Rassegna della Stampa Russa - 09.06.2017

 

 

Eventi, problematiche e dati statistici generali 

   Il Consiglio dei ministri ha approvato un piano di misure volte a realizzare le “Direttrici della politica dello sviluppo regionale fino al 2025”. Nell’illustrare il documento il vice premier Dmitrij Kozak ha sottolineato che il piano è finalizzato, in particolare, a diminuire l’attuale divario tra il livello dello sviluppo economico delle singole Regioni e dei Territori. Attualmente la differenza tra le entrate ai bilanci regionali e territoriali, prima di un loro “livellamento” in seguito ai trasferimenti federali, ammonta a circa 43 volte, quella dei redditi medi pro capite a 5,5 volte mentre il divario tra i volumi degli investimenti extrabudgetari pro capite ammonta in alcuni casi a 133 volte. Al fine di assicurare uno sviluppo più bilanciato di tutti i Soggetti della Federazione Russa (così sono chiamati tutti gli 85 Territori, Regioni e Repubbliche) il documento prevede principalmente di: definire la specializzazione di ogni Soggetto e il suo contributo alla divisione interregionale del lavoro, stimolare le regioni e i territori ad aumentare il loro potenziale produttivo, stabilire una divisione più equa del sostegno finanziario federale destinato a tutti i Soggetti della FR – (Rossijskaja gazeta (RG), pag.3: link: https://rg.ru/2017/06/05/medvedev-utverdil-plan-realizacii-osnov-gospolitiki-regionalnogo-razvitiia.html, e Kommersant (Kom-t), pag.2, del 6 giugno).
 
   Martedì 6 giugno la Commissione dei trasporti e delle costruzioni della GosDuma (la Camera bassa dell’Assemblea federale), i rappresentanti del CdM federale e del governo di Mosca hanno approvato 124 modifiche al progetto di legge federale sulla realizzazione del complicato programma della cosiddetta “renovazia” (una “ristrutturazione completa” o un “rinnovo immobiliare”) delle case prefabbricate, nella maggior parte dei casi di 5 piani, costruite nella capitale e nel resto del Paese all’incirca 50 anni fa. Secondo molti partecipanti a questa discussione parlamentare, il programma “è stato notevolmente migliorato, poiché ora considera in misura maggiore gli interessi di centinaia di migliaia di moscoviti e difende i loro diritti”. Eventuali miglioramenti del programma sono attesi anche durante la seconda lettura della legge summenzionata. Nonostante ciò, gli abitanti di 117 case (al 7 giugno) su 4.600 edifici inclusi nella lista preliminare dei lavori hanno votato contro la partecipazione al programma che prevede anche il trasferimento di una considerevole parte degli abitanti. Marat Khusnullin, vice sindaco e capo del complesso di costruzioni di Mosca, ha dichiarato che in seguito alle modifiche apportate alla legge i termini della realizzazione del programma “si rendono più lunghi di quelli previsti prima, ovvero non meno di 20 anni” – (RG, pag.2, RBK, pag.4, e Kommersant, pag.1, 3 e 10, del 7 giugno; Kom-t, p.5, e Metro, pag.4, dell’8.6; Kom-t, pag.1 e 3, eNezavisimaja gazeta”, pag.2, di oggi 9 giugno).
 
   “È giunta l’ora di “fare pulizia” in Russia” – ne è convinto Serghej Ivanov, l’ex ministro della Difesa, vice premier e capo dell’Amministrazione presidenziale e attuale rappresentante speciale del Capo dello Stato per le questioni legate alla difesa dell’ambiente, all’ecologia e al settore dei trasporti. In una conversazione con il corrispondente di Kommersant (07.06, pag.1 e 4: link: https://www.kommersant.ru/doc/3319170), l’alto funzionario di stato ha illustrato approfonditamente la situazione attuale, piuttosto seria, dell’ambiente e ha messo in rilievo alcuni cambiamenti, a volte lenti, avvenuti nei settori indicati. Ivanov ha rivelato che lo Stato e la società sono disposti a fare grandi sforzi e a stanziare ingenti mezzi finanziari per risolvere i problemi legati anche alla sicurezza del Paese.
 
   Da una recente indagine del “Centro di studi dell’opinione pubblica” sulle priorità nella vita per i russi si ricava la seguente classifica di risposte, con un massimo di 100 punti:
1 - salute (99 punti);
2 - relazioni in famiglia (98);
3 - sicurezza e infrastrutture sociali adeguate nelle varie località (96);
4 - situazione finanziaria della famiglia (90 punti);
5 - contatti frequenti con i parenti e gli amici (89). 1.200 intervistati hanno assegnato pochi punti alla carriera personale (15) e, purtroppo, alla partecipazione alla vita politica e sociale (8).
  Un quadro piuttosto diverso è risultato da un sondaggio sociologico sottoposto ai giovani di età compresa tra i 14 e i 30 anni. La stragrande maggioranza di essi desidera, quasi subito, un’automobile, un appartamento e molti soldi. Solamente il 2% dei giovani intervistati ha legato la propria felicità ad un lavoro assiduo. Il 17% non si considera “un patriota” e il 21,5% ha dichiarato di voler lasciare il Paese qualora iniziassero degli sconvolgimenti e turbamenti politici e sociali – (l’Agenzia “RIA Novosti” del 7.6; Metro, pag.7, e Kommersant, pag.2, dell’8 giugno).
 
   Lunedì 5 giugno il sindaco di Mosca Serghej Sobianin ha inaugurato un nuovo Centro internazionale del balletto. È situato in uno dei padiglioni del Centro espositivo VDNKh, rinnovato grazie al lavoro molto qualificato di numerosi restauratori e ad ingenti investimenti di un fondo privato – (Mosca Sera del 7.6, pag.4).  
 

Economia 

   Situazione generale:
 
  La Corte dei Conti ha criticato la nuova bozza della legge federale sul Bilancio modificato per quest’anno, rivelando la bassa giustificazione dell’aumento del Pil e degli investimenti del 2% su base annua. Gli auditori hanno espresso preoccupazione per la mancanza di decisioni dell’esecutivo riguardo i dividendi delle compagnie statali, il che potrebbe diminuire la Finanziaria di almeno 205 mld di rubli già divisi tra le diverse voci del Bilancio. Malgrado questi e alcuni altri rischi per la futura esecuzione del documento, la Commissione del bilancio della GosDuma “ha raccomandato ai deputati della Camera bassa di approvare le modifiche proposte dal Ministero delle Finanze e dal CdM” – (Kom-t, pag.2, e RBK, del 7 giugno pag.2: link: http://www.rbc.ru/newspaper/2017/06/07/593698449a79472826809afc).
 
  Negli ultimi giorni in parlmento sono proseguite le discussioni relative alle diverse strategie e ai programmi di sviluppo economico dopo il 2018. Vedomosti (5.6, pag.7) ha evidenziato che il programma del “Centro delle elaborazioni strategiche” diretto da Aleksei Kudrin “propone delle soluzioni realistiche per cambiare l’attuale situazione economica ed è un’alternativa reale al corso economico attuale”. Il documento prevede la drastica riduzione, di circa il 30%, dell’apparato statale, il cui costo dovrebbe diminuire dagli attuali 2.844 rubli per ogni cittadino a 1.990 rubli – Kom-t del 7.6, pag.1-2.
RBK (7.6, pp.1 e 3) ha fatto un ampio confronto dei programmi preparati dal suddetto “Centro” e dall’“Istituto di economia Stolypin”, composto da un gruppo di imprenditori ed economisti guidati da Boris Titov. I sostenitori del difensore civico dell’imprenditoria Titov insistono sul fatto che la strategia di Kudrin “non prevede misure mirate a diversificare l’economia e un incremento dei redditi della popolazione”.
Segnalo inoltre il numero di RG del 2 giugno che nel suo supplemento tematico (pag.A1-A4) ha pubblicato numerosi articoli e commenti dei membri della “Comunità libera degli economisti”. Il suo presidente e direttore dell’“Istituto del nuovo sviluppo industriale Vitte” Serghej Bodrunov ha rilasciato un’intervista al quotidiano (pag.A1-A3: link: https://rg.ru/gazeta/2017/06/02.html), in cui ha raccontato i passi da compiere per portare la Russia tra i leader dell’economia mondiale entro il 2030, concedendo la priorità ad un notevole avanzamento dei settori industriali. L’economista Viktor Ivanter in un suo articolo ben argomentato per RG (30.5, pag.11) ha consigliato di “utilizzare le migliori esperienze positive accumulate nell’ultimo periodo dagli imprenditori russi, il che consentirà, senza trasformazioni “rivoluzionarie” e riforme sociali dolorose, di aumentare il Pil del 4-6% ogni anno”.  
 
   Settori, grandi società e PMI:
 
  Il governo russo ha preso la decisione di sostenere, con notevoli sussidi, le società produttrici di macchinari per l’industria alimentare e per i settori della trasformazione. Saranno applicati gli schemi e i meccanismi già collaudati nel sostenere le aziende agricole. Allo stesso tempo riceveranno il sostegno solamente gli stabilimenti e le compagnie che producono nella Federazione Russa – (Expert № 22 del 29.5, pag.6-7).
 
  L’“Istituto delle ricerche strategiche fondamentali” ha reso noti numerosi dati relativi ai risultati delle economie dei Soggetti della FR nel primo trimestre. Si rileva che le regioni hanno dimostrato risultati positivi soltanto nei settori industriali. Tra gennaio e marzo la produzione industriale in Russia è aumentata in generale dello 0,1% su base annua. Un calo di questa produzione è stato registrato solamente in 15 Soggetti su 85; 69 Soggetti l’hanno aumentata in misura diversa. Tra i leader ci sono le Regioni di Jaroslavl (+26%), Kaluga (+13,7%) e di Mosca (+11,8%) – (link: https://www.kommersant.ru/doc/3319839 Kom-t dell’8.6, pag.2, la rubrica Monitoraggio).
 
Nell’ultima settimana la stampa ha prestato maggiore attenzione ai seguenti settori:
 
- l’aeronautica civile: i giornali hanno dichiarato che le agevolazioni fiscali non hanno aiutato le compagnie aeree ad evitare perdite considerevoli: lo scorso anno queste perdite sono aumentate del 17,6%, a 10 mld di rubli. Negli ultimi giorni il CdM e le autorità aeronautiche stanno adottando delle misure urgenti per garantire il trasporto dei passeggeri della compagnia “VIM-Avia”, trovatasi in serie difficoltà – (Kom-t del 6.6, pag.7, e dell’8.6, pag.9; RG dell’8.6, pag.1 e 5).
Al tempo stesso i giornali hanno citato il premier Medvedev che ha delineato una serie di misure finalizzate al sostegno dell’industria aeronautica e nuovi stimoli per aumentare la domanda dei velivoli “made in Russia” – (RG dell’8.6, pag.2: link: https://rg.ru/2017/06/07/reg-pfo/medvedev-ocenil-perspektivy-otechestvennyh-samoletov-na-mirovom-rynke.html). La Corporazione Aeronautica Unita intende produrre 35-40 aerei SSJ100 all’anno: nel 2016 sono stati prodotti 24 aerei di questo tipo – (Vedomosti; 8.6, pag.11).
Nell’edizione di oggi 09.06 Kommersant ha messo in evidenza (pag.9) alcuni fattori che hanno consentito alle compagnie aeree di diminuire i prezzi dei voli all’estero e ha riferito (pag.1 e 11) che molte compagnie sono preoccupate dal considerevole “esodo” di piloti e tecnici, attirati dagli alti stipendi offerti da diversi Paesi asiatici;
 
- il mercato automobilistico: è in continua crescita per il terzo mese consecutivo; a maggio le vendite sono incrementate del 14,7%, a 124.900 autovetture (ad aprile +7%; 129.500 unità). Secondo gli specialisti, questo aumento del mercato è giustificato da molti fattori: la stabilizzazione dell’economia nazionale in generale, le vendite delle automobili immagazzinate, l’ampliamento del sostegno statale, ecc – (link: https://www.kommersant.ru/doc/3320314 Kommersant del 9.6, pag.11:). Vedomosti (8.6, pag.13) ha messo in rilievo che AvtoVAZ ha avviato la produzione in serie del modello Lada Vesta, alimentata a benzina e a gas;
 
- i settori energetici globali: RG nel supplemento tematico all’edizione dell’8.6 (pag A1-A4) e Nezavisimaja gazeta (9.6, pag.4) hanno descritto lo sviluppo graduale e alcune problematiche della produzione di energia solare, eolica e nucleare. Izvestia (6.6, p.6: link: http://eenergy.media/2017/06/06/za-protsessami-obedineniya-budushhee/) ha pubblicato un’intervista a Oleg Budarghin, direttore generale della compagnia statale “Rosseti”, che ha messo in risalto le nuove tendenze della produzione e della distrubuzione dell’energia elettrica in tutto il mondo;
 
- l’industria petrolifera: intervistato da RBK (5.6, pag.6), Vaghit Alekperov, presidente della grande società privata LUKoil, ha espresso il suo parere sulla situazione attuale del settore in Russia, sui prezzi al barile (“non abbiamo bisogno del petrolio che costerà $100 al barile”), sulla collaborazione non sempre lineare con le strutture statali e su un eventuale lavoro nell’Artico;
 
- l’industria delle nanotecnologie: in 10 anni dalla sua fondazione, la società Rosnano ha aperto nel Paese 83 stabilimenti e ha partecipato alla realizzazione di 107 progetti. Profil (№ 21 del 5.6, p.34-39: link: http://www.profile.ru/economics/item/117728-makroallergiya-na-nano-chubajsa) ha pubblicato molti altri dati sull’attività della corporazione, notando che “la società e il business russo dubitano ancora dei pregi di Rosnano”. Il fondatore e capo della compagnia Anatolij Ciubajs ha rilasciato un’ampia intervista a RBK (5.6, pag.1 e 8) in cui ha parlato principalmente della situazione economica in Russia e delle opportunità offerte da alcune riforme;
 
- l’edilizia: tra gennaio e aprile la consegna di nuove case e abitazioni è diminuita del 41,4% su base annua a Mosca e del 24,6% nel resto del Paese. Malgrado questo calo, il costo dei lavori di costruzione nella capitale in un anno è aumentato del 5,3% – (Izvestia del 7.6, pag.6);
 
- il retail commerciale: molti esperti hanno evidenziato diverse contraddizioni nel comportamento dei consumatori russi, dall’anno scorso sono infatti aumentate le spese per medicinali, bevande alcooliche e alimenti biologici. Negli ultimi mesi i russi continuano a risparmiare sull’abbbigliamento e sulle calzature ma cominciano a permettersi qualche grande acquisto – (Izvestia dell’1.6, pag.6; Kom-t del 6.6, p.1 e 10; RBK del 7.6, pag.11: link: http://www.rbc.ru/newspaper/2017/06/07/5935752b9a7947e6406847fd);
 
- Internet: secondo gli analisti del mercato pubblicitario, “Internet combatte già contro la TV russa in una gara continua per spartirsi miliardi di rubli” – (Profil № 21 del 5.06, pag.21-26).  
 

Finanza, fisco, dogana, leggi, settore assicurativo 

   La Dogana centrale russa ha trasferito all’erario 359 mld di rubli a maggio e 1.713 mld di rubli nei primi 5 mesi di quest’anno, l’8% in più su base annua – (Kom-t dell’8 giugno, pag.2).
 
   Negli ultimi giorni i vari quotidiani hanno pubblicato varie previsioni sul futuro “comportamento” del rublo. Secondo il parere degli analisti citati da RG (7.6, pag.1-2), a giugno il cambio rublo/dollaro resterà relativamente stabile e “un eventuale indebolimento della divisa russa nella seconda metà di quest’anno non sarà tanto drammatico come alcuni mesi fa”. Lo stesso quotidiano RG nell’edizione di giovedì 8 giugno (pag.5) ha evidenziato che il “business sogna un dollaro che costi solamente 42 rubli”. Il giorno prima Kommersant (7.6, pag.2, la rubrica fissa “Monitoraggio”: link: https://www.kommersant.ru/doc/3319167) ha constatato, sulla base di alcuni sondaggi e ricerche tra gli imprenditori, che “l’industria russa non ha bisogno di un rublo debole”.
 
   Izvestia (7.6, pag.1 e 6) ha commentato la decisione della Banca Centrale della FR di abolire il passaporto per le operazioni di export, che è diventato “un documento non più necessario per le procedure diventate trasparenti quasi al 100%”.
 
   La stampa negli ultimi giorni ha trattato alcuni aspetti della formalizzazione della bancarotta, tenuto conto che gli eventuali falliti russi hanno accumulato (al primo giugno) debiti arretrati per un totale di circa 25 mld di rubli, il 65% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso – (link: http://www.rbc.ru/newspaper/2017/06/06/593524549a794796f147e650 RBK del 6.6, pag.11:, e Izvestia del 7.6, pag.1 e 6),
 
   Infine segnalo una conversazione aperta e approfondita di RBK sui tratti peculiari del business in Russia con Mikhail Guzeriev, miliardario fondatore del grande gruppo “Safmar” (7.6, pag.8-9: link: http://www.rbc.ru/newspaper/2017/06/07/5935a4389a79471fe9085e08). All’inizio della sua carriera imprenditoriale, alla fine degli anni ‘80, aprì a Grozny (la Repubblica cecena) un mobilificio russo-italiano.  
 

Russia - Italia 

  Ieri (08.06) a Obninsk, nella regione di Kaluga, l’azienda italiana Palladio Group, leader nel mercato del packaging secondario e primario prevalentemente per farmaci e cosmetici, ha inaugurato un nuovo stabilimento di oltre 12000 mq per la produzione di cartone di alta qualità e fogli di alluminio per l’industria farmaceutica (link: http://investkaluga.com/media/news/v-kaluzhskoy-oblasti-otkryt-zavod-po-proizvodstvu-upakovki-palladio-group/).
 
  Molti media elettronici e la stampa (Profil, RG: link: https://rg.ru/2017/06/06/reg-cfo/shedevr-ticiana-predstavili-v-posolstve-italii-v-moskve.html, nonché Metro e Weekend, settimanale di Kommersant, di oggi 9 giugno, ecc) hanno enfatizzato l’inaugurazione della splendida mostra “Venezia del Rinascimento: Tiziano, Tintoretto, Veronese” che si terrà fino al 20 agosto presso il Museo delle arti figurative “A.S.Puskin”. Per la prima volta in un museo russo sono esposti 25 capolavori della pittura italiana e veneta: ritratti e quadri di soggetti religiosi e mitologici.
 
  Izvestia (7.6, pag.11) in un suo servizio ha raccontato del primo festival internazionale “Il mondo del teatro russo” svoltosi recentemente a Montecatini-Terme (Toscana). È probabile che i migliori spettacoli, presentati da attori bulgari, italiani, americani, tedeschi e di altri Paesi, saranno inscenati anche a Mosca.
Nell’edizione di oggi lo stesso quotidiano Izvestia (9.6; pag.6: link: http://iz.ru/604049/timur-khasanov/fiat-ne-edet-v-rossiiu) ha riferito che FIAT-Chrysler ha sospeso, non si sa ancora se provvisoriamente o per sempre, le forniture in Russia della Fiat-500, l’ultima automobile del gruppo presentata nel mercato russo.
 
  Kommersant, nei suoi numerosi supplementi, ha descritto la collezione di gioielli Bulgari “Monete” (Style del 23.5, pag.33-35) e ha pubblicato una breve guida della Biennale di Venezia (Weekend del 26.5, pag.25-27). Nel supplemento Beauty (30.5, pag.6) ha riportato un’intervista a Maria Khudojan, presidente dei centri di bellezza Aldo Coppola in Russia.  
 
 
 Cari lettori, grazie per l'attenzione. 

La prossima edizione sarà editata e mandata a tutti voi
mercoledì 14 giugno.
Cordiali saluti.
A cura di Valerij Shvetsov
e-mail: valerio.m@yandex.ru
Telefono - cell: +7 (916) 531-04-45

 


 Associazione Conoscere Eurasia - Via dell'Artigliere, 11 37129 Verona Italia - C.F. 93197240232 - P.IVA 03739750234 T: +39 0458020904 F: +39 0459299924 M: info@conoscereeurasia.it