimenti contro l’eccesso della burocrazia,  soprattutto alla connessione piu` rapida degli utenti alle reti di distribuzione dell’energia elettrica (in questo subrating la FR e` salita di 70 posti: veramente un record fantastico).  Parecchi esperti hanno messo in evidenza il fatto che la Russia ha raggiunto la posizione piu` alta fra i Paesi in via di sviluppo del gruppo BRICS (la Cina e` al 96-mo posto, il Brasile e` al 116mo, ecc). Allo stesso tempo sostengono che un’ulteriore ascesa della FR nella classifica non sara` facile, perche` dipendera` – in misura maggiore – dalla realizzazione delle riforme del diritto.  Inoltre l’obiettivo, formulato da Vladimir Putin lo scorso anno, e` ancora assai lontano: entro il 2018 la Russia deve occupare il 20-mo posto nel rating mondiale          -           (“Vedomosti”, pag.4, e “RG”, pag.1 e 4, del 29.X.; “Kommersant”, pag.8, del 30.X; nonche` “Vedomosti”, pag.4, e “Kommersant” pag. 6, del 31 ottobre).

      Con un’analisi del rating sopraindicato Andrej Belousov, ex-ministro dello Sviluppo economico e adesso consigliere economico di Vladimir Putin, ha iniziato la sua esauriente intervista a “Vedomosti” (31.X; pag.7-8). Ha fatto notare subito che per alcuni paramentri della classifica si aspettava risultati migliori: 2-3 anni fa proprio a lui e` toccato dirigere l’elaborazione, l’avvio e il controllo di numerosi provvedimenti e misure, mirati a migliorare il clima d’investimento.  Ora – sostiene Belousov – e` molto importante che tale miglioramento venga raggiunto non solo a Mosca ma in tutte le regioni. Contemporaneamente bisogna realizzare e ultimare le molteplici riforme, soprattutto del sistema giudiziario e dei diritti. Nel rispondere a una domanda, riguardante le prospettive dell’economia nazionale, il consigliere del Presidente ha evidenziato che “il potenziale di crescita economica e` circa del 4 per cento annuo. Se le condizioni esterne non peggioreranno, potremo raggiungerlo nel secondo trimestre del prossimo anno; pero` i primi tre  mesi del 2014 saranno complessi”.

     Tra le pubblicazioni sulle problematiche economiche generali segnalo un’intervista a Ivan Aksjonov, vicecapo dell’Agenzia  per la gestione dei beni pubblici (“Rosimushchestvo”), che ha illustrato i piani di privatizzazione fino al 2017, per la cui  realizzazione dovranno partecipare piu` attivamente i  “venditori indipendenti” (“RG”; 28.X, pag.4), nonche` un servizio di  “Profil” (№ 40; pag.34-35) sulla lotta tra ecologisti e produttori di petrolio per le piattaforme continentali nell’Oceano Glaciale e un commento di “RG” (30.X; pag.14) agli argomenti della Russia per l’ampliamento della piattaforma continentale nell’Artico.

* A settembre in Russia sono state vendute circa 247mila nuove automobili, solo il 5 per cento di meno, rispetto allo stesso mese dell’anno scorso. Ad agosto il mercato e` calato del 10% su base annua. Tenendo conto di questo e di alcuni altri indici comparativi, parecchi analisti del mercato dell’auto negli ultimi giorni  hanno  constatato un   rallentamento  dei  ritmi  di  diminuzione   delle vendite delle

 

autovetture, rispetto al 2012. Hanno dato rilievo anche al fatto che “tutti i 10 modelli piu` venduti sono prodotti in Russia”. “Profil” (№ 40; pag.66-69) nella sua rassegna settoriale scrive degli stimoli per la crescita della domanda e della realizzazione di programmi di credito agli acquirenti di nuove macchine, realizzati da varie societa` straniere. 

     “Kommersant” (31.X, p.11) ha riferito che il gruppo “KamAZ” (camion pesanti e medi) ha deciso di vendere la sua quota della joint-venture con la “New Holland”- produttrice di tecnica per l’agricoltura non solo perche` esce dalle attivita` non legate al core-business, ma anche perche` “l’affitto degli  spazi produttivi gli frutta piu` degli investimenti nella produzione”.

     Il Collegio della “Commissione economica euroasiatica” dovra` entro breve approvare la proposta della Russia di abolire per il prossimo anno il dazio di importazione (il 19%) delle auto elettriche: il fine e` stimolare lo sviluppo delle infrastrutture necessarie (tra gennaio e settembre l’”AvtoVAZ” ha prodotto solo 6 elettromobili originali “El Lada”, create sulla piattaforma del modello “Lada Kalina”         -      (“Vedomosti” del 31.X, pag.12).

* Ekspert” (№ 43; pag.4) ha citato il vicepremier Rogozin che prevede un graduale trasferimento delle aziende principali e degli stabilimenti del complesso spaziale e missilistico, situati adesso soprattutto a Mosca e nella Regione di Mosca, in Siberia Orientale e in Estremo Oriente. Il settimanale “Kompanija” (№ 40; p.22-23) ha parlato dell’aumento dei voli dell’aereo “Sukhoj Superjet-100” in Messico, nonche` del prossimo inizio dei voli in America Centrale e si e` chiesto, perche` questo avviene mentre “nella stessa Russia il SSJ-100 vola ancora poco”.

   Nei prossimi 5 anni la compagnia privataTransaero” (dispone di 100 aerei; nei primi 8 mesi ha trasportato circa 8,5 mln.di passeggeri: nell’intero 2012 piu` di 10,3 milioni) intende diminuire l’acquisto di nuovi velivoli e puntare su itinerari piu` redditizi. Gli esperti del settore aeronautico hanno apprezzato la logica del vettore, tanto piu` che il mercato ha iniziato gia` a calare: l’aumento dei passeggeri e` diminuito dal 15 per cento annuo nel 2012 all’8,4 per cento in settembre di quest’anno             -      (“Kommersant”; 28.XI; pag.11).

* Inoltre dai vari giornali si e` saputo che: 

grazie alla connessione piu` facile alle reti di quarta generazione (LTE) le vendite di smart phone nel terzo trimestre sono ammontate a 520mila unita` (solo 5 500 nel medesimo periodo del 2012; 1,2 milioni di apparecchi nei primi 9 mesi (“Vedomosti”; 29.X, pag.17);

le compagnie petrolifere hanno aumentato negli ultimi 2 mesi le esportazioni di benzina super (“Kommersant”; 28.X; pag.11)  e la grande compagnia statale “Transneft” intende  raddoppiare la capacita` dell’oleodotto “Siberia Orientale – Oceano Pacifico”, se avra` le garanzie da parte delle societa`-produttrici dell’”oro nero”  (“Vedomosti”; 25.X, pag.12);

il buon tempo meteorologico di ottobre ha consentito agli agricoltori di aumentare la semina autunnale fino a 13,9 mln.di ettari, che in novembre dovrebbe raggiungere circa 15 milioni di ettari (“RBK daily”; 30.X; pag.8).  Il settimanale “Itoghi” (№ 43 del 28.X; pag.32-33) in un suo artico ha previsto che la nebulosa situazione dei dazi d’importazione della carta patinata potrebbe provocare una crisi delle attivita` editoriali e dell’industria di arti grafiche.

* In settembre il mercato commerciale dei medicinali e` ammontato a 41,9 miliardi di rubli: il 15,9% di piu` rispetto al   precedente mese.   Il   prezzo medio di una confezione e` salito a 102,7 rubli,

 

cioe` meno di 3 euro, pero` la percentuale dei medicinali “economici”, fino a 150 rubli, continua a calare. Il 56 per cento dei preparati e` di produzione nazionale, ma la loro percentuale nel volume totale del mercato e` soltanto il 25%, perche`...”costano molto di meno dei  prodotti importati”   -  (“Kommersant” del 31.X; pag.8).

    Intervistato da “Ekspert” (№ 43 del 28.X; pag.38-44), Grigorij Rojtberg, accademico e presidente di una clinica, ha sostenuto che un notevole afflusso degli investimenti nel mercato dei servizi medici comincera` quando le cliniche private saranno incluse nel sistema statale di assicurazioni oppure quando sara` formato un sistema di cofinanziamento della Sanita`”

    Infine agli analisti e agli esperti segnalo il supplemento di 4 pagine “Farmaceutica”  al quotidiano “RG” del 30 ottobre, in cui sono trattate le problematiche piu` importanti del settore: dalle enormi e inefficienti spese per la Sanita` e dall’attrattivita` del business farmaceutico in Russia per investitori locali ed esteri al ruolo della medicina nell’ulteriore sviluppo economico del Paese e  ai presupposti e alle richieste di un modo di vivere sano. 

 

Studiamo i Territori e le Regioni della Federazione Russa

 

* “Nezavisimaja gazeta” (30.X; pag.1 e 4) ha riassunto un’indagine durata 3 anni sulla migrazione interna di lavoro, dalla quale risulta che circa l’80% della popolazione attiva della periferia russa e` completamente indipendente dallo Stato”. Il lavoro, sopratutto nel “settore sommerso”, questa gente lo trova nella capitale o nelle grandi citta`. I due terzi degli intervistati sono convinti che da vecchi riusciranno a vivere senza la pensione statale. I ricercatori confermano che qualora lo Stato abbandonasse i sistemi della previdenza sociale e pensionistica cio` non sarebbe una catastrofe per la maggior parte di queste persone.

* La commissione governativa presieduta dal premier Dmitrij Medvedev ha approvato una serie di nuovi provvedimenti, finalizzati ad ampliare le misure tese ad aiutare le Regioni dell’Estremo Oriente gravemente danneggiate in settembre-ottobre da forti piogge e grandi alluvioni. Il Ministero per lo Sviluppo di questo vastissimi territorio ricevera` parecchi poteri e funzioni prima spettanti agli organi federali        -     (“Izvestia”; 24.X, pag.1-2; “RG”, pag.3, e “Kommersant”, pag.1 e 6, del 25 ottobre.

* Agli analisti e agli imprenditori, che seguono lo sviluppo dei territori degli Urali, segnalo “RG” (22.X; pag.4) e “Kommersant” (25.X; pag.11) che hanno scritto –rispettivamente- sul bilancio triennale e sull’ammodernamento del settore metallurgico della Regione di Celjabinsk.  Il settimanale “Ekspert” (№ 43; pag.91-107) in una sua approfondita rassegna ha illustrato i vari aspetti dello sviluppo economico e industriale della Regione di Sverdlovsk.

* “RG” (25.X. e 30.X, pagine 4) ha riferito sulla ricostruzione della rete autostradale e sull’ampio sostegno alla comunita` imprenditoriale e alle piccole e medie imprese della Regione di Samara.  Nell’edizione del 29 ottobre lo stesso quotidiano (pag.17) ha pubblicato un articolo preparato dall’amministrazione della Regione di Rostov, in cui   si tratta     dello sviluppo dei cosiddetti “centri

 

multifunzionali” in base alle migliori esperienze mondiali.  

* Ed ecco alcuni principali temi delle numerose pubblicazioni sulla vita economica, sociale e culturale della citta` di Mosca:    la soluzione dei vari problemi sociali  (il supplemento di 8 pagine “Capitale” a “Nezavisimaja gazeta” del 30 ottobre; “Izvestia” del 24.X, pag.8);

il bilancio municipale aumenta grazie alla crescita degli investimenti stranieri diretti (35 mld.di US$ nel 2012),  delle imposte sui centri commerciali e d’affari (quest’anno supereranno $1 miliardo) e della tassazione degli abitanti  (“RG” del 24.X, pag. 4 e 5; “Kommersant” del 28.X; pag.8; “Itoghi” № 43; pag.20-22, e “Kommersant” del 22.X, pag.6 – “Monitoraggio”);

la trasformazione della grande zona industriale (378 ettari) dello stabilimento di auto “ZIL” (“RG” del 30 ottobre; pag.10); 

l’economia urbana sopravvivera` senza la mano d’opera degli immigrati ? (a Mosca attualmente lavora un terzo degli immigrati dell’intero Paese e  300-500mila appartamenti su 3,5 milioni in totale sono dati in affitto   -  “Kompanija” № 40; pag.38-41, e “Izvestia” del 24.X, pag.8);

la chiusura e la trasformazione dei mercati rionali: il loro numero diminuira` dai 250 del 2002 ai 26 del 2015   (“Itoghi” № 43; pag.7); 

perche` sono mezzo vuoti i locali della ristorazione (“RBK daily” del 21.X; pag.5: l’articolo di Serghej Dyrin, comproprietario di un ristorante);

le autorita` locali hanno aperto un portale Internet per gli imprenditori: www.dialog.mbm.ru  (“RG” del 22 ottobre; pag.10).

 

Finanza, fisco, dogana, leggi, settore assicurativo  

 

* “Ekspert” (№ 43; pag.30-34) ha intervistato Andrej Egorov, presidente del CdA della “Sudostroitel’nyj bank” (Banca “nautica”), con il quale ha discusso tra l’altro i motivi di un rallentamento del settore dei crediti corporate e la trasformazione del sistema bancario nazionale  negli ultimi 20 anni.  

     “Kommersant” di oggi (il primo novembre; pag.10) ha riferito sul   peggioramento della qualita` dei portafogli di crediti al consumo, che ultimamente sta interessando anche i maggiori operatori. Per esempio, la banca “VTB 24” adesso vende i debiti arretrati per l’importo di 8 mld.di rubli e ha gia` annunciato che intende realizzarre i debiti “in sofferenza” per il doppio. Alla fine dell’anno il totale di questi debiti venduti potrebbe raggiungere anche i 30 miliardi (circa 700 mln di euro): il triplo dell’analogo importo del 2012.

       Agli analisti e agli esperti del settore bancario e di quello assicurativo segnalo il supplemento di 16 pagine, diffuso in allegato dal quotidiano “Izvestia” di giovedi` 31 ottobre: troverete molte informazioni e opinioni aggiornate su vari problemi dei suddetti settori; in particolare del divieto ad aprire filiali di  banche estere.

* Nell’edizione del 28 ottobre “Ekspert” (pag.53-56) ha riportato delle brevi analisi del sostegno degli investimenti (“spesso non corrispondono alle richieste fatte dalle start-up”) e della lotta agli schemi finanziari con l’uso di off-shore.

       

     “Kommersant” (30.X; pag.8) ha “monitorato” i dati della Banca centrale sulle operazioni finanziarie interstatali compiute dalle persone fisiche: si deduce che col passare gli anni il saldo diventa sempre piu` negativo per il sistema finanziario della FR.

* I vari aspetti dell’attivita` delle organizzazioni microfinanziarie sono trattate da “RBK daily” (30.X; pag.1 e 5) e da “Ekspert” (№ 43; pag.58-61) che rilevano il pericolo delle cosiddette “piramidi finanziarie” costruite da operatori illegali di questo mercato in espansione. Le compagnie trasparenti chiedono una regolamentazione piu` rigida del settore.

* “Izvestia”, “RG”, “Kommersant” (le pagine 2) e parecchi altri quotidiani di ieri (31.X) hanno ampiamente riferito sulla seduta del Consiglio presso il Presidente per la lotta alla corruzione, tenutosi mercoledi` scorso. Secondo Vladimir Putin, la liberalizzazione  delle leggi in materia avviata nel 2011, che prevedeva l’aumento delle pene pecuniarie in sostituzione  di arresti e di carcerazioni, “non ha dato risultati positivi”. Adesso i dirigenti degli organi di stato dovranno assumersi la responsabilita` personale per l’assunzione dei corruttori  I deputati della GosDuma (Camera bassa) hanno espresso gia` la disponibilita` a irrigidire la relativa legislazione. Il capo dell’Amministrazione presidenziale Serghej Ivanov ha comunicato che dopo la verifica delle dichiarazioni dei redditi di 9 500 funzionari 200 impiegati sono stati licenziati.   

* Infine, grazie a “RG” del 30.X (pag.7) e a “Kommersant” di oggi (pag.1 e 3), posso dare una risposta precisa ad alcuni nostri lettori “preoccupati” per la necessita` imposta ai conducenti d’auto stranieri, operanti in Russia, di avere la patente di guida russa entro il 5 novembre. Si, questa norma e` prevista da una nuova legge sulla sicurezza del traffico automobilistico. Ma riguarda soltanto gli autisti professionali di autovetture commerciali, che arrivano nella Federazione dai Paesi appartenenti alla CSI e non sanno il russo. Inoltre, come purtroppo succede spesso, dopo l’approvazione della legge non e` stato elaborato e diffuso tutto quanto serve per l’applicazione delle varie norme. Inoltre, come hanno informato i quotidiani, la norma dovra` entrare in vigore soltanto... dal 5 maggio dell’anno prossimo. 

 

 

Verso i Mondiali di calcio del 2018 in Russia

 

          Agli esperti e alle persone interessate  segnalo il quotidiano sportivo con maggiore diffusione in Russia “Sport-Express” del 30 ottobre (pag.1-2).  Ha pubblicato un approfondito sunto dell’intervento del ministro dello Sport Vitalij Mutko a una conferenza stampa a Mosca e una lunga intervista a Aleksei Sorokin, direttore generale del Comitato organizzatore del Campionato del mondo del 2018. I due importanti esponenti hanno diffusamente illustrato i molteplici aspetti dell’inizio della preparazione alla massima manifestazione calcistica e non hanno evitato le domande “difficili”, che hanno riguardato l’attivita` in alcune Regioni e le spese “enormi” previste gia` adesso. 

 

 

Attenzione!  

Lunedi` 4 novembre la Russia celebrera` la “Festa dell’unita` nazionale”.  Per cio` la prossima edizione della “Rassegna” sara` edita e inviata a Voi, cari lettori,  solo fra una settimana:  venerdi` 8 novembre.

 

 

Cari lettrici e lettori, grazie per l’attenzione.

Distinti e cordiali saluti.

 

A cura di Valerij Shvetsov (con la collaborazione di Canzio Cavallini)

e-mail: valerio.m@unimpresa.ru

Telefoni: ufficio +7 (495) 411-79-48 (int. 3413); cell: +7 (916) 531-04-45

www.confindustriarussia.it

 


 Associazione Conoscere Eurasia - Via dell'Artigliere, 11 37129 Verona Italia - C.F. 93197240232 - P.IVA 03739750234 T: +39 0458020904 F: +39 0459299924 M: info@conoscereeurasia.it