Rassegna della Stampa Russa - 07.03.2017

 

 


In occasione della Festa Internazionale delle Donne
la redazione invia a tutte le care lettrici
i più cordiali saluti e tanti sinceri auguri!

  Negli ultimi giorni molti quotidiani hanno scritto e riflesso sulla storia della Festa delle Donne (a parere di uno storico, la festa risale ai tempi dell’antica Roma) e sulle sue tradizioni nei vari Paesi (nell’URSS, in Russia, questa giornata di festa per tutta la popolazione è stata introdotta nel 1966 e in questo mezzo secolo non è cambiata molto). Alcune testate hanno messo in risalto un aumento del numero di donne che dirigono le PMI (nelle grandi aziende troviamo ai massimi vertici ancora poche donne) e lanciano start-up. I giornali hanno rivelato inoltre che i salari percepiti dalle donne spesso sono inferiori a quelli dei loro colleghi uomini; i funzionari delle autorità federali però hanno promesso alle donne un considerevole aumento dei loro stipendi fra qualche anno.
  È evidente che nei quotidiani non mancano numerosi consigli sul come festeggiare l’importante giornata “senza banalità e abbuffate”. Tra tutti i consigli e suggerimenti spicca quello espresso dal noto professore e filosofo Jurij Vjazemskij (Izvestia; 7.3, pag.6). Innanzitutto, perché si è rivolto alle lettrici con l’espressione “Vostra Maestà, Donna” e ha chiamato gli uomini a prestare molta attenzione e cortesia alle donne non solo nelle giornate del 7 e 8 Marzo ma ogni giorno! Bravo, professore!  
 

Eventi, problematiche e dati statistici generali 

   Vladimir Putin ha accolto e discusso con il vicepremier Aleksandr Khloponin l’andamento dell’Anno dell’ecologia in Russia. Nell’ambito di quest’anno lo stato e grandi società private realizzeranno centinaia di provvedimenti e misure finalizzate a migliorare la protezione della flora e della fauna. Tra questi figurano, in particolare: l’elaborazione di programmi relativi al passaggio di grandi aziende a tecnologie non nocive all’ambiente nei prossimi 2-3 anni, la costruzione dei primi 5 stabilimenti per il trattamento termico dei rifiuti nella Regione di Mosca, l’eliminazione e depurazione dei terreni inquinati, la protezione degli animali rari, ecc. In totale, quest’anno lo Stato intende stanziare per diversi fini circa 347 mld di rubli e i gruppi privati oltre 100 mld. Si prevede che nel 2017 le emissioni di sostanze nocive per l’uomo e per l’ambiente diminuiranno di 70 mila ton. Alcuni giornali hanno ricordato che il primo aprile p.v. per la prima volta produttori e importatori dovranno superare un test per la responsabilità ecologica – (Rossijskaja gazeta (RG), pag.2, del 6.3; Izvestija del 2.3, pag.1 e 6: l’articolo di Artjom Sidorov, capo del Servizio federale di controllo Rosprirodnadzor).
 
   Nel 2016 il risultato finanziario netto (l’utile meno le perdite) delle aziende russe (senza le piccole imprese, le banche e gli enti finanziati dal Bilancio) ammontava a 11.600 mld di rubli, ovvero il 38% in più rispetto all’anno precedente. 38.500 compagnie hanno ottenuto utili per un totale di 13.200 mld di rubli, mentre altre 13.500 organizzazioni hanno chiuso l’esercizio con una perdita congiunta di 1.600 mld di rubli – (Kommersant (Kom-t) del 6.3, pag.2).
 
   Le autorità di Mosca hanno definitivamente approvato i progetti di 3 nuovi grandi e originali parchi che saranno creati in diverse quartieri della megalopoli entro il prossimo autunno: un parco storico, uno archeologico e uno balneare.
 
  Fra 10 giorni a Mosca saranno aperte 3 nuove stazioni della metropolitana: Minskaya, Lomonosovskaya e Ramenki. Entro la fine di quest’anno saranno costruite in totale 19 stazioni e nuove linee per una lunghezza complessiva di 42 km. Per accelerare la costruzione delle stazioni verso la nuova parte della capitale e delle interconnessioni di trasporto intermodale la metropolitana assumerà oltre mille operai – (RG, pag.7, Metro, pag.4, del 6 Marzo, RG, pag.10, di oggi 7.3, ecc).  
 

Economia, settori e mercati, grandi aziende e Pmi 

   Nell’analizzare lo stato attuale dell’economia molti giornali hanno messo in rilievo che a febbraio i prezzi di consumo sono aumentati solamente dello 0,2% contro lo 0,6% nello stesso mese dell’anno scorso. A questo proposito gli esperti hanno rivelato che l’inflazione “cerca di seguire l’obiettivo della Banca Centrale: un’inflazione pari al 4% annuo”. Allo stesso tempo alcuni ricercatori ed analisti hanno fatto notare che la riduzione dell’inflazione procede più rapidamente del ritmo previsto dal MegaRegolatore e che “attualmente un’inflazione troppo bassa potrebbe ostacolare un ulteriore sviluppo dell’economia nazionale”.
 
  Il premier Dmitrij Medvedev si è detto convinto che “la nostra economia è entrata in una fase di crescita che quest’anno aumenterà dell’1-2%, ovvero come in molti paesi d’Europa”. Gli analisti della Banca Centrale hanno confermato in generale il parere del capo di governo su alcune tendenze positive nell’economia. Sulla base di molti indici industriali (la produzione industriale +0,8% a Febbraio, ecc) hanno previsto che nel primo trimestre il Pil aumenterà dello 0,1-0,4%, valore che corrisponde ad una crescita annua dello 0,4-0,7%. Tuttavia, non pochi economisti ed esperti hanno sostenuto negli ultimi giorni che “le affermazioni su “una ripresa dell’economia” non sono ancora convincenti”. Per motivare questa loro opinione hanno indicato che il lungo calo, di circa 25 mesi, della domanda di consumo che ha causato la crisi attuale in Russia, continua ancora: a Gennaio il giro d’affari del retail commerciale è diminuito del 2,3% rispetto allo stesso mese del 2016 – (RG pag.1 e 5, Kommersant, pag.2, Profil № 8, pag.24, ed Expert № 10, pag.64, del 6.3; Kom-t, pag.1-2, e RBK, pag.10, di oggi 7 Marzo).
 
  Lo stesso Expert (№ 10, pag.8) ha nuovamente intervistato Boris Titov, presidente del “Partito della crescita” e leader del “Club economico Stolypin”. Negli ultimi giorni, subito dopo la presentazione da parte del suddetto Club della “Strategia della crescita economica”, il documento è diventato un oggetto di accuse e travisamenti. Per questo motivo Titov ha focalizzato l’attenzione dei lettori sui principali punti della strategia, sottolineando che “è tesa ad aumentare l’economia e non a mantenere la cosiddetta stabilità attuale”.
  Vedomosti (1.3, pag.21), Expert (№ 10, pag.4) e alcuni altri giornali hanno riferito che nel 2016 la percentuale delle organizzazioni risultate in passivo è diminuita del 2,1% rispetto al 2015, e ha costituito il 26% del totale. L’anno acorso sono state escluse dal Registro statale delle persone giuridiche 780.000 organizzazioni, la maggior parte delle quali costituita dalle cosiddette aziende lampo (“фирмы-однодневки” in russo) destinate principalmente a operazioni illegali o criminali. Al primo gennaio il Registro ha compreso 4,5 mln di aziende e imprese.
 
   La rassegna delle pubblicazioni settoriali comincia da un’intervista del vicepremier Dmitrij Rogozin rilasciata a RG del 28 Febbraio (pag.11). Rogozin, in qualità anche di presidente della Commissione statale per i problemi delle regioni dell’Artico, ha illustrato e commentato le direttrici e le priorità dello sviluppo sociale ed economico dei territori adiacenti ai mari dell’Artico, di un avanzamento della scienza e della tecnica in questa regione, della creazione di infrastrutture moderne, della sicurezza ecologica, ecc. Una buona parte dell’intervista è stata dedicata all’uso e alla costruzione di numerosi rompighiaccio, compresi quelli atomici. Nel parlare degli aspetti internazionali della colonizzazione Dmitrij Rogozin ha ribadito che “la cooperazione internazionale con la Russia nell’Artico non è stata sospesa; anzi, adesso, continua molto attivamente”. Fra pochi giorni nel capoluogo regionale di Arkhanghel’sk avrà luogo il Forum internazionale “L’Artico è il territorio di un dialogo”.
Nell’edizione di oggi 7 Marzo lo stesso quotidiano RG (7.3, p.7) ha riferito sulle recenti prove e collaudi di nuovi campioni di armi e di tecnica militare nelle zone dell’Artico.
 
  A parere di molti specialisti, non solo russi, il settore russo della Sanità ha superato il periodo dell’informatizzazione di base e adesso è pronto ad utilizzare più ampiamente i sistemi delle tecnologie d’informazione più sofisticati. Questo dovrebbe trasformare molti segmenti della medicina russa ed elevare la qualità dei servizi offerti ai pazienti – (Expert № 9 del 27.2, pag.53- 59). A questo punto segnalo una corrispondenza di RG (6.3, pag.7): il giornale ha riferito che è stato prodotto con considerevole aiuto delle tecnologie spaziali un nuovo medicinale contro il cancro. Il settimanale Kompanija (№ 7 del 27.2, pag.26-30) ha pubblicato un articolo in cui si è trattato lo sviluppo del mercato della gerontologia commerciale e si rileva che “il mercato è orientato principalmente ad un uso elitario”.
 
  Ieri (06.03) a Mosca si è svolta la prima riunione del Collegio Aeronautico presso il governo. La nuova struttura è destinata a creare le condizioni per un’attiva promozione degli aerei civili e delle tecniche per l’aviazione, progettati e prodotti in Russia.Il Collegio dovrà approvare la realizzazione di molte misure finalizzate a cambiare l’attuale situazione del settore aeronautico, in cui gli aerei Boeing e Airbus costituiscono oltre 60% del parco russo dei velivoli. Lo scorso anno lo stato ha investito nel programma di sviluppo dell’industria aeronautica circa 53 mld di rubli – (RG; 7.3, pag.1-2). A questa informazione aggiungo alcune notizie sui risultati raggiunti dal leader dell’aeronautica civile russa, Aeroflot: lo scorso anno il suo utile netto è ammontato a 38,8 mld di rubli. La compagnia intende dividere la metà dell’importo record come dividendi, previa decisione degli azionisti del gruppo – (Vedomosti, p.12, e Kom-t, pag.11, del 3 Marzo).
 
   Alcuni altri giornali hanno descritto lo stato e le prospettive dei settori seguenti:
 
- l’ingegneria nautica: riceverà un maggiore sostegno aggiuntivo finanziario da parte dello Stato (3,7 mld di rubli nell’anno corrente e 10,8 mld nel 2018-2019), il che aiuterà ad aumentare il numero di nuove navi costruite dai cantieri russi – (Kom-t del 27.2, p.9 e 11, e del 3.3, p.11);
 
- la costruzione delle macchine utensili: la partnership pubblico-privata consentirà alle aziende della Regione di Lipetsk di controllare circa il 20% del mercato nazionale entro il 2020 – (Expert № 10 del 6.3, pag.25-27);
 
- l’industria automobilistica: lo sviluppo delle auto elettriche sarà il principale trend del settore nei prossimi 8 anni; uno stabilimento di automobili in Cecenia ha presentato nuovi fuoristrada leggeri ad uso civile e militare, che hanno suscitato grande interesse del Ministero della Difesa e della Guardia russa – (Kom-t, p.10, e RBK, pag.3, del 6 Marzo);
 
- il mercato immobiliare e le vendite delle merci per la costruzione e la riparazione delle case: le banche non favoriscono un ulteriore avanzamento dell’edilizia; nelle nuove case consegnate cominciano a prevalere gli appartamenti di piccolo metraggio; lo scorso anno le suddette vendite sono calate del 9% dopo la diminuzione del 5% nel 2015 – (Expert (№ 8 del 20.2, pag.30-33: l’intervista al grande imprenditore Andrej Bril; Vedomosti, 1.3, pag.19, e Kom-t del primo Marzo, pag.7 e 10, e del 3.3, pag.9 e 12 e pag.13: l’inserto settoriale);
 
- le importazioni di vino: nel 2016 i produttori spagnoli hanno fornito alla Russia il 21,2% del totale dei vini esteri; la percentuale del vino importato ha raggiunto il 28,6% del mercato russo – (RBK del 27.2, pag.8).  
 

Finanza, fisco, dogana, leggi, settore assicurativo 

   Nell’analizzare l’andamento degli acquisti di valuta realizzati negli ultimi giorni dal Ministero delle Finanze alcuni specialisti hanno sostenuto che attualmente “il meccanismo di stabilizzazione del corso del cambio del rublo funziona in un modo piuttosto strano”. Infatti dal 7 marzo il Ministero dovrebbe diminuire di 2 volte l’acquisto di dollari statunitensi tramite la Banca Centrale. A parere degli esperti, il Ministero aumenterà gli acquisti a partire dal mese di aprile e proprio in questo momento “comincerà una lotta reale contro il rafforzamento del rublo” – (Kom-t del 6.3, pag.1 – 2).
 
   RG, pag.7, Kom-t, pag.9, RBK, pag.1 e 9, e alcuni altri quotidiani del 6 Marzo hanno ampiamente illustrato e commentato la decisione della Banca Centrale della FR di revocare finalmente la licenza di Tatfondbank, secondo istituto di credito della Repubblica del Tatarstan. Alla fine della settimana scorsa il suo “buco” ha raggiunto 96,7 mld di rubli, innanzitutto in seguito all’“immobilismo” dei proprietari della Banca e delle autorità repubblicane. Secondo alcuni esperti il risanamento di Tatfondbank potrebbe aggirarsi sui 220-230 mld di rubli. Kom-t di oggi 07.03 (pag.8) ha riferito che il governo del Tatarstan non ha accettato l’ultimatum proposto dai clienti di Tatfondbank e dell’altra banca Intekhbank privata della licenza contemporaneamente al leader del settore bancario repubblicano
 
   Negli ultimi giorni la stampa ha trattato in particolare:
 
- per quali motivi gli investitori abbandonono il mercato azionario russo ( a Febbraio i valori dei principali indici del mercato sono diminuiti del 5,6-8,2%) – (Kom-t del primo e del 3 Marzo, pag.8);
- lo scorso anno l’utile netto della Borsa di Mosca è diminuito (per la prima volta negli ultimi 5 anni) del 9,6% su base annua ed è ammontato “solamente” a 25,18 mld di rubli. Il consiglio di sorveglianza della Borsa ha raccomandato di incanalare il 69,3% dell’utile per pagare i dividendi agli azionisti – (Vedomosti del 3.3, pag.15);
- le Pmi ricorrono ai crediti bancari più raramente rispetto al passato nonostante un graduale calo dei tassi d’interesse richiesti dagli istituti finanziari – (RG del 7.3, pag.11);
- nel 2016 lo stipendio medio degli impiegati civili degli organi federali è aumentato del 4% su base annua, ovvero in meno dell’inflazione (il 5,9%), e ha raggiunto 115.700 rubli al mese – (Kommersant del 2.3, pag.2L la rubrica Monitoraggio);
- il Patriarca russo Kirill ha proposto di creare una banca speciale per i poveri – (Vedomosti; 22 Febbraio, pag.6).  
 

Verso i Mondiali di calcio 2018 in Russia 

 
  Dai vari giornali si viene a sapere che:
 
- la ricostruzione dello Stadio di Luzniki di Mosca, dove saranno giocate le partite più importanti del campionato mondiale, è quasi terminata: a Luglio lo stadio riprenderà la sua attivita;
 
- la Commissione della FIFA durante la sua ultima ispezione in Russia ha rivelato che è rimasta soddisfatta dei lavori compiuti e dei pochi interventi da ultimare in tutti gli stadi che accoglieranno le partire della Coppa delle Confederazioni nel 2017 e dei Mondiali del 2018;
 
- le monete d’oro emesse dalla Banca Centrale per i Mondiali del 2018 hanno suscitato un grande aggiotaggio fra collezionisti ed investitori.  
 
 
 Cari lettori, grazie per l'attenzione. 

Cordiali saluti.
A cura di Valerij Shvetsov
e-mail: valerio.m@yandex.ru
Telefono - cell: +7 (916) 531-04-45

 


 Associazione Conoscere Eurasia - Via dell'Artigliere, 11 37129 Verona Italia - C.F. 93197240232 - P.IVA 03739750234 T: +39 0458020904 F: +39 0459299924 M: info@conoscereeurasia.it