Rassegna della Stampa Russa - 07.04.2017

 

 

Eventi, problematiche e dati statistici generali 

   Giovedì (06.04) la Russia ha onorato la memoria delle vittime dell’esplosione avvenuta lunedì 3 aprile nella metropolitana di San Pietroburgo, e ha espresso un categorico “net” (no) al terrorismo internazionale e nazionale durante i vari comizi, cortei, manifestazioni di solidarietà svoltesi a San Pietroburgo, Mosca e in molti altri capoluoghi e città russe con l’attiva partecipazione di decine di migliaia di persone. Altre numerose iniziative analoghe sono fissate per sabato 8 aprile. Tutte queste manifestazioni sono una delle risposte della società e delle autorità russe all’attentato terroristico compiuto da un kamikaze legato all’islamismo radicale e che ha provocato 14 vittime e oltre 50 feriti, molti dei quali si trovano ancora in gravi condizioni.
 
  Negli ultimi giorni le autorità e il parlamento hanno varato diversi provvedimenti mirati ad aumentare la sicurezza dei cittadini. Mercoledì (05.04) il premier Dmitrij Medvedev ha firmato una deliberazione del governo atta a rafforzare i sistemi di sicurezza nelle metropolitane russe. Gli investigatori hanno rivelato molti particolari dell’attentato nella metropolitana di San Pietroburgo avvenuto per mano di Akbarzhon Gialilov, 22-enne uzbeko che è arrivato in Russia dal Kirghizistan e poco tempo fa ha ottenuto la cittadinanza russa. Le forze dell’ordine hanno evidenziato che il terrorista ha costruito in casa le bombe rudimentali che ha poi portato nella metro seguendo le istruzioni dei radicali uzbechi che attualmente combattono in Siria. Ieri (06.04) un reparto della guardia nazionale ha arrestato a S.Pietroburgo e a Mosca 8 presunti complici dell’assasino, tra i quali potrebbe esserci l’altro kamikaze che avrebbe dovuto far esplodere la terza bomba nella metropolitana. Le autorità della Federazione Russa hanno ribadito la necessità di rafforzare la cooperazione dei Paesi della C.S.I. nella lotta costante al terrorismo – (tutti i giornali on-line e i quotidiani degli ultimi giorni, compresi Rossijskaja gazeta (RG), pag.1, 2 e 3, Vedomosti, pag. 2 e 3, Kommersant (Kom-t), pag.1, 4 e 6, del 6 aprile, nonché RG, pag.6 link:https://rg.ru/2017/04/06/regszfo/po-vsej-rossii-proshli-antiterroristicheskie-mitingi.html , Kom-t, pag.5, RBK, pag.2-3, Izvestia e molti altri quotidiani di oggi 7 Aprile).
 
   A parere di Aleksandr Lukashenko, presidente della Bielorussia, le sue trattative con Vladimir Putin a San Pietroburgo (03.04), durate oltre 5 ore, “hanno consentito di risolvere tutte le questioni riguardanti le relazioni bilaterali e di dare uno sguardo al futuro delle nostre economie” – (RBK del 3.4, pag.1, 6-7; Nezavisimaja gazeta del 5,4, pag.7, e il supplemento settimanale “Unione Bielorussia-Russia” (pag.1-2) a RG del 6 aprile – link: https://rg.ru/2017/04/05/putin-i-lukashenkoobsudili-kompleks-tekushchih-i-perspektivnyh-otnoshenij.html).
 
   Lo scorso anno il debito globale è aumentato di $7,6 trilioni e ha raggiunto 215.000 mld di USD, ovvero il 325% del Pil mondiale. A questo proposito gli economisti hanno messo in rilievo che il debito totale dei Paesi sviluppati ammontava a $160 trilioni (+$32 trilioni in 10 anni), ovvero il 390% del loro Pil congiunto. Nel 2017 sarà necessario rifinanziare gli obblighi per un totale pari a 1.100 mld di USD – (Kom-t del 5.4, pag.2: la rubrica Il monitoraggio).
   Un consorzio capeggiato dalla compagnia Pizzarotti & C. SpA ha vinto la gara d’appalto aperta per creare un Parco del futuro nel territorio del Centro espositivo VDNKh di Mosca entro l’autunno del prossimo anno. La compagnia italiana ha costruito in precedenza il Museo d’arte moderna “Garazh” nella capitale russa; attualmente sta realizzando un ospedale municipale a San Pietroburgo e alcuni viadotti e cavalcavie nella Regione di Mosca. Il contratto per la nuova opera ammonta a 11,35 mld di rubli. Le autorità municipali della capitale prevedono che il parco dovrà ricavare ogni anno circa 2,3 mld di rubli. Il compimento di questa opera sarà finanziata da un programma di investimenti finalizzati del governo locale – (RG, pag.10, Kom-t, pag.12, RBK, pag.10 – link: http://www.rbc.ru/newspaper/2017/04/05/58e3b6ff9a794762ba164f62, Metro, pag.3, e alcuni altri giornali del 5 aprile).
 
Martedì 4 aprile al cinema “Oktjabr’” (Ottobre) di Mosca si è aperto il 20° festival N.I.C.E. (New Italian Cinema Events) che quest’anno avrà luogo in 11 città russe. Gli amanti dell’arte cinematografica italiana potranno vedere 16 film. La direttrice del festival Viviana del Bianco ha rivelato che le opere selezionate per la Russia “presenteranno diversi aspetti della vita della società italiana e di tutto il mondo nella fase di globalizzazione”. Per la prima volta il festival presenterà un programma speciale di documentari. Il Festival continuerà a Mosca fino a domenica 9 aprile – (Profil № 12 del 3.04, pag.61; Kom-t del 5.4, pag.16, ecc).  
 

Economia 

   Situazione generale:
 
  Giovedì 6 aprile, pochi giorni dopo il Forum Internazionale per le problematiche dell’Artico svoltosi nella città di Arcangelo e la visita di Vladimir Putin, Dmitrij Medvedev e di molti ministri verso alcune zone dell’immensa regione e del Polo Nord, la grande società statale Rosneft ha iniziato i lavori di trivellazione del foro Centrale-1. Sarà il primo foro trivellato nel Mare Laptev fino ad una profondità di 5 km. In tal modo la società ha iniziato la colonizzazione di una “provincia settentrionale di petrolio”, le cui risorse attualmente sono stimate in 9,5 mld di ton di petrolio. Dal 2012 Rosneft ha investito nell’esplorazione della piattaforma continentale dei mari dell’Artico oltre 100 mld di rubli; nei prossimi 4 anni i suoi investimenti in questa zona aumenteranno di 2,5 volte, a 250 mld. Alcuni specialisti hanno notato che le compagnie petrolifere mondiali dopo il 2014 hanno diminuito i loro investimenti nell’Artico da $345 mld a $198 mld – (Izvestia del 4.4, pag.6; RG del 5.4, pag.4).
 
  Nel commentare il decreto del Capo dello Stato sulla subordinazione di Rosstat al Ministero dello Sviluppo Economico molti analisti, esperti e grandi imprenditori citati dai vari quotidiani hanno evidenziato che il provvedimento “è mirato ad aumentare la fiducia nei dati statistici ufficiali e a migliorare la gestione statale in diversi ambiti economici e della vita sociale”. Nei prossimi 4 mesi sarà elaborata una nuova strategia del Servizio statistico federale. A questo proposito l’accademico Viktor Ivanter ha sostenuto che fra poco tempo “gli economisti saranno in grado di prevedere con maggiore precisione le conseguenze di varie decisioni riguardo l’andamento dell’economia” – (RG pag.4 e 7 – link: https://rg.ru/2017/04/03/viktor-ivanter-ne-podderzhivaiuideiu-peredat-rosstat-minekonomrazvitiiu.html; Nezavisimaja gazeta, pag.1 e 4, RBK, pag.2, del 5 aprile).
 
  I convenuti al Forum della borsa hanno scrupolosamente discusso non solo le problematiche finanziarie. In alcuni interventi si è parlato di un acceleramento della ripresa economica appena iniziata voluto dalle massime autorità del Paese. Dai discorsi di El’vira Nabiullina, Anton Siluanov, Maksim Oreshkin e Gherman Gref è risultato però che nessun aumento dei prezzi del petrolio potrà far incrementare il Pil oltre il 2% annuo. I ministri e alti funzionari per l’ennesima volta hanno insistito sulla necessità di riforme strutturali, ammettendo tuttavia che queste riforme “potrebbero dare qualche risultato solamente nel 2019, qualora venisse cambiato in anticipo il sistema di gestione” – (Kom-t, p.2, e Vedomosti, p.4, del 6.4).
 
RG, pag.4, Kom-t, pag.1-2, RBK, pag.1 e 9, e alcuni altri giornali di oggi 7 aprile hanno prestato molta attenzione alla prima previsione macroeconomica vidimata dal ministro Maksim Oreshkin (link:http://www.rbc.ru/newspaper/2017/04/07/58e656db9a79476a4fa7038d). Lo scenario di base prevede un aumento del Pil del 2% annuo nel 2017 e dell’1,5% in ognuno dei 3 anni successivi. Un altro scenario, quello “finalizzato”, prevede un aumento dell’economia dell’1,7% nel 2018 e fino al 3,1% nel 2020. A parere del ministro, il cambio del dollaro aumenterebbe nei prossimi mesi a 63-64 rubli a $1 e a 68 rubli a $1 entro la fine dell’anno.
 
  Nel 2016 in Russia hanno operato 172.900 piccole imprese (senza contare le microimprese), il 30% in meno rispetto al 2015 (242.700 persone giuridiche). Il 33% di queste imprese - ha riferito il Rosstat - è stato impegnato nel commercio, nella riparazione di automobili e di elettrodomestici, il 16% opera nel settore immobiliare. Nel Registro del piccolo e medio business, redatto dalle Autorità tributarie federali, dopo la prima decade di quest’anno sono state annoverate 5,97 mln di pmi, di cui 5,69 mln di microimprese (con un organico inferiore a 15 dipendenti e ricavi pari a 120 mln di rubli all’anno) e 239.200 piccole imprese-persone giuridiche (fino a 100 dipendenti; con un fatturato annuo di 800 mln di rubli) – (Kom-t del 3.4, pag.2).  
 
   Settori, grandi società e PMI:
  La rassegna delle pubblicazioni settoriali comincia dalla relazione speciale “Made in Russia” pubblicata da Expert nella sua ultima edizione № 14 del 3.04, pag.37-74 – link: http://expert.ru/2017/04/7/sdelano-v-rossii---spetsialnyij-doklad/. Il settimanale ha fatto l’approfondita analisi della dinamica delle esportazioni russe e ha constatato un notevole aumento della domanda in vari Paesi di diverse merci ad altro livello tecnologico e profonda trasformazione esportate dalla Federazione Russa.
 
  Vi segnalo ora una serie di supplementi approfonditi che presentano un quadro generale del settore o dell’industria e mettono in evidenza alcune loro particolarità. Sono:
 
- Tecnologie d’informazione di Kommersant del 30 marzo (pag.13-18);
 
- Farmaceutica di RG del 29 marzo (pag.A1-A4);
 
- Sanità di RBK del 5.4 (pag.1-4): il supplemento è dedicato alle biotecnologie mediche degli anni futuri (link: http://www.rbcplus.ru/news/58e38d1c7a8aa97338fc1454?from=joined_project). Agli analisti segnalo inoltre: un articolo di Profil № 12, pag.27-29, su alcuni problemi del settore; due commenti di Kommmersant (28.3, pag.2) relativi a una crescita della medicina privata (nell’anno scorso il mercato dei servizi medici a pagamento è aumentato dell’8,2% su base annua e ha raggiunto 622 mld di rubli); nonché un servizio di RG (21.3, pag.1 e 11) sui bassi stipendi dei medici);
 
- Ecologia di Kommersant del 31 marzo (pag.1-16; si tratta in particolare di alcuni progetti da realizzare nel 2017); a questo punto segnalo anche un articolo di Izvestia (27.3, pag.4) che ha riassunto molte informazioni sulla partecipazione delle compagnie petrolifere all’“Anno dell’ecologia in Russia”.
 
  Nell’analizzare lo stato attuale dell’industria automobilistica la stampa ha ultimamente riferito che il Ministero dello Sviluppo Economico ha delineato alcune misure tese ad affrontare i gravi problemi della componentistica. Attualmente circa la metà del mercato dei pezzi di ricambio e di componenti (il suo totale è di $40 mld all’anno) è costituita da produzione contraffatta – Kom-t del 5.4, pag.9. Nella sua edizione del 6 aprile Vedomosti (pag.9 – link: http://www.vedomosti.ru/auto/articles/2017/04/06/684358-podderzhki-avtoproma) ha illustrato alcune misure di sostegno all’industria dell’auto proposte dal Ministero summenzionato: in particolare, nei programmi di crediti agevolati e di leasing saranno previsti sconti aggiuntivi.
Profil № 12 del 3.04, pag.55-59, ha ampiamente descritto l’espansione del settore del car sharing a Mosca e S.Pietroburgo e ha messo in evidenza i suoi principali problemi: assicurazione, parcheggi, pubblicità insufficiente, ecc.
Infine, riporto alcuni dati aggiornati resi noti dall’Ispettorato stradale federale (GhIBDD): lo scorso anno ha registrato in Russia 173.694 incidenti stradali (-5% su base annua) che hanno causato 20.308 vittime (oltre il 12% in meno rispetto all’anno precedente).
 
  Gli analisti ed esperti del settore missilistico spaziale troveranno delle informazioni aggiornate sul suo stato attuale e sulle prospettive nel commento di RBK (3.4, p.4) relativo alle conseguenze del lancio reiterato del missile vettore americano Falcon 9 – Kommersant (5.4, pag.4 – link: http://www.kommersant.ru/doc/3261619) ha pubblicato un’approfondita conversazione con Andrei Kalinovskij, direttore generale del “Centro scientifico e produttivo Khrunicev”, leader della costruzione di missili che nel 2015 ha ricavato 32,8 mld di rubli. Inoltre ha spiegato i vari motivi del rinvio del primo lancio del missile pesante “Angara” e della ripresa della produzione dei missili “Proton”.
Profil (№ 12 del 3.04, pag.22-30) ha pubblicato un’analisi della grave situazione dell’aeronautica civile: attualmente l’industria nazionale produce solamente circa l’1% della produzione mondiale.
 
  Il Ministero dell’Agricoltura ha diminuito, innanzitutto a causa di alcuni fattori internazionali, la previsione relativa all’export di cereali in questa annata agricola che dura dal luglio 2016 al prossimo giugno del 2017. Il calo è veramente considerevole: da 37 a 33,9 mln di ton. Gli analisti e alcuni operatori del mercato sono più ottimisti: puntano su un aumento dell’export da 35,9 a 36,7 mln di ton. Nell’annata 2015-2016 la Russia ha esportato 34,4 mln di ton di cereali – (Vedomosti, pag.19 – link: https://www.vedomosti.ru/business/articles/2017/04/04/683999-minselhoz-ponizi, e Kom-t, pag.12, del 4 aprile).
Altre notizie settoriali sono più incorraggianti: secondo un progetto della strategia del Ministero dell’industria e del Commercio, entro il 2030 il mercato russo delle macchine agricole aumenterà di 2,3 volte rispetto al 2016 a 265 mld di rubli, la produzione sarà triplicata a 298 mld di rubli (con la percentuale dei prodotti locali fino al 70%) e la percentuale dell’export crescerà di 5 volte, a 50%. Il sostegno statale è stimato in 70 mld di rubli – (Kom-t del 3.4, pag.9 e 11,- link: http://www.kommersant.ru/doc/3260516). Lo stesso Ministero ha constatato che l’anno scorso nei negozi di alimentari la percentuale dell’import è scesa al 23% del loro assortimento, l’indice più basso degli ultimi 16 anni. Per alcune merci questa percentuale è stata quasi azzerata – (Izvestia del 4 aprile, pag.6).  
 
   Altre informazioni:
 
- La “T2 RTK holding” (il brand Tele2) è l’unico operatore del mercato della telefonia mobile che nel 2016 ha aumentato (+1,1%) la sua percentuale di ricavi fino al 12% del totale del mercato che costituisce solamente la metà della quota di mercato controllata da “Vympercom” – (Vedomosti del 6.4, pag.13 – link: http://www.vedomosti.ru/technology/articles/2017/04/06/684371-dolyatele2-virosla);
 
- la compagnia privata NOVATEC nell’ambito del suo grande progetto “Jamal gas liquido” ha ricevuto il primo rompighiaccio al mondo adatto a trasportare il prodotto nei mari glaciali – (Kom-t, pag.11, e Vedomosti, pag.13, del 31 marzo);
 
- nel primo trimestre di quest’anno, per la prima volta dal 2014, l’indice delle aspettative dei consumi in Russia ha raggiunto 100 punti che dividono la zona negativa da quella positiva dell’indicatore – (Vedomosti del 31.3, p.11, ed Expert № 14, pag.4; RBK del 7.4, pag.8). Negli ultimi mesi del 2016 i russi hanno aumentato le spese per le applicazioni mobili: i negozi specializzati hanno ricavato circa $300 mln – (Kom-t del 4 aprile, pag.13). Alla fine dello scorso anno le donne russe hanno aumentato le spese per i prodotti cosmetici e per l’igiene personale – (Vedomosti del 6.4, pag.19 – link: http://www.vedomosti.ru/business/articles/2017/04/06/684375-mensheekonomit-kosmetike).  
 

Finanza, fisco, dogana, leggi, settore assicurativo 

   A gennaio il risultato finanziario netto delle aziende russe è ammontato a 982,7 mld di rubli. In un anno la percentuale delle compagnie in passivo è diminuita del 2,4% e ha costituito il 35,2% del totale delle organizzazioni analizzate – (Kom-t; 30.3, pag.2).
Lo scorso anno l’Agenzia “Rosfinmonitoring” e alcuni altri servizi di controllo finanziario hanno scongiurato un peculato delle risorse budgetarie pari a 5 mld di rubli e hanno bloccato i trasferimenti per circa 300 mld di rubli destinati al “settore sommerso” – (RG del 30.3, pag.2).
 
  Il presidente Putin, il premier Medvedev, i ministri e i deputati della GosDuma e del Consiglio della Federazione (le due Camere dell’Assemblea federale) hanno presentato tempestivamente, ovvero prima dell’inizio del mese di aprile, le dichiarazioni sui redditi, sui beni posseduti e sulle grandi spese sostenute nel 2016. Entro il prossimo mese, dopo una relativa verifica, tutte queste informazioni saranno pubblicate sul sito del CdM – (RG del 3.4, pag.2).
 
   Nel descrivere i diversi aspetti dell’andamento dell’economia nazionale i giornali hanno rivelato che lo scorso anno gli investimenti stranieri diretti in Russia sono calati fino a $12,9 mld: nel 2015 ammontavano a $14,1 mld – (Vedomosti del 31.3, pag.5: il servizio è corredato da un grafico dei suddetti investimenti a partire dall’anno 2000).
 
  Expert (№ 14 del 3.04, pag.96 – link: http://expert.ru/expert/2017/14/chut-bolshe-polovinyipromyishlennikov-udovletvorenyi-masshtabom-sprosa/) nella sua analisi dell’attuale congiuntura d’affari ha focalizzato l’attenzione sull’esaurimento degli effetti della svalutazione degli anni 2014- 2015.
Ha evidenziato inoltre un considerevole calo degli investimenti nel 2016, circa il 12% rispetto al 2013, nelle Regioni di Krasnodar, Kemerovo, Novosibirsk, Perm’, Celjabinsk, ecc: in totale in 47 Regioni e Territori della Federazione Russa.
 
   Il settimanale Profil № 12 del 3 aprile ha pubblicato (pag.44-51 – link: http://www.profile.ru/economics/item/116431-god-v-rezhime-stabilnosti) un’analisi della situazione del sistema finanziario (“funziona senza le crisi ma una sua vera normalizzazione è ancora lontana”), un commento sui risultati del recente congresso dell’Associazione delle banche russe, nonché la lista delle 200 maggiori banche per importo del capitale societario (al primo marzo di quest’anno). Nella stessa edizione (pag.14-15) ha descritto, in modo piuttosto critico, l’attività di Elvira Nabiullina, governatore della Banca Centrale, negli ultimi 4 anni.
 
  RG (pag.5) e Kommersant (pag.10 – link: https://rg.ru/2017/04/04/centrobank-vpervyeprekratil-rabotu-8-sajtov-nelegalnyh-kreditorov.html) del 5 aprile hanno riferito che in Russia, per la prima volta e su iniziativa della Banca Centrale, sono stati chiusi 8 siti di creditori illegali, mascherati come organizzazioni microfinanziarie, e che il Regolatore “ha ultimato l’elaborazione di uno standard statale per la difesa delle informazioni delle organizzazioni finanziarie”.
 
   Andrej Kostin è stato nominato presidente di VTB per la quarta volta consecutiva (il suo contratto precedente scade il 9 giugno p.v.). Dirige questo istituto finanziario dal giugno del 2002. In questo periodo VTB, banca inizialmente di medie dimensioni, è stata trasformata nel secondo istituto finanziario di credito del Paese. Nell’incontro con il premier Medvedev il presidente ha promesso che nel 2019 l’utile della banca supererà di 4 volte quello attuale, ovvero ammonterà a oltre 200 mld di rubli – (Vedomosti pag.14, e RG, pag.5, del 6 aprile).
 
   Negli ultimi giorni i vari giornali hanno trattato i seguenti argomenti:
 
- il governo ha approvato i parametri del passaggio della banca “Capitale russo”, attualmente una banca affiliata dell’Agenzia per l’assicurazione dei depositi, all’Agenzia dei crediti ipotecari nell’edilizia. L’operazione costerà in totale circa 60 mld di rubli – (Kom-t; 29.3, pag.8);
 
- la primavera in Russia è il periodo delle assemblee annuali degli azionisti e della definizione dei dividendi – (Kommersant den’ghi № 8 del 28.3, pag.14-15 – link: http://www.kommersant.ru/doc/3249137);
 
- il numero dei cittadini russi che possono dichiarare fallimento è vicino al milione – (RG del 29.3, pag.12);
 
- l’attività delle agenzie di rating – (Kom-t del 31.3, pag.13: l’intervista a Serghej Tiscenko, direttore generale dell’agenzia “Expert RA”.
 
   Infine agli esperti del settore assicurativo segnalo:
 
- un servizio di RBK (3.4, pag.10-11) sulla prossima unione della compagnia “Rosgosstrakh” con la banca “Otkrytie”;
 
- una rassegna della situazione attuale del mercato delle assicurazioni (Expert № 13 del 27.3, pag.78-83);
 
- un articolo di RBK (5.4, pag.11) relativo all’ingresso della compagnia “Broker di assicurazione di Sberbank” nel mercato del cyber-insurance.  
 
 
 Cari lettori, grazie per l'attenzione. 

Cordiali saluti.
A cura di Valerij Shvetsov
e-mail: valerio.m@yandex.ru
Telefono - cell: +7 (916) 531-04-45

 


 Associazione Conoscere Eurasia - Via dell'Artigliere, 11 37129 Verona Italia - C.F. 93197240232 - P.IVA 03739750234 T: +39 0458020904 F: +39 0459299924 M: info@conoscereeurasia.it