Rassegna della Stampa Russa - 10.02.2017

 

 

Eventi, problematiche e dati statistici generali 

   Circa 2 anni fa nell’Unione Economica Euroasiatica (UEE) è stato creato il mercato comune del lavoro. Prevede, in particolare, la libera circolazione di persone e l’elaborazione di un approccio comune all’assistenza pensionistica. Il Collegio dell’UEE ha concordato la bozza del relativo accordo tra i membri dell’Unione. Il documento stabilisce che ogni Stato pagherà al lavoratore la parte della pensione che gli spetta per il periodo in cui è stato impiegato al di fuori della sua Patria. Il suddetto accordo sarà approvato entro la fine di quest’anno. Gli esperti hanno messo in evidenza un notevole divario tra gli attuali importi delle pensioni vigenti nei vari Paesi dell’Unione – (Nezavisimaja gazeta dell’8.02, pag.1 e 4).
 
   Dal 14 al 22 Ottobre si svolgerà in Russia il Festival mondiale della gioventù e degli studenti. Il Comitato organizzatore ha ricevuto già oltre 30 mila richieste da 103 Paesi. Al festival parteciperanno circa 10.000 russi e altrettanti giovani e studenti stranieri. L’evento sarà inaugurato a Mosca e le sue numerose manifestazioni avranno luogo a Soci e in altre città russe: da Kaliningrad a Vladivostok. Nella sua prima riunione il Comitato ha preso una serie di decisioni atte a portare al minimo le procedure burocratiche e a creare condizioni più favorevoli per i futuri ospiti della Russia – (Rossijskaja gazeta (RG) del 9.2, pag.2).
 
   Lunedì 6.02 il sindaco della capitale russa Serghej Sobjanin ha inaugurato un nuovo Centro per la sicurezza della metropolitana di Mosca. Attualmente la sicurezza nel metrò viene garantita da circa 5 mila dipendenti della società pubblica e da 5.562 poliziotti, a cui si aggiungono 120 controllori del traffico che dispongono di 17 mila videocamere, comprese 5.500 camere “intelligenti” – (Mosca Sera, pag.4, e alcuni altri quotidiani del 7.2).
 
   D’ora in poi in Russia non esisterà un limite di età nel definire la parte attiva della popolazione – questo è ciò che ha comunicato il direttore del Servizio federale statistico (Rosstat) Aleksandr Surinov. Ha precisato che il precedente limite di 72 anni è stato abolito in conformità ai nuovi standard dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro. Secondo lo stesso Rosstat, attualmente un pensionato su tre continua a lavorare e il loro totale si aggira sui 15 mln di persone. Il governo di Mosca ha reso noto che 360 mila abitanti hanno raggiunto l’età di 80; oltre 570 moscoviti hanno superato l’invidiabile età di 100 anni – (RG dell’8.2, pp.10-11).
 
   La splendida esposizione dei capolavori della Pinacoteca del Vaticano Roma aeterna grazie alle numerose richieste rimarrà aperta fino al primo Marzo – (Weekend e altri giornali del 10.2).  
 

Economia, settori e mercati, grandi aziende e Pmi 

   Martedì 7 Febbraio i deputati della GosDuma (la Camera bassa dell’Assemblea federale) del partito al governo “Russia Unita” hanno discusso varie questioni dello sviluppo dell’industria con il premier Medvedev, il ministro Manturov e i dirigenti di alcune Corporazioni industriali statali. I convenuti hanno ribadito, in particolare, l’arduo compito di “creare una nuova industria che sarà efficiente, competitiva in tutto il mondo e innovativa”.
Nello stesso giorno Medvedev ha accolto Boris Titov, difensore civico dell’imprenditoria, che ha presentato a nome del “Club Stolypin” un programma per lo sviluppo sociale ed economico della Russia nel medio termine. Gli interlocutori hanno esaminato le diverse soluzioni che consentiranno di raggiungere ritmi di crescita economica superiori a quelli dell’economia mondiale, ovvero oltre il 3-3,5% annuo. Titov ha evidenziato che è necessario puntare sull’avanzamento delle Pmi, sulla diminuzione della pressione fiscale e tariffaria, sulla riduzione del tasso medio d’interesse bancario e sulla concessione dei crediti a lungo termine. Il capo del governo ha condiviso molti punti del programma e ha sottolineato la necessità di trovare ingenti risorse finanziarie che permetteranno di realizzare questi ambiziosi obiettivi – (RG dell’8.2, p.2-3).
 
  Il ministro dell’Industria e del Commercio Denis Manturov ha scritto per il giornale Izvestia (9.2, pag.6) un articolo in cui ha trattato l’ammodernamento ecologico delle aziende industriali da realizzare nel 2017 e negli anni successivi. A suo parere, “il principale compito delle autorità non è costringere ma stimolare le società a passare alle tecnologie moderne”.
A questo punto segnalo Kommersant (8.02, pag.1 e 7) che in un suo servizio ha riassunto alcune “critiche rigide” del grande business relative all’idea del Ministero Manturov di introdurre un dazio di rottamazione per prodotti metalmeccanici e macchine utensili. A parere della RSPP (Unione russa degli industriali e degli imprenditori), tale dazio “contraddice i piani del governo di congelare i pagamenti non fiscali, ostacolerà un riequipaggiamento tecnico e diminuirà le entrate fiscali”. Il quotidiano ha notato che il Ministero è disposto a discutere la sua proposta ed intende introdurre il dazio solamente negli anni 2018-2020. Alcuni esperti non hanno escluso che le grandi società “hanno esagerato gli effetti negativi del suddetto dazio”; hanno rivelato inoltre che “il provvedimento proposto dovrebbe interessare solo i settori industriali, nei quali i prodotti locali competono con quelli importati”.
 
  Vladislav Inozemtsev, direttore del “Centro di ricerche della società postindustriale”, ha pubblicato (RBK dell’8.2, p.13) una sua analisi dello stato attuale e delle problematiche del trasporto con container. L’anno scorso circa l’85% di questo trasporto in Russia è stato usato per l’export e l’import. Inoltre, la circolazione delle merci in tutti i porti marittimi russi è ammontata a 3,9 mln di teu, ovvero allo 0,57% dell’indice mondiale. A parere del ricercatore, che non è condiviso pienamente dalla redazione, “la regolamentazione del mercato dei trasporti con container è un evidente esempio di come lo Stato ignora gli interessi del business privato”.
 
   La rassegna delle pubblicazioni settoriali comincia da alcuni servizi su una rapida ripresa dell’aeronautica civile. A Gennaio il trasporto passeggeri (6,82 mln di persone) è aumentato del 23,6% su base annua. Le compagnie aeree facenti parte della TOP-20 hanno avuto un aumento maggiore: oltre il 40%. Gli esperti hanno notato che l’attuale dinamica del settore “non è legata più alla spartizione dei passeggeri della compagnia fallita “Transaero””. Malgrado la considerevole crescita non tutti i titolari e dirigenti sono convinti che la situazione del mercato sarà stabile durante tutto l’anno. Negli anni 2014-2015 le compagnie aeree hanno raggiunto il “massimo storico”: 92 mln di passeggeri all’anno. Lo scorso anno il trasporto annuo è diminuito del 3,8%, totalizzando 88,6 mln di persone.
I giornali hanno riferito inoltre che il capo dell’agenzia federale Rosturism ha chiesto all’Agenzia Rosaviazia di aiutare nello sviluppo di voli charter interni e che i voli di linea verso le città di Kaliningrad e di Simferopoli (la Crimea), nonché verso le regioni dell’Estremo Oriente e dell’Estremo Nord saranno sussidiati dal Bilancio federale anche nel 2017. Invece il programma apposito, relativo al Distretto federale del fiume Volga, quest’anno verrà sospeso – (Vedomosti, pag.13, RG, pag3, e Kommersant (Kom-t), pag.7, del 9 Febbraio).
 
  A differenza del settore aeronautico (civile) il mercato automobilistico non è ancora “partito”: a Gennaio le vendite delle nuove auto e di LCV sono calate del 5% su base annua, a 77.900 autoveicoli. Tutte le speranze dei produttori e dei dealer sono rivolte al secondo semestre; gli operatori più ottimisti prevedono, addirittura, un aumento totale del mercato del 5-10% alla fine dell’anno. AvtoVAZ, leader del settore, ha aumentato le vendite del 5% rispetto allo stesso mese del 2016, a 16.300 macchine – (Kom-t, pag.9, e Vedomosti, pag.18 (il servizio è corredato dalla dinamica delle vendite a Gennaio dal 2007 fino ad oggi) del 9 Febbraio).
 
Alcuni altri quotidiani hanno riferito che:
 
- il pedaggio del sistema “Platon” per i camion pesanti in viaggio per le autostrade federali sarà raddoppiato dal prossimo 15 Aprile – (RG, p.1 e 4, del 6.2, ecc);
 
- nel 2016 il gruppo KamAZ (produttore di camion medi e pesanti) ha aumentato il suo fatturato del 31%, a 127,2 mld di rubli, e ha ricevuto un utile netto di 339 mln di rubli contro la perdita di 2,4 mld di rubli nel 2015 – (Vedomosti dell’8.2, pag.13);
 
- a Kurgan, capoluogo regionale, ha ripreso il lavoro un centro di servizi tecnici per le macchine agricole prodotte in Bielorussia – (RG del 9.2 nell’inserto “Unione Bielorussia-Russia”, pag.2).
 
  RZhD (“Ferrovie russe” SpA pubblica) intende ricevere circa 4 mld di rubli in aggiunta alle entrate del 2016 grazie all’aumento di alcune tariffe e, innanzitutto, dei flussi di merci attratti dagli altri segmenti del settore dei trasporti, in particolare da quello automobilistico. È ciò che descrive e analizza il settimanale Profil (№ 4 del 6.2, pag.30-34) in una sua rassegna dell’attivita della grande società statale.
 
  Vedomosti (31.1, p.13) ha rivelato che in un anno il costo del contratto tra Gazprom e la compagnia privata “Strojgazmontazh” relativo alla costruzione del gasdotto “Forza della Siberia” è aumentato di un quarto e ha raggiunto 248 mld di rubli. Il settimanale Kompanija (№ 4 del 6.2, pag. 4 e 22-26) ha pubblicato un’analisi dell’operato e dei problemi del “colosso russo del gas”.
 
  In circa 60 anni di attività la cosmonautica sovietica e russa è passata dal lancio di uno sputnik “semplice” all’attività pluriennale della Stazione Spaziale Internazionale. Nezavisimaja gazeta dell’8 Febbraio nel suo supplemento bisettimanale Scienza (pag.9 e 12) ha descritto le diverse fasi di sviluppo del settore spaziale, focalizzando maggiore attenzione sul suo stato attuale e sulle sue prospettive. L’autore dell’approfondito articolo Ivan Mikhailov, direttore dell’“Istituto di politica interplanetaria”, ha rivelato con evidente rammarico che “adesso il volo verso la Luna non è assolutamente attuale per il settore spaziale”.
 
   Alcuni quotidiani hanno prestato attenzione ai problemi del mercato russo del latte. Risulta che nonostante l’ingresso nel mercato di molti investitori privati ricchi (v.ad esempio Kommersant del 9.2, p.10) il deficit di latte ha raggiunto 8 mln di ton.
  La settimana scorsa i produttori hanno inviato una lettera al ministro dell’Agricoltura Aleksandr Tkaciov con l’avvertimento di un eventuale aumento dei prezzi. Queste preoccupazioni sono nate dopo i limiti stabiliti dall’Agenzia Rossel’khosnadzor per il trasporto di latte fresco da alcune regioni in cui è stato rivelato bestiame ammalato – (RG dell’8.2, pag.5, e Kom-t di oggi 10.2, pag.1 e 9).
 
  Nelle ultime 2 settimane uno dei temi principali della stampa è stato il vitto, l’alimentazione dei russi. Il Rosstat ha calcolato un menù “accessibile” per gran parte della popolazione e ha messo in evidenza le Regioni con un’alimentazione “non molto cara”. Purtroppo in Russia un quarto delle provviste di alimentari non viene utilizzato (RG del 27.1, p.4, e del 9.2, p.1 e 3).
I giornali hanno rilevato che attualmente i prezzi degli alimentari hanno raggiunto il massimo degli ultimi 2 anni e che anche Internet non aiuta a risparmiare le spese per il vitto – (Kom-t del 3.2, p.2, e Kompanija № 4 del 6.2, pag.45). I ricercatori di UBS Evidence Lab hanno accertato che “i russi non potranno diminuire ancora l’alimentazione anche in caso di una diminuzione dei redditi, poiché è impossibile mangiare sempre meno” – (RBK del 6.2, pag.12).
Nel frattempo le importazioni di alcuni alimentari in un anno sono diminuite del 50%; dall’altro lato si rileva che “le controsanzioni non hanno salvato i produttori di carne da una sovrapproduzione” – (Izvestia del 3.2, pag.4, e Kompanija № 4, pag.42-44).
 
L’anno scorso il giro d’affari del settore della ristorazione è diminuito del 3,8% sul 2015 ed è ammontato a 1.334 mld di rubli. Tuttavia, a Dicembre è calato del 5,1% su base annua. Il calo generale del settore continua dall’Ottobre del 2004 quando il giro d’affari è diminuito dell’1%; a Dicembre del 2015 il calo è diventato più profondo: -7% su base annua, ecc. In “compenso” i russi entro la seconda metà di quest’anno conosceranno i punti centrali della “Strategia dello sviluppo della ristorazione in Russia”. Dal documento si deduce che in poco tempo si potranno notare prezzi nei ristoranti, trattorie e caffè molto accessibili. Le visite frequenti nei locali diventeranno una nuova tradizione per una parte considerevole della popolazione – (Nezavisimaja gazeta dell’8.2, pag.4, e RG del 23.1, p.1 e 7).
 
   In conclusione di questo “capitolo” segnalo il supplemento “Mercato dell’arte” a Kom-t del 9.2, pag.13-16. Vedomosti (31.1, pag.23) che ci consiglia una visita al teatro “Ghelicon” di Mosca che ha messo in scena una versione nuova, originale e interessante dell’opera Turandot di Giacomo Puccini.  
 

Finanza, fisco, dogana, leggi, settore assicurativo 

   La Banca Centrale Russa (BCR) ha fatto delle concessioni agli istituti finanziari e alle associazioni di pagamento e ha prorogato il termine del passaggio obbligatorio alle carte di credito Mir delle persone finanziate dal Bilancio, in particolare, i pensionati. Si prevede che questo passaggio comincerà dal primo Luglio di quest’anno e finirà esattamente tra un anno, per alcuni giornali fra 3 anni – (RBK del primo Febbraio, pag.8-9; RG del 9.2, pag.5; nonché i giornali di oggi 10.2 Vedomosti, pag.14, RBK, pag.9, RG, pag.5, ecc).
 
   Il Ministero delle Finanze ha pubblicato una relazione relativa a “Le direttrici della politica statale dei debiti per gli anni 2017-2019”. Secondo molti esperti, una delle proposte più importanti riguarda una “correzione” del sistema delle garanzie statali a favore soprattutto del complesso militare industriale e dei settori legati al complesso. Queste garanzie, ovvero oltre 300 provvedimenti obbligatori per il Bilancio ammontano a circa 2.600 mld di rubli, cioè il 23% del debito pubblico della Federazione Russa. Il Ministero ha proposto di limitare questo mercato con vari pagamenti obbligatori – (Kom-t del 7.2, pag.1-2).
 
Vedomosti di oggi (10.2, p.4) ha riferito in un suo servizio che lo scorso anno l’84% delle garanzie statali è stato legato agli attivi in difficoltà del gruppo VEB e trasferito al “Fondo degli attivi industriali”, di cui il VEB è l’unico fondatore.
 
   Izvestia (9.2, pag.1 e 4) ha analizzato le previsioni fatte da alcuni principali operatori del sistema bancario, come VEB, VTB24, Promcvjaz’bank, ecc, e ha dedotto che quest’anno l’utile degli istituti finanziari di credito potrebbe raggiungere 1.300 mld di rubli. In questo caso il sistema bancario potrebbe superare il suo record stabilito nel 2012, quando l’utile ammontava a 1.010 mld di rubli.
 
   Andrej Zvjozdochkin, partner e direttore generale del gruppo d’investimento Aton (nel 2016 ha fatturato 5,6 mld di rubli; il capitale sociale è di $287 mln (2015), ha rilasciato un’approfondita intervista a Vedomosti (9.2, pag.8-9). Nel rispondere a numerose domande e quesiti ha espresso il suo parere sulla concorrenza delle banche d’investimento durante le sanzioni imposte a Mosca. Ha rivelato “quasi tutto” sui clienti ricchi del suo gruppo e ha spiegato un aumento dell’organico della compagnia.
 
   Poco tempo fa in Russia è stato fermato un numeroso gruppo di hacker: in 4 anni di attività sono riusciti a “trasferire” dai siti bancari oltre 1 miliardo di rubli (RG del 9.02, pag.1 e 6). Expert (№ 5 del 30.1, pag.11-19) ha approfonditamente trattato i problemi legati alla cybercriminalità, rivelando che i suoi danni si aggirano sui $600 mld, ovvero l’1% del Pil mondiale.
 
Nell’edizione del 6 Febbraio lo stesso settimanale (№ 6, pag.36-39) ha pubblicato un’ampia conversazione con Irina Karavaeva, scienziata dell’Istituto di economia dell’Accademia delle scienze, dedicata alle problematiche legate alla scala progressiva della tassazione delle persone fisiche.
 
   Il 79% dei russi, intervistati dagli sociologi ingaggiati dalla Banca Centrale russa, ha dichiarato che il rublo è la valuta migliore per risparmiare i propri redditi. Il 15% preferisce ancora il dollaro statunitense – (RG dell’8.2, pag.1 e 4)  
 
 

 

 Cari lettori, 
 per alcuni motivi tecnici e logistici la prossima edizione 
 sarà editata e trasmessa a Voi venerdì prossimo 17 Febbraio. 

 

 Grazie per l'attenzione. 

Cordiali saluti.
A cura di Valerij Shvetsov
e-mail: valerio.m@yandex.ru
Telefono - cell: +7 (916) 531-04-45

 


 Associazione Conoscere Eurasia - Via dell'Artigliere, 11 37129 Verona Italia - C.F. 93197240232 - P.IVA 03739750234 T: +39 0458020904 F: +39 0459299924 M: info@conoscereeurasia.it