Rassegna della Stampa Russa - 09.12.2016

 

 

Eventi, problematiche e dati statistici generali 

   Martedì 6 Dicembre Vladimir Putin ha accolto e discusso con Thorbjorn Jagland, segretario generale del Consiglio d’Europa, le relazioni tra la Russia e i Paesi europei e le prospettive della collaborazione dei parlamentari russi con i vari organi del suddetto Consiglio. Questa collaborazione dura da 20 anni: in questo periodo la Federazione Russa ha aderito a circa 60 accordi e protocolli europei, vigenti attualmente in vari ambiti. A parere del segretario generale, l’interazione delle due parti continua ora grazie al lavoro dei rappresentanti russi a Strasburgo.
L’alto ospite europeo è stato ricevuto anche da Vjaceslav Volodin, speaker della GosDuma (la Camera bassa dell’Assemblea Federale). Hanno esaminato diverse possibilità per “normalizzare lo status della delegazione russa”, privata 2 anni fa del diritto di voto dalla direzione precedente dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa. Dopo la conversazione di Thorbjorn Jagland con un numeroso gruppo di deputati della GosDuma, Leonid Slutskij, capo della Commissione per gli affari esteri, ha dichiarato che la Federazione Russa ritornerà nell’Assemblea ma non durante la prossima sessione di Gennaio – (Rossijskaja gazeta (RG), pag.2, Izvestia, p.2, Kommersant (Kom-t), pag.6, del 7.12).
 
   Negli ultimi giorni è entrata in vigore una nuova versione del documento “Linee guida della sicurezza d’informazione”. Gli specialisti hanno evidenziato che il documento attualizzato (la redazione precedente risale al 2000) crea le basi giuridiche per la difesa della sovranità e della stabilità politica, sociale e territoriale del Paese e per garantire i fondamentali diritti e le libertà dell’uomo. Il documento prevede, in particolare, un aumento del controllo statale dell’internet russo (Runet) e invita i cittadini a “collaborare in modo costruttivo” con i vari organi di stato nella lotta alle cyberminacce sempre più numerose e a partecipare allo scambio libero d’informazione, riconoscendo come alcune limitazioni siano necessarie per garantire la sicurezza nazionale – (RG, pag.1 e 4, Izvestia, pag.6, Nezavisimaja gazeta”, pag.1 e 3, e Kom-t, pag.6, del 7 Dicembre).
 
   La privatizzazione della grande compagnia Rosneft è avvenuta molto rapidamente, nonostante le numerose aspettative e previsioni fatte nelle ultime settimane da alcune agenzie e analisti “illustri”. Nella tarda serata di mercoledì (7.12) la compagnia “Rosneftegaz” (controlla oltre il 69% di Rosneft, il 10,97% di Gazprom e il 26,34% di InterRAO) ha venduto il 19,5% delle azioni societarie di Rosneft al consorzio istituito dalla società Glencore e dal Fondo sovrano del Katar. Il ricavo pari a circa $10,5 mld sarà versato al Bilancio federale già entro il 15 Dicembre. Gli analisti hanno messo in rilievo che il consorzio ha compiuto un “ottimo affare”: mentre le compagnie petrolifere russe sono sottovalutate sui mercati internazionali, le suddette due società hanno acquistato una compagnia leader mondiale del settore con considerevoli risorse di “oro nero” e molte attività modernizzate. Vladimir Putin ha messo in risalto l’importanza dell’“affare dell’anno nel settore del petrolio e del gas”, poiché aiuterà ad aumentare le entrate del Bilancio federale. La privatizzazione di Rosneft ha procurato un avanzamento del mercato finanziario russo e un aumento della capitalizzazione della società ad oltre 4.000 mld di rubli – (Vedomosti del 6.12, pag.1 e 5; Kom-t, pag.1, RG, pag.2, e Vedomosti, pag.1 e 13, del 8.12; nonché RG, pag.3, Kom-t, pag.10 e 11, RBK, pag.10-11, di oggi 9 Dicembre).
 
   La GosDuma ha approvato le modifiche alla legge sul finanziamento statale dei partiti politici che nelle recenti elezioni parlamentari hanno ricevuto oltre il 5% dei voti. Attualmente nella Camera bassa sono presenti 4 partiti che hanno superato la soglia di entrata. Dunque, l’aumento della “tassa per ogni voto” da 110 rubli nel 2015 a 152 rubli consentirà ai partiti parlamentari di conservare il finanziamento al livello precedente nonostante il calo generale dei voti ottenuti a Settembre. Nello scorso anno lo stanziamento dal Bilancio federale costituiva circa il 69% dei redditi del partito al governo Russia Unita, l’89,4% dei redditi del partito comunista, l’86,4% di Russia giusta e il 74,6% del partito liberaldemocratico. Dopo la riforma del 2001 le sponsorizzazioni politiche da parte del grande e medio business sono state eliminate – (Vedomosti del 5.12, pag.6).
 
   Il governo ha deliberato il minimo vitale per il terzo trimestre pari a 9.889 rubli al mese. È dello 0,7% (di 67 rubli) in meno rispetto al 2° trimestre. La diminuzione è legata al calo stagionale di alcuni prezzi al minuto di ortaggi e di granaglia e, secondo alcuni analisti, non provocherà degli effetti negativi sull’attuazione delle garanzie sociali statali per la popolazione – (RG pag.3, e alcuni altri quotidiani del 6.12).  
 

Economia, settori e mercati, grandi aziende e Pmi 

   Il Consiglio per la sicurezza nazionale della Federazione Russa nella seduta presieduta dal Capo dello Stato ha discusso e approvato la Strategia della sicurezza economica. Il documento comprende le linee guida delle più importanti azioni e misure dello Stato finalizzate ad assicurare la sovranità economica, tecnologica e finanziaria del Paese – (RG dell’8.12, pag.2).
 
   Mercoledì (7.12) la Gosduma nonostante una “resistenza” dell’opposizione parlamentare (3 partiti su 4 rappresentati nella Camera) ha approvato in seconda lettura il Bilancio federale per il triennio 2017-2019. La discussione delle problematiche economiche e finanziarie è risultata così tesa che ad un certo punto il capo della Commissione di bilancio e delle imposte Andrej Makarov ha dichiarato: “I deputati che voteranno “contro” la legge sulla Finanziaria, esprimeranno con questo anche un parere contrario al recente Messaggio del Presidente”.
Come molte volte in precedenza, nella seconda lettura i deputati non hanno toccato la struttura e i parametri generali del Bilancio triennale proposti dal Ministero delle Finanze e dal Tesoro. Hanno invece ridimensionato una parte delle uscite, destinate alla soluzione di alcuni problemi di carattere sociale e al sostegno alle regioni, pmi e città-monoprodotto. In totale hanno diviso per un’altra volta circa 549 mld di rubli. Per finanziare nel prossimo anno i progetti proposti dal Capo dello Stato saranno utilizzate le riserve del CdM; invece il piano governativo di sostegno ai settori economici sarà finanziato dallo speciale “fondo di riserva” dell’esecutivo. Ad ogni modo alla vigilia della terza lettura (9.12) i parametri principali sono stati i seguenti: le entrate 2017 di 13.490 mld di rubli, le uscite di 16.240 mld e il passivo del Bilancio pari al 3,2% del Pil – (RG, p.3, del 7.12; RG, p.2, Vedomosti, pag.5, Kom-t, pag.1-2, dell’8 Dicembre; RBK del 9.12, pag.1, 6-7 e 9: un’analisi delle modifiche apportate al Bilancio triennale prima dell’approvazione definitiva della legge).
 
  Gli analisti “indipendenti” della “Scuola superiore di economia” hanno accertato che il mantenimento del livello attuale del potenziale produttivo in Russia costa 3.500-3.900 mld di rubli l’anno. Tale stima è stata fatta dopo la recente dichiarazione della Corte dei Conti secondo la quale poco tempo fa l’usura delle immobilizzazioni (attività fisse) in Russia ha superato per la prima volta il 50%. Il Ministero economico ha calcolato che attualmente il valore medio annuo delle immobilizzazioni si aggira sui 180.000 mld di rubli – (Izvestia del 7.12, p.1 e 4).
 
  Agli analisti della situazione attuale dell’economia russa segnalo: un lungo articolo scritto per Nezavisimaja gazeta (7.12, pag.5) da 2 esperti dell’“Università finanziaria presso il governo” che hanno formulato tre critiche relative alle previsioni del Ministero dello Sviluppo economico per gli anni 2017-2019; e l’approfondita conversazione di RG (7.12, pag.18) con l’accademico Aleksandr Dynkin, vicepresidente della “Circolo libero degli economisti” recentemente costituito, in cui si descrive come l’economia nazionale dovrebbe lavorare nelle condizioni dei prossimi anni.
 
   La rassegna delle pubblicazioni settoriali comincia dall’ampio supplemento a RG del 7 Dicembre (pag.A1-A8) dedicato al bilancio preliminare del 2016 per la comunità imprenditoriale. Il supplemento comprende numerosi servizi e commenti sull’attività di alcune società e imprese innovative; sono molto informative le interviste ad Aleksej Repik (“Russia d’affari”) e Serghej Katyrin (Camera russa di Commercio e dell’Industria) che hanno espresso pareri positivi sui cambiamenti avvenuti nel dialogo con le autorità statali e sul miglioramento del clima imprenditoriale.
In allegato all’edizione dell’8.12 lo stesso quotidiano RG ha diffuso il supplemento di 4 pagine “Scienza e tecnologie”, nel quale ha trattato i successi e le varie problematiche del settore missilistico e spaziale, della cristallografia, delle tecnologie additive e biologiche, ecc.
 
  Negli ultimi giorni la stampa ha prestato molta attenzione al trasporto ferroviario. Alcuni giornali hanno descritto come il governo e RZhD (Ferrovie russe SpA) cercano di trovare un consenso su un nuovo modello finalizzato del mercato del trasporto delle merci. Inoltre hanno riferito che il CdM ha concordato una serie di misure tese a pareggiare il piano finanziario-2017 di RZhD, e che quest’anno, dopo un lungo ristagno, le costruzioni di vagoni aumenteranno di circa il 43% su base annua – (Kommersant del 7.12, pag.10 e pag.13-16: il supplemento tematico; dell’8.12, p.9).
Izvestia (7.12, pag.4) ha scritto della prossima ultimazione della costruzione dell’importante ferrovia nella Repubblica di Jakuzia (Estremo Nord).
 
  La Russia e gli altri Paesi dell’Unione Economica Eurasiatica (UEE) hanno proposto alla Cina oltre 40 progetti riguardanti vari tipi di trasporto: il totale degli investimenti comuni potrà superare $30 mld. La loro realizzazione sarà finalizzata all’ampliamento delle strutture logistiche tra Russia, Cina, UEE e l’Unione Europea – RG del 6.12, pag.11. Nella stessa edizione il quotidiano ha riportato e commentato (p.12) l’aumento degli investimenti privati nella costruzione di nuovi porti marittimi e nel miglioramento delle infrastrutture portuali.
Negli ultimi 14 anni la movimentazione di merci attraverso i porti marittimi è aumentata da 265 a 677 mln di tonnellate.
 
  Dalle informazioni sulla situazione attuale dell’industria automobilistica risulta, in particolare, che a Novembre, per la prima volta dal 2014, il mercato è aumentato dello 0,6%: sono state vendute 132.340 nuove autovetture. Tuttavia, tra Gennaio e Novembre il calo registrato è rimasto quello del 12% annuo, con 1,2 mln di autoveicoli venduti – (Kom-t del 9.12, pag.11).
Vedomosti ha riferito che quest’anno il fatturato del gruppo Kamaz (camion pesanti) supererà il piano business del 15-30%, con un utile netto maggiorato di 2-4 volte (l’edizione del 5.12, pag.13) e che il Consiglio dei direttori del gruppo AvtoVAZ ha approvato l’emissione aggiuntiva di un considerevole quantitavo di azioni societarie che potrà fruttare alla società circa 29 mld di rubli (8.12, pag.10).
 
  Uno dei tre “big” della telefonia mobile in Russia, la compagnia MTS (Sistemi telefonici di Mosca) continua a cercare nuove attività al fine di compensare la riduzione dei ricavi provenienti dalla telefonia fissa. Da poco tempo MTS offre servizi di clearing, di rifacimento e di riparazione della casa – RBK (5.12, p.11).
A questo punto agli esperti del mercato immobiliare segnalo un supplemento tematico mensile a Vedomosti del 6 Dicembre (pag.1-8: si tratta della creazione di posti di lavoro vicini ai nuovi quartieri, della struttura delle offerte relative alle nuove case, della costruzione di nuovi edifici con l’uso di stampanti 3D, ecc), nonché un’ampia intervista di RG (24.11, p.13) a Vladimir Resin, l’ex vicesindaco “eterno” di Mosca e attuale deputato della GosDuma, che ha espresso il suo parere sulla privatizzazione prorogata di appartamenti e ha giudicato una serie di problemi legati alla costruzione a Mosca di un Centro parlamentare e di 200 chiese ortodosse, 50 delle quali sono state già consegnate. Gli analisti potranno trovare molte informazioni utili e variegate sull’edilizia e sull’urbanistica nel supplemento “Casa“ (p.13-24), diffuso in allegato da Kommersant dell’8.12.
Nell’edizione di oggi 9.12 il quotidiano del governo RG (pag.1 e 5) ha constatato la realizzazione insoddisfacente del programma statale di liquidazione delle case “in uno stato avariato”. Dopo il 2012 le regioni hanno eseguito, in generale, solamente un terzo del volume fissato.
 
   Nell’illustrare la situazione attuale dell’agricoltura Kommersant di oggi 9.12 (l’intera pag. 13) ha focalizzato la sua attenzione sui diversi motivi e presupposti del rilevante aumento del numero di investitori privati che aprono diverse attività in uno dei settori più dinamici dell’economia russa. Nezavisimaja gazeta (7.12, p.4) ha raccolto e commentato pareri molto divergenti della Corte dei Conti, del Servizio Antitrust federale, del Ministero economico e degli stessi produttori sullo stato attuale del mercato del latte: è caratterizzato attualmente dai prezzi “gonfiati” di molti prodotti e da un “deficit artificiale nel settore”.
 
   In conclusione di questo “capitolo” della rassegna segnalo brevemente:
 
- un supplemento di 4 pagine a RBK del 2.12 sullo strepitoso sviluppo della nuova industria sportiva del cybersport che genera notevoli redditi e attira molti investitori;
 
- due servizi in cui Vedomosti, pag.24, e Kom-t, p.12, del 6 Dicembre hanno pubblicato le previsioni per il 2017 su un rallentamento del mercato pubblicitario mondiale e sull’aumento invece del mercato russo di circa il 7,7%;
 
- una nota di Kommersant (8.12, pag.10) che ha riferito il parere delle agenzie turistiche sull’aumento, di un terzo circa rispetto al 2015, del numero di cittadini stranieri che hanno prenotato dei viaggi in Russia per il prossimo periodo delle feste natalizie e di Capodanno.  
 

Finanza, fisco, dogana, leggi, settore assicurativo 

   Il Servizio statistico federale (Rosstat) e la Banca centrale russa (BCR) hanno reso noto che a Novembre il tasso d’inflazione è stato dello 0,4% mensile e del 5,8% annuo e che il corso reale effettivo del cambio del rublo (nei confronti delle valute dei principali partner commerciali della Federazione Russa) è diminuito dello 0,5% – (Kommersant del 7.12 e del 9.12, pagine 2).
 
   Nell’illustrare e commentare la dinamica positiva della massa monetaria M2 (con lo stato al primo Novembre; la massa reale è aumentata del 5,7%) Expert № 49 del 5.12, pag.4, ha tratto la conclusione sull’uscita dalla crisi e sull’inizio di un risanamento dell’economia nazionale. Il settimanale ha descritto inoltre (pp.30-32) il considerevole sviluppo in Russia del crowdfunding, il meccanismo alternativo di attrazione delle risorse finanziarie dei privati per un avanzamento del business oppure dei progetti non commerciali.
 
   Nel riferire sull’attività e lo stato del sistema bancario i giornali hanno rivelato che:
 
- la Banca Centrale intende rafforzare il controllo dei servizi dell’online banking per le persone fisiche nonché dei servizi di pagamento a distanza per le persone giuridiche e introdurre successivamente la loro regolamentazione totale. Inoltre, solamente la BCR potrà prendere la decisione di mettere in funzione il regime speciale delle aste elaborato dalla Borsa di Mosca per eventuali e forti oscillazioni del cambio rublo/dollaro statunitense – (RBK del 5.12, pag. 1 e 13; Vedomosti del 6.12, pp.11 e 15);
 
- la BCR ha valutato i rischi principali del mercato del leasing e ha puntualizzato una riforma di questo settore fissata per gli anni 2017-2018 – (Kom-t del 5.12, pp.1-2);
 
- a Novembre il giro d’affari della Borsa di Mosca è ammontato all’importo record di 2.400 mld di rubli, ovvero +42% sul mese di Ottobre e +30% su base annua. Il massimo della Borsa è stato stabilito a Dicembre del 2014: circa 3 mila mld di rubli – (Vedomosti del 5.12, pag.10).
 
   Infine segnalo un’interessante intervista a Jurij Pilipenko, presidente della “Camera federale degli avvocati”, pubblicata dal settimanale Profil № 44 del 28.11, pag.24-26. Il presidente ha approfonditamente illustrato lo sviluppo della comunità forense, le sue richieste e problematiche. Nel rispondere alle domande della rivista e dei lettori Jurij Pilipenko ha precisato le regole di comportamento degli avvocati russi nei network e ha commentato alcuni punti della riforma programmata del mercato dei servizi giuridici.  
 
 
 Cari lettori, grazie per l'attenzione. 

Cordiali saluti.
A cura di Valerij Shvetsov
e-mail: valerio.m@yandex.ru
Telefono - cell: +7 (916) 531-04-45

 


 Associazione Conoscere Eurasia - Via dell'Artigliere, 11 37129 Verona Italia - C.F. 93197240232 - P.IVA 03739750234 T: +39 0458020904 F: +39 0459299924 M: info@conoscereeurasia.it