Rassegna della Stampa Russa - 09.07.2013





* Negli ultimi giorni uno dei temi centrali delle discussioni in diversi ambienti politici ed economici sono le difficolta` del Bilancio federale. E` avvenuto un tranello: “da una parte, necessitano ingenti risorse finanziarie per eseguire le promesse preelettorali di Vladimir Putin, annunciate la primavera del 2012, sopratutto  di carattere sociale (circa 2 trilioni di rubli, un po’ meno di 50 miliardi di rubli, saranno stanziati dal Bilancio in due anni), dall’altra, ultimamente le entrate del Bilancio diminuiscono in misura abbastanza rilevante.  Il ministro delle Finanze Anton Siluanov nel suo intervento alla seduta ordinaria del gabinetto (4 luglio) si e` detto poco ottimista rispetto all’esecuzione della “Finanziaria”, e non ha escluso l’utilizzo del “Fondo di riserva” gia` nell’anno corrente. La vicepremier per le questioni sociali Ol’ga Golodets e il ministro del Lavoro Maksim Topilin hanno criticato e rigettato l’intenzione del loro collega finanziario di far diminuire le spese del Bilancio, destinate per le voci sociali. E` probabile che la situazione diventera piu` chiara oppure ancor piu` cupa dopo la serie di consultazioni sui singoli “capitoli del Bilancio”, iniziata lunedi` 8 luglio dal premier Dmitrij  Medvedev. Come ha precisato il viceministro delle Finanze Mikhail Kotjukov, durante queste consultazioni “saranno trattati i compiti,  le priorita` aggiornate e la parziale ripartizione delle risorse finanziarie all’interno delle voci”.  Il deficit del Bilancio ha gia` avuto effetto negativo sulle spese governative e sui rating delle banche statali: l’agenzia “Moody’s” in questi giorni ha abbassato i rating per i debiti e per i depositi delle banche “Sberbank”, VTB e la sua affiliata del retail “VTB 24”, “Rossel’khosbank”, lasciando inalterate le previsioni per i rating “stabili”.  I giornali hanno dato rilievo al fatto, che “le difficolta` al raggiungimento del Bilancio non hanno impedito al Ministero delle Finanze di prevedere nel Bilancio triennale (2014-2016) 135 miliardi di rubli (3,2 miliardi  di euro), destinati all’aumento degli stipendi degli impiegati federali”   -   i settimanali ”Ekspert” (№ 27; pag.6) e “Profil” (№ 26; pag.6), nonchè i quotidiani “Vedomosti” (pag.1 e 4, e pag.11 e 15) e “Kommersant” (pag.2) dell’8 luglio. 

* Le compagnie ferroviarie della Federazione Russa, del Kazakistan e della Bielorussia hanno recentemente firmato un accordo sulla costituzione della “Compagnia di trasporto e logistica unita”, che  si occupera` del trasporto delle merci in container nell’ambito dello spazio economico unificato di questi 3 Paesi, compreso quello sugli itinerari  di transito tra Europa e Asia. Il progetto fara` parte integrante della “Strategia dello sviluppo del trasporto su ferro in Russia fino al 2030”; inoltre e` strettamente legato alle tendenze attuali del mercato dei trasporti mondiale. Adesso la FR controlla meno del 2% del mercato mondiale dei servizi logistici e di trasporto  - “Profil” (№ 26; pag.28-29).

* Secondo alcuni recenti studi e indagini, la Russia ha ottenuto il primato mondiale per numero di giornate libere: oltre ai 104 sabato e domenica tradizionali i russi non lavorano ufficialmente circa altri 40 giorni. Dunque, un medio russo attivo ha  144 giorni liberi,  il 40 per cento

dell’anno            -      “Kompanija” (№ 26 dell’8.7; pag.48-51).

 

Economia, settori e mercati, grandi aziende e PMI

 

* Tra le varie pubblicazioni sulla situazione economica “generale” segnalo un’intervista del settimanale “Kompanija” (№ 26; pag.40-43) a Vladimir Mau, rettore dell’”Accademia dell’economia nazionale e del servizio statale”, che unisce 14 istituzioni universitarie con le filiali in 53 regioni e nella quale studiano in totale circa 200mila persone. Il professore e` un fedele sostenitore dell’economia di mercato ed e` un liberale; con i suoi colleghi e dipendenti  ha  elaborato e prepara attualmente le indicazioni per il governo, indipendentemente dalle concezioni del suo capo. Per cio` molti esperti e analisti chiamano Vladimir Mau “padre delle riforme economiche”. Infatti, e` uno degli autori della “Strategia – 2020”. Nell’intervista sostiene che “il livello di realizzazione delle nostre elaborazioni supera quello di attuazione dei programmi governativi ufficiali”. A parere dell’economista, adesso la questione maggiormente discussa negli ambiti politici ed economici e` quella del potenziale della crescita economica.  E` convinto che il nostro potenziale ancora non e` esaurito per il 20-25%; per cio` il Paese “puo` permettersi di aumentare le spese pubbliche, siccome abbiamo ancora riserve sufficienti. Il problema e` se tale aumento portera` alle conseguenze desiderate (la crescita economica) oppure  provochera` l’incremento delle importazioni e l’inflazione”.  Secondo Vladimir Mau, “finche` cresciamo di piu` della Germania e piu` lentamente della Cina, la situazione economica sara` normale. Ma se i nostri ritmi di crescita risulteranno piu` bassi  di quelli della Germania, allora in questo caso dobbiamo dare l’allarme – avremo  serie barriere interne”.

     “Ekspert” (№ 27; pag.86) in una sua rapida indagine sulla congiuntura d’affari  riporta i  principali aspetti della situazione economica attuale: l’indebolimento del rublo; la probabilita` del deficit del Bilancio federale nonostante l’alto prezzo del petrolio; il calo dell’attivita` imprenditoriale nel settore terziario e lo sviluppo del settore delle trasformazioni; la fuga di capitali rimane elevata, di circa 10 mld. di US$ (il doppio del totale trimestrale dello scorso anno; la diminuzione dell’export  e l’aumento delle spese per le importazioni.

* Il ministro delle Energie Aleksandr Novak ha rilasciato un’ampia intervista a “Kommersant” di oggi (9.7; pag.10 – la rubrica “Personalita` in primo piano”). I principali temi della conversazione sono la liberalizzazione delle esportazioni del gas liquido dalla Russia, le future relazioni tra i nuovi esportatori e il “colosso” “Gazprom”, i programmi d’investimento dei grandi gruppi settoriali (monopoli), le forniture del petrolio alla Cina.

* La SpA “Ferrovie russe” ha informato il governo e i ministeri “interessati” che alcuni grandi progetti infrastrutturali, sostenuti da Vladimir Putin (p.e. la modernizzazione della ferrovia Transsiberiana), sono incompesabili e che le risorse finanziarie del “Fondo del benessere nazionale” investite devono essere restituite. Con cio` la societa` ha proposto al governo di erogare le somme necessarie per l’ammodernamento della “Transsiberiana” e della ferrovia nelle  zone vicine al lago Bajkal e al fiume Amur (Estremo Oriente)    -       (“Vedomosti” del 3.7; p.1 e 12).

    “Kommersant” (3.7; pag.1 e 7) ha riferito che nella vendita di carta stampata e di merci di prima necessita` la SpA “Ferrovie russe” collaborera` con la catena di grande distribuzione inglese “WHSmith” (il giro  d’affari  annuo e` di 1,2 miliardi  di sterline).   Nell’edizione del 5 luglio lo stesso

 

quotidiano ha comunicato che dopo un anno di trattative con la “Ferrovie russe” la grande “Prima compagnia di trasporto ferroviario delle merci”, controllata dal miliardario Vladimir Lisin, ha iniziato a usare le sue locomotive. Si rileva che con l’aumento di tale uso anche dagli altri operatori “indipendenti” la società ferroviaria statale puo` perdere circa il 28% degli utili provenienti dal trasporto merci. 

     E ancora una notizia sul trasporto ferroviario commentata dalla stampa: “Vedomosti” (5.7; pag.11  e 13) ha ampiamente descritto il perche` i passeggeri ultimamente scelgono sempre piu` spesso gli aerei: in maggio-giugno a causa dell’aumento dei prezzi le vendite dei biglietti per i treni di lungo percorso sono diminuite del 20 per cento.

*  L’Associazione del business europeo ha riferito che in giugno in Russia sono state vendute 241 300 automobili e LCV, l’11% di meno, rispetto allo stesso mese dell’anno scorso. Dunque il mercato automobilistico e` in calo gia` da 4 mesi.  Tra gennaio e giugno le vendite sono ammontate a 1,33 mln.di veicoli, il 6% di meno su base annua. In questo periodo la percentuale dell’”AvtoVAZ”, leader del mercato, e` calata dell’1,1% ed adesso e` pari al 15,4 per cento  -  “Kommersant” del 9 luglio; pag.7. 

          Nell’analizzare lo stato del mercato del noleggio di auto “Kompanija” (№ 26; pag.31) ha scritto tra l’altro, che l’anno scorso il settore e` aumentato del 4,3 per cento su base annua (il noleggio  da parte  dei  privati +13,7 per cento) ed e` ammontato a 21,8 miliardi di rubli; il parco automobili ha totalizzato 27 200 veicoli, il 76% dei quali e` stato fornito dalle aziende di Mosca e di San - Pietroburgo.   “Kommersant” (8.7; pag.8) in un suo articolo ha rilevato che dopo la diminuzione delle vendite di automobili, che perdura gia` da marzo, in maggio-giugno e` rallentata anche la concessione dei crediti bancari per l’acquisto di automobili. Gli esperti credono che la domanda potrebbe crescere da luglio, cioe` da quando sara` lanciato il programma di crediti agevolati per chi vuole comperare una nuova macchina.

    In una breve nota “Kompanija” (№ 26; pag.6) ha elencato diversi fattori (il pagamento dei dividendi agli azionisti; l’importante ordine del Ministero della Protezione civile; ecc.) del fantastico balzo delle azioni del gruppo automobilistico KamAZ: il 60 per cento  di piu` in soli dieci  giorni.

* Leggiamo ancora il settimanale “Kompanija” № 26 dell’8 luglio:  ha evidenziato alcuni motivi, per i quali  in Russia nel mercato IT e` ancora le  tecnologie di “software as a serviceoppure “il “cloud computing”  sono poco usati (pag.38), e ha brevemente riferito sui rischi e sulle prospettive dell’outsourcing delle tecnologie d’informazione.  L’anno scorso il volume del mercato-IT ha raggiunto 7 miliardi di US$, mentre quello del settore dell’outsourcing-IT ammontava a $1 miliardo.

* “Ekspert” (№ 27 dell’8.7; pag.30-35) ha dato rilievo a un importante evento per il mercato dei cereali: il gruppo “Delo” (Cosa) ha ampliato il suo complesso portuale nella baia di Tsemess (vicino a Novorossijsk sul Mas Nero) e ha aperto una ferrovia per il terminal di cereali, il che ha consentito di aumentare la capacita` di transito da 2 a 3,5 mln.di ton.l’anno. In tal modo il potenziale  dei terminal per i cereali e` aumentata da 11 a 12,5 milioni di ton. Adesso il gruppo ha iniziato una serie di lavori, tesi a poter ricevere nel porto anche i transatlantici. Come si rileva in un ampio servizio da Novorossijsk la messa in funzione di ogni nuovo terminal “crea  nuove condizioni di concorrenza nel

 

 

mercato molto limitato del  trasporto dei cereali e da` alle compagnie esportatrici piu` possibilita` e maggiore flessibilita` nell’agire”.

* Dalle altre pubblicazioni sull’attivita` delle grandi societa` e aziende si ricava che:

la grande compagnia petrolifera statale “Rosneft” insieme alla “Gazprombank” aiutera` la “Corporazione Cantieristica unita” ad ultimare un moderno cantiere navale in Estremo Oriente, che molto probabilmente sara` specializzato nella costruzione di navi per i lavori nelle piattaforme continentali       (“Kommersant” del 5 luglio; pag.7);

poco tempo fa la societa` “Krioghenmash”, uno del maggiori produttori mondiali di equipaggiamento criotecnico con un fatturato annuo di circa 4 miliardi di rubli (il 40 per cento delle macchine e` esportato), ha iniziato la costruzione di un nuovo complesso produttivo a Balashikha nei pressi di Mosca, che permettera` di dare una svolta allo sviluppo della metalmeccanica nazionale     (“Kompagnija” № 26 dell’8.7; pag.53);

la SpA “Aeroporto di Pulkovo” (San-Pietroburgo) vendera` il 40 per cento delle azioni del  terminale merci (superficie di 12mila metri quadrati), uno dei piu` grandi in Russia  (“Kommersant” dell’8 luglio; pag.9);    negli ultimi anni la compagnia “Transaero” ha aumentato il suo parco aerei da 59 a 94 velivoli (38 “Boeing”), l’anno scorso il fatturato e` aumentato di un terzo, a circa 92 mld.di rubli, e l’utile operativo ha superato 8 miliardi, cioe` 200 milioni di euro  (“Profil”, pag.30, e “Kompanija”, pag.29, dell’8 luglio);

la “P-farm” e` la prima compagnia russa che ha ricevuto dal produttore mondiale, la UCB belga, la licenza internazionale per la produzione, l’elaborazione e la vendita di un preparato per la cura dell’artrite      (“Vedomosti” del 5.7; pag.11).

* Nei primi sei mesi gli investimenti negli immobili commerciali nell’intero Paese sono aumentati del 33%, rispetto al medesimo periodo del 2012, a 3,7 miliardi di US$. Il 90 per cento degli affari e` stato concluso a Mosca, principalmente si tratta dell’acquisto di uffici. Il servizio di “Kommersant” (5.7; pag.11) e` corredato dalla TOP-5 delle maggiori operazioni.

* “Vedomosti” (5.7; pag.18) ha riportato un sunto della ricerca sulla proiezione dei film in Russia. Nel primo semestre i cinema hanno incassato 22,185 mld.di rubli (+4,7% sullo stesso periodo del 2012), si sono venduti 94,4 milioni di biglietti (+0,4 per cento). Gli spettatori  preferiscono i blockbaster –  quelli americani ma anche qualche prodotto locale.

 

 

Finanza, fisco, dogana, leggi, settore assicurativo  

 

 

* “Ekspert” № 27 dell’8 luglio ha pubblicato (pag.77-83) una rassegna del mercato bancario, in cui ci sono parecchie previsioni sull’andamento dei vari settori (creditizio, assicurativo, ecc) nel 2013.    

        “Kommersant” (5.7; pag.8) ha rilevato che in maggio i tassi sui crediti bancari per le persone giuridiche sono calati. Gli istituti finanziari di credito hanno compensato la diminuzione dei loro margini nel segmento corporate   aumentando i costi   dei crediti per   le persone fisiche. L’aumento dei

 

tassi per i privati e` stato causato anche da alcuni altri fattori.

* “Izvestia” di oggi (9.7; pag.1 e 4) ha riportato e commentato i dati dell’Agenzia di monitoraggio

finanzairio “Rosfinmonitoring”, dai quali risulta tra l’altro che dall’inizio dell’anno il volume delle operazioni sospette, legate all’esportazioni di capitali, ha raggiunto 1 500 miliardi di rubli (circa 33 mld.di  euro). Un anno fa ammontavano a “solo” un trilione di rubli. Come ha reso noto la Banca centrale, nel periodo 1994 – 2012 dalla Russia son fuggiti piu` di 343 miliardi di US$.

* Soltanto 3 titolari e imprenditori su 10 intervistati hanno dato  risposte nette e positive alla domanda del settimanale “Itoghi” (№ 27 dell’8.7; pag.12) “E` cresciuta la sua fiducia nel rublo?”

* “Vedomosti” (3.7; pag.5) ha illustrato alcuni principali punti e provvedimenti del piano governativo (road map), relativo alla creazione del centro finanziario internazionale a Mosca e al miglioramento del clima d’investimenti nel Paese. Il governo promette di riformare il mercato azionario e quello finanziario entro il 2018. Gli esperti che hanno gia` studiato il documento, sostengono che per creare il centro finanziario summenzionato “bisogna cambiare l’atteggiamento delle societa` statali nei confronti degli investitori”.

* Agli analisti del settore assicurativo addito un articolo nel settimanale “Kompanija” № 26 sulle “particolarita` dell’assicurazione  delle opere pericolose” (pag.58-62) e una nota scritta per “Profil” (№ 26; pag.39) da Aleksandr Koval, in cui il presidente dell’”Unione autonoma federale delle organizzazioni dell’assicurazione” ha brevemente analizzato la situazione attuale del mercato e ha ribadito che “il mercato assicurativo necessita di una reale autoregolamentazione e non dei sindacati controllati dalla Banca centrale”.

* “Itoghi” (№ 27 dell’8.7; pag.26-30) ha presentato e parlato con Pavel Teplukhin, fondatore del mercato azionario russo.

* “Kompanija” (№ 26; pag.14) ha riferito che il direttore generale e titolare di riferimento della compagnia “Rusal” (Alluminio russo) Oleg Deripasca  spendera` il suo bonus del 2012 ($ 3 milioni) per acquistare circa lo 0,05% delle azioni societarie. Con queste saranno premiati 120 dipendenti, compreso parecchi operai. In tal modo il miliardario vuole far crescere la lealta` del personale che “deve pensare sempre piu` spesso alla capitalizzazione e alla redditivita` della compagnia”. 

 

Russia - Italia

 

 

* Il suo nuovo ciclo sulla vita degli ambasciatori stranieri a Mosca  il quotidiano “Metro” (2.7; pag.8), molto popolare nella capitale russa non solo perche` e` gratuito, lo ha iniziato con una visita concordata alla residenza dell’ambasciatore italiano Antonio Zanardi Landi. Sul giornale i lettori possono vedere parecchie foto del palazzo Berg e potranno piu` facilmente immaginare la vita dei diplomatici venuti a lavorare in Russia. Tanto piu` che nella sua intervista l’ambasciatore ha parlato di come si e` abituato alla vita nella grande metropoli e dei posti preferiti da lui. Accennando alla sua partenza dalla Federazione, Zanardi Landi ha fatto notare che lascera` a Mosca molti amici e  persone conosciute nei due anni e mezzo del suo lavoro.  La sua impressione piu` profonda?   E` “l’impressione

 

della grande forza vitale e del potenziale della citta`. Mi dispiace che devo partire da Mosca, perche` la capitale russa merita una conoscenza ancor piu` stretta”.

* Il   direttore   generale   della  “Ferretti Group”, produttrice di imbarcazioni e panfili di

lusso, Ferruccio Rossi ha rilasciato una simpatica e aperta intervista a “RGK daily” (28.6; pag.5). E` simpatica  perche` ha espresso il suo parere non solo sullo sviluppo del mercato degli yacht in Russia a partire dall’inizio del duemila ma anche sul comportamento e sulle preferenze dei milionari russi.

* “Ekspert” № 27 dell’otto luglio ha raccontato delle principali tendenze della moda maschile, mostratesi durante “Pitti Uomo” di Firenze  (pag.66-69) e ha recensito un’opera di importanza fondamentale “Italia – Russia: mille anni di architettura” (pag.72).

* Infine segnalo le ottime impressioni espresse dai giornalisti di “RG” (28.6; pag.13) e di “Weekend” (№ 24 del 28.6; pag.16), settimanale di “Kommersant”, dopo la visita della mostra delle 11 opere di Tiziano,  che rimane aperta al Museo delle Belle arti Pushkin fino al 29 settembre p.v.

 

 

Cari lettrici e lettori, grazie per l’attenzione.

Distinti e cordiali saluti.

 

A cura di Valerij Shvetsov (con la collaborazione di Canzio Cavallini)

e-mail: valerio.m@unimpresa.ru

Telefoni: ufficio +7 (495) 411-79-48 (int. 3413); cell: +7 (916) 531-04-45

www.confindustriarussia.it


 Associazione Conoscere Eurasia - Via dell'Artigliere, 11 37129 Verona Italia - C.F. 93197240232 - P.IVA 03739750234 T: +39 0458020904 F: +39 0459299924 M: info@conoscereeurasia.it