Rassegna della Stampa Russa - 05.05.2017

 

 

Eventi, problematiche e dati statistici generali 

   Lunedì 1º maggio milioni di russi hanno partecipato alle numerose manifestazioni, cortei, comizi e concerti dedicati alla Giornata internazionale del lavoro che hanno avuto luogo in 700 grandi e medie città e piccoli comuni. A Mosca circa 1,5 mln di persone hanno celebrato la festa con una solenne dimostrazione svoltasi sulla Piazza Rossa all’attiva partecipazione di oltre 130 mila operai, tecnici, studenti, uomini, donne e bambini, nonché con varie manifestazioni organizzate dal municipio e dai vari sindacati presso i parchi e luoghi di ritrovo e coronate da spettacolari fuochi d’artificio nella tarda serata.
  Negli ultimi giorni nella capitale e in molte altre città continuano i preparativi per l’altra grande festa di maggio in Russia: il 72o anniversario della Vittoria nella guerra contro il nazifascismo (1941-1945). A Mosca le celebrazioni del 9 maggio (nei Paesi europei alcune feste avranno luogo il giorno prima), data ancora molto importante per tutto il Paese, saranno contrassegnate da due eventi centrali. Il primo è la parata militare, a cui prenderanno parte 11 mila ufficiali e soldati e saranno esposte 120 nuove armi e campioni della tecnica militare, tra cui anche quella destinata per le zone dell’Artico. Il secondo evento sarà il corteo popolare “Regimento immortale”: circa 16 mln di persone passeggeranno per le vie centrali della capitale, delle città, comuni e villaggi con ritratti e grandi foto dei loro nonni, padri, fratelli e parenti che hanno sacrificato le proprie vite per combattere il nemico e difendere la libertà e la sovranità della Patria.
  Anche quest’anno una buona parte della popolazione è riuscita ad unire le due feste e in tal modo a poter usufruire di un periodo di ferie di dieci giorni. A questo proposito gli operatori del mercato turistico hanno rivelato che nelle ultime settimane la popolarità dei viaggi interni, in particolare quelli verso l’esotica Crimea e la città balneare di Soci, è diminuita del 10-30% su base annua mentre le prenotazioni per le città e i centri turistici stranieri sono aumentate del 20-30% rispetto al 2016 – (le agenzie d’informazione, Internet e i giornali dell’ultima settimana, compresi Rossijskaja gazeta (RG), Izvestia, Mosca Sera, Metro del 2.5 ; Kommersant (Kom-t) del 3.5, pag.7; tutti i quotidiani del 4 e 5 maggio, compreso RG del 4 maggio, pag.6: link: https://rg.ru/2017/05/03/reg-cfo/7-maia-v-stolice-projdet-finalnaia-generalnaia-repeticiia-parada-pobedy.html, e RG del 5.5, pag.7: link: https://rg.ru/2017/05/04/reg-cfo/kakuiu-novuiu-tehniku-pokazhut-na-voennom-parade-v-moskve.html).
 
   Martedì (2 maggio) Vladimir Putin ha discusso nella sua residenza a Soci con la cancelliera tedesca Angela Merkel l’attuale stato delle relazioni bilaterali, la preparazione del vertice G20 che si terrà in Germania, i due “dossier più caldi” della situazione internazionale: Siria e Ucraina, ecc. Gli interlocutori hanno ribadito che la soluzione della crisi in Siria possa essere solo quella dell’instaurazione della pace in questo Paese sotto il controllo delle Nazioni Unite. I giornali hanno rivelato inoltre che malgrado le sanzioni internazionali imposte a Mosca la Germania continua a mantenere il primo posto tra i partner europei della Russia e il secondo posto, dopo la Cina, tra i partner mondiali della Federazione. In relazione a ciò molti quotidiani hanno citato come la Merkel abbia ammesso la possibilità di abolire le sanzioni contro la Russia qualora fossero realizzati gli accordi di Minsk tesi a risolvere i problemi interni in Ucraina. Purtroppo, a parere di alcuni corrispondenti, dopo le trattative Putin-Merkel di Soci le contraddizioni tra Russia e Germania relative alla situazione nel sud-ovest dell’Ucraina “sono diventate più rigide” – (Profil № 16-17 del primo maggio, pag.16-17) Izvestia, pag.4, e Kom-t, p.1 e 6, del 2.5; RG del 3.5, pag.1-2: link: https://rg.ru/2017/05/02/putin-provel-peregovory-s-kanclerom-frg-angeloj-merkel.html, Kom-t, p.1 e 3, Izvestia, pag.2, del 3.5, Metro, p.14, del 4.5).
 
  Mercoledì (03.05) Vladimir Putin ha accolto a Soci il suo omologo turco Erdogan. I leader hanno focalizzato l’attenzione sulla situazione in Siria, sulla lotta al terrorismo e all’adempimento degli accordi sulla collaborazione bilaterale raggiunti a marzo. In seguito a questi colloqui le parti hanno abolito quasi tutte le limitazioni nel commercio reciproco. Vladimir Putin ha dichiarato durante la conferenza stampa che “la Russia ha proposto di creare in Siria delle zone di sicurezza (di stabilità) atte ad avviare gradualmente un dialogo politico tra tutte le parti e i Paesi coinvolti”. Molti osservatori e politici citati dalla stampa hanno messo in rilievo che a breve Erdogan dovrebbe recarsi negli USA per le sue trattive con Donald Trump – (Vedomosti, p.1, 2 e 18, link: https://www.vedomosti.ru/business/articles/2017/05/04/688607-rossiya-turtsiya, Kom-t, pag.6, del 3.5; RG, p.2, Kom-t, p.1, 3, 6 e 10, e gli altri quotidiani del 4 maggio; RG del 5.5, pag.2 e 4).
 
   Dalla struttura del Bilancio dello Stato alleato Bielorussia-Russia si deduce che quest’anno le entrate ammonteranno a 6,712 mld di rubli russi e le uscite a 4,873 mld. Si prevede un attivo pari a 1,83 mld di rubli russi – (il supplemento settimanale a RG del 27.4, pag.1 e 3).
 
   Nell’analizzare le tendenze attuali del mercato del lavoro in Russia gli specialisti hanno evidenziato che i datori di lavoro privati sono disposti ad aumentare gli organici aziendali mentre nel settore statale prevalgono i processi di “ottimizzazione” del quantitativo dei dipendenti. Si rileva inoltre che dopo una stabilizzazione del mercato di alcuni mesi fa adesso le aspettative dei lavoratori sono peggiorate. Gli operai e gli specialisti dei settori assicurativo e bancario, nonché le persone impiegate in diversi ambiti culturali sono annoverati tra le categorie meno protette. Tra le professioni più numerose figurano gli autisti (un occupato su 15 ovvero il 7% del totale della popolazione attiva) e le persone impiegate nel commercio (il 6%).
  Attualmente la disoccupazione in Russia ammonta a 4,2 mln di persone, di cui il 31% è in cerca di lavoro da più di un anno. L’indice più alto della disoccupazione è stato registrato nella Repubblica degli Ingusci tra gennaio e marzo: il 27,1% della popolazione attiva. A Mosca e a San Pietroburgo questo indice è pari rispettivamente all’1,6% e all’1,7%. A marzo l’indice generale della disoccupazione è sceso al 5,4% mentre a gennaio e febbraio ha costituito il 5,6%. Allo stesso tempo in Russia lavorano circa 10 mln di emigranti (al primo gennaio); lo scorso anno sono entrati in Russia per motivi di lavoro oltre 16,4 mln di stranieri – (RG, pag.6, del 20.4; Expert № 17 del 24.4, pag.5; Kom-t, pag.2, del 27.4; Metro, pag.12, e Kom-t, pag.2, del 2 maggio).
   “Soci è una delle mie città preferite in tutta Europa. Il Grand Prix Russia in questa città è il punto più bello nel calendario delle corse della “Formula-1” – questo è ciò che ha affermato il presidente onorario della Formula-1 Bernie Ecclestone nell’intervista rilasciata domenica 30 aprile al quotidiano Izvestia (03.05, pag.12).  
 

Economia 

   Situazione generale:
 
  Il Ministero dello Sviluppo Economico e la Banca Centrale (BCR) hanno reso noti dei dati molto divergenti riguardo la crescita del Pil nel primo trimestre di quest’anno. A parere del dicastero, il Pil è aumentato dello 0,4% su base annua, mentre gli analisti della banca hanno sostenuto che il Pil sia aumentato dell’1% rispetto all’ultimo trimestre dell’anno scorso. Adesso il ministro Oreshkin e gli esperti aspettano la prima stima della dinamica del Pil da parte del Rosstat che sarà pubblicata entro il 17 maggio. Nel frattempo molti analisti, tenendo conto che un ulteriore calo dell’inflazione avverrebbe contemporaneamente ad una diminuzione dell’attività economica, non hanno escluso “il ritorno dell’economia verso un ristagno negativo”. Alcuni specialisti hanno rivelato che l’economia nazionale “non ha notato che in un anno il prezzo del petrolio è aumentato del 60%” – (Nezavisimaja gazeta del 24.4, pag.8, link: http://www.ng.ru/week/2017-04-23/100_6980_weekecon.html.html e del 26.4, pag.2; Profil № 16-17 del primo maggio, pag.6; Kom- t del 3 e del 4 maggio, le pagine 2).
 
  Nel descrivere alcuni aspetti e fattori dell’attività economica la stampa ha evidenziato l’aumento (+3,4%) del consumo dell’energia elettrica ad aprile, spiegato, a parere degli specialisti, dalle temperature medie più basse rispetto allo stesso mese dello scorso anno. I ricercatori hanno accertato inoltre un progresso nella sostituzione delle importazioni: nell’economia il peso dell’import sul valore aggiunto è diminuito dal 53% nel 2013 al 47% nell’anno scorso, nelle industrie della trasformazione e nell’agricoltura è calato dal 15,3% al 14,9%. La sostituzione dell’import negli ultimi anni ha riguardato principalmente i settori, la cui produzione è caratterizzata da un basso contenuto tecnologico – (Kom-t del 4.5, pag.2, e del 25 aprile, pag.2: la rubrica Monitoraggio; link: http://kommersant.ru/doc/3281368).
A questo punto segnalo un’intervista di Izvestia (24.4, pag.1 e 6), in cui si riferisce che a giugno il Ministero dell’Industria e del Commercio e il “Centro russo per le esportazioni” apriranno un nuovo “Centro per la congiuntura d’affari” che dovrà fornire expertise gratuita per le aziende russe disposte ad intervenire sui mercati esteri. Segnalo inoltre un articolo scritto dal noto economista Jakov Mirkin per il quotidiano del governo
RG (3.5, pag.5: link: https://rg.ru/2017/05/02/iakov-mirkin-bez-ustojchivosti-sobstvennosti-u-nas-ne-budet-rosta-ekonomiki.html). L’autore ha espresso il suo parere sulla situazione e le aspettative dei proprietari russi e sui rapporti tra la comunità imprenditoriale locale e lo Stato. Attualmente circa il 60% dei titolari di Pmi sostiene che “il business in Russia non è ancora inoffensivo e senza pericolo”.  
 
   Settori, grandi società e PMI:
 
  Il CdM ha stanziato 48,8 mld di rubli per sostenere in diversi modi l’industria automobilistica, il cui potenziale produttivo è utilizzato solamente per il 50%. I sussidi diretti al settore, circa 25 mld, dovrebbero aiutare a produrre in aggiunta 250 mila autoveicoli. Il governo ha stanziato dal suo fondo di riserva 80,3 mld di rubli al fine di sostenere le industrie e innanzitutto la costruzione delle macchine. Secondo la previsione del governo, quest’anno le vendite di nuove autovetture dovrebbero aumentare del 5%, a 1,7 milioni di unità – RG del 4.5, pag.2.
Vedomosti (pag.2) e Kommersant (pag.8) del 2 maggio hanno riferito che il governo ha cambiato le condizioni per la ricezione dei sussidi dalle società esportatrici di automobili, e che un aumento dei prezzi di nuove auto ha influito in maniera considerevole sull’incremento del numero di crediti all’acquisto di una nuova automobile. Nel primo trimestre le banche hanno concesso questi crediti per un totale di 87 mld di rubli, il 37% in più sullo stesso periodo dell’anno scorso.
 
  Allo stesso tempo il ministro Nikolaj Nikiforov non è ancora riuscito a trovare le finanze necessarie, circa 5 mld di rubli, per il Fondo di sviluppo delle tecnologie d’informazione istituito a gennaio. Adesso le sue speranze sono legate al Bilancio federale modificato e ai bilanci delle società statali che acquistano software stranieri – (Vedomosti del 4.5, pag.17).
 
  A parere di Kommersant (25.4, p.9), in Russia operano due industrie carbonifere. Una lavora per l’export o produce il carbone cokefacibile ed è un settore ricco; l’altra industria produce carboni energetici per il mercato interno ed “ha molti problemi e pochi profitti”.
 
  Il Ministero dell’Agricoltura in seguito alla diminuzione dei finanziamenti statali intende cambiare il programma di sviluppo dei territori rurali fino al 2020. Si prevede che saranno diminuite la consegna di nuove case e abitazioni (2,9 mln di metri quadrati invece di 3,6 mln) e la costruzione di nuove strade – (Izvestia del 3,5, pag.6-7).
 
  L’agenzia russa di rating AKRA nella sua prima ricerca settoriale approfondita ha previsto per i prossimi 5 anni la diminuzione dell’eccesso di potenza nella produzione di energia elettrica e l’aumento di circa il 6,4% annuo (il 10-12% in più secondo i grandi operatori del mercato) dei costi dell’elettricità per l’industria – (Kommersant del 24.4, pag.9).
 
  Il Servizio antitrust federale ha accertato (“finalmente”) che il prezzo del pesce in Russia è troppo alto per il grande numero di compagnie intermediarie che si occupano di trasformazione, imballaggio e trasporto del prodotto. La compagnia “Acquacultura russa”, leader dell’industria ittica, nel 2016, per la prima volta dal 2013, ha ricevuto un utile netto di 3,9 mld di rubli contro una perdita di 1,3 mld di rubli nell’anno precedente – (RG del 26.4, pag.13, e Vedomosti del 27.4, pag.19,link: https://www.vedomosti.ru/business/articles/2017/04/27/687689-russkaya-akvakultura-pribil).
 
  I giornali hanno descritto inoltre alcuni aspetti dei seguenti settori: il mercato pubblicitario – (Kom-t del 2.5, pag.7 e 10, ha commentato il rating delle maggiori agenzie dei media); il retail commerciale che dovrà continuare a “lavorare con clienti principalmente poveri e indifferenti verso la moda” - Profil № 15 del 24.4, pag.35-38 e ad elevare la qualità dei prodotti in vendita (RG del 2.5, pag.5, link: https://rg.ru/2017/05/01/maksim-protasov-kazhdyj-tretij-tovar-v-rossii-ne-sootvetstvuet-normam.html); la Sanità (Profil № 14 del 17.4, pag.58-59; Nezavisimaja gazeta del 26.4, pag.8, e il supplemento settoriale a Kommersant del 27.4, pag.17-22); il settore della ristorazione che, come ha riferito il Rosstat, tra gennaio e febbraio di quest’anno ha fatturato circa 200 mld di rubli – (Kom-t del 2.5, pag.10).  
 
   Altre informazioni:
 
- la Corporazione aeronautica unita ha iniziato a consolidare gli attivi della sua divisione trasporti sulla base della SpA “Il” – (Kom-t del 5.5, pag.9);
- i risultati finanziari della holding “Elicotteri della Russia” sono peggiorati in seguito al rafforzamento del rublo e al calo della domanda in tutto il mondo – (Kom-t del 2.5, pag.9);
- quest’anno la società Tele2 intende costruire le reti LTE (4G) in 25 regioni russe – (Vedomosti; del 4.5, pag.16);
- ad aprile il gruppo Gazprom ha aumentato le esportazioni verso i Paesi europei del 15%, portandole a 15 mld di metri cubi al mese – (Kom-t del 3.5, pag.9);
- la Corporazione Rosatom sta per iniziare un’ampia riforma dell’attività amministrativa e di gestione al fine di ridurre le spese societarie interne – (Kom-t; 2.5, pag.1 e 9);
- quest’anno, anno dell’ecologia in Russia, si prevede la costruzione di 4 inceneritori nella Regione di Mosca e un inceneritore a Kazan’, capitale della Repubblica del Tatarstan – (Vedomosti del 2.5, pag.4 – link: https://www.vedomosti.ru/economics/articles/2017/05/02/688225-dochka-rosteha-musoroszhigatelnii-proekt);
- la realizzazione del programma “Mia via” contribuirà a trasformare il centro di Mosca in una zona della cultura e in un “museo a cielo aperto” – (Profil № 16-17 del primo maggio, pag.46-47, e Metro del 2.5, pag.6).  
 

Finanza, fisco, dogana, leggi, settore assicurativo 

  Ad aprile le dogane russe hanno trasferito all’erario federale 326 mld di rubli. Nei primi 4 mesi di quest’anno hanno riscosso in totale 1.355 mld di rubli, il 7% in più rispetto al medesimo periodo dello scorso anno – (Kom-t del 5.5, pag.2).
 
   In una settimana i russi hanno investito 5,4 mld di rubli nelle obbligazioni del prestito federale (ОФЗ in russo) organizzato per tutta la popolazione. Molti esperti hanno notato che il conto medio degli investimenti ha costituito circa un milione di rubli e hanno tratto la conclusione che oggi non tutti i contribuenti russi sono in grado di fare un investimento tanto rilevante – (RG del 4.5, pag.2 – link: https://rg.ru/2017/05/03/rossiiane-za-nedeliu-vlozhili-bolshe-54-mlrd-rublej-v-narodnye-obligacii.html).
   Kommersant nelle sue varie edizioni ha riferito che ad aprile le società e aziende russe hanno collocato gli eurobond per un totale superiore a $4,8 mld (3.5, pag.8 – link: http://kommersant.ru/doc/3288174) e ha rivelato una diminuzione nel 2016 sotto il 30% della quota degli attivi stranieri nella struttura dei fondi comuni d’investimento di tipo aperto (5.5, pag.8).
 
   Nel commentare la recente riduzione del tasso medio d’interesse della Banca Centrale russa (BCR) fino al 9,5% annuo molti specialisti e analisti hanno previsto che entro la fine di quest’anno il suddetto tasso potrebbe scendere all’8,5% oppure all’8% annuo. Ad ogni modo molte banche hanno già seguito l’esempio della BCR. Ad esempio, Sberbank dal primo maggio ha diminuito i suoi interessi su tutti i crediti al consumo – (RG del 2.5, pag.1 e 2).
Vedomosti nell’edizione del 2 maggio ha rivelato (pag.17) che Sbertekh, affiliata della maggiore banca pubblica in Russia che si occupa dell’elaborazione dei software, lo scorso anno ha aumentato i suoi ricavi del 33%, a 20,3 mld di rubli. Lo stesso quotidiano ha messo in evidenza (pag.5) che nel 2016 VEB (Vnesheconombank) ha notevolmente diminuito la concessione dei crediti e ha trasferito molti suoi attivi in contanti e in altri strumenti finanziari. Tutto questo, ha rilevato Vedomosti, ha consentito alla banca di aumentare la liquidità disponibile.
 
   RG (27.4, pag.4) ha descritto la dinamica del mercato russo del factoring. L’anno scorso il suo volume ha superato 2.000 mld di rubli. Tenendo conto però dell’inflazione annua e di alcuni altri fattori, il mercato è calato del 10-15% rispetto ai risultati del 2014. Quest’anno il mercato continuerà una sua ripresa. Gli esperti del giornale del governo prevedono un avanzamento considerevole del mercato a partire dal 2018 in seguito a diverse notevoli commesse statali.
Nell’edizione del 28.04 (pag.5: link: https://rg.ru/2017/04/27/banki-rasprodali-polovinu-zolotyh-zapasov.html) lo stesso giornale ha commentato la diminuzione del 44% delle riserve dell’oro nelle banche russe, fino a 39 ton. Nello stesso periodo la BCR invece ha continuato ad acquistare il metallo prezioso: attualmente ha accumulato 1.680 ton di oro.
 
   In conclusione di questo capitolo segnalo una relazione del Rosstat in cui sulla base dei dati del primo trimestre si parla di un lieve aumento del divario tra la popolazione russa ricca e povera, nonché dell’aumento del costo minimo della vita, di un calo della natalità in Russia, ecc. – (RG del 5 maggio, pag.4).  
 

Russia - Italia 

  Kommersant continua a presentare ai suoi lettori gli imprenditori e le società italiane che collaborano con la Russia o intendono entrare sui mercati russi. Nei supplementi “Stile”, “Gli Interni” e “Weekend” dell’ultima decade di aprile i giornalisti hanno raccontato dell’attività e dei prodotti della fabbrica fiorentina di porcellana Richard Ginori, della fabbrica Dedar, della manifattura di Bulgari aperta recentemente a Valenza (Piemonte), della nuova collezione Albione, il cui marchio è conosciuto attualmente non solo a Mosca e San Pietroburgo ma anche a Tjumen’ (Siberia) e in molte altre città russe. Intervistati dai corrispondenti di Kommersant Marco Palmieri, Gianluca Isaia e Jacopo Etro hanno illustrato alcuni “segreti” del successo meritato delle loro aziende e hanno parlato della loro attività futura in Russia.
 
  Alcuni giornali hanno riferito sull’inaugurazione e sull’interesse del pubblico riguardo le esposizioni “da visitare” delle opere di Giorgio Morandi (nel Museo Pushkin, l’esposizione sarà aperta fino al 10 settembre) e di Giorgio de Chirico (Galleria Tret’jakov, fino al 23 luglio).
 
  Izvestia (2.5, pag.4: link: http://izvestia.ru/news/694751) ha annunciato una prossima visita in Crimea dei rappresentanti di alcune società di costruzione italiane che hanno concordato vari progetti durante il recente Forum economico a Jalta, famosa città balneare della penisola.
 
  Infine segnalo con piacere un’approfondita conversazione di RG (5.5, pag.13: link: https://rg.ru/2017/05/04/grigorij-bruskin-predstavit-smenu-dekoracij-na-venecianskoj-biennale.html) con il pittore e scultore russo Grisha Bruskin che presenterà le sue opere e un progetto visuale “Cambio delle decorazioni” durante la Biennale di Venezia (dal 13.05 al 26 novembre) nell’ambito della grande esposizione russa.  
 
 
 Cari lettori, grazie per l'attenzione. 


La prossima edizione della nostra rassegna
sarà editata e mandata
a tutti voi che ci seguite venerdì 12 maggio.

 

In occasione dell’Anniversario della Vittoria sul nazifascismo
(si celebra 08-09.05) la redazione invia a tutti i lettori i più affettuosi saluti
e augura a tutti buone ferie nel prossimo weekend,
che in Russia sarà lungo 4 giorni.


A cura di Valerij Shvetsov
e-mail: valerio.m@yandex.ru
Telefono - cell: +7 (916) 531-04-45

 


 Associazione Conoscere Eurasia - Via dell'Artigliere, 11 37129 Verona Italia - C.F. 93197240232 - P.IVA 03739750234 T: +39 0458020904 F: +39 0459299924 M: info@conoscereeurasia.it