Rassegna della Stampa Russa - 11.07.2017

 

 

Eventi, problematiche e dati statistici generali 

  Negli ultimi 2 giorni i periodoci russi hanno prestato la massima attenzione al vertice del G-20 in Germania (07-08 luglio) e, in particolare, al suo evento più importante: il primo incontro tra i presidenti Putin e Trump. Vladimir Putin nella sua conferenza stampa dopo la conclusione del vertice si è detto convinto che “le autorità della Federazione Russa riusciranno ad instaurare delle relazioni con il presidente degli Stati Uniti”. Ha inoltre messo in risalto che “Donald Trump ascolta il proprio interlocutore con interesse e analizza rapidamente le informazioni ricevute”. A parere di Putin, “se proseguiremo i nostri rapporti così com’è andata la nostra conversazione, saremo in grado di recuperare, almeno in parte, il livello di interazione di cui necessitiamo”. Molti giornali hanno sostenuto che anche Donald Trump si è ritenuto soddisfatto del primo colloquio con il suo omologo russo. Tenuto conto della tensione tra i due Paesi, la stampa ha tratto la conclusione che “i presidenti saranno in grado di mantenere i contatti”. Nel confermare il parere positivo sull’incontro molti inviati e corrispondenti, nonché gli esperti citati hanno messo in rilievo alcuni risultati reali ottenuti nel corso dell’incontro o subito dopo: l’accordo sulle misure da realizzare immediatamente nelle regioni meridionali della Siria; la nomina del rappresentante speciale di Trump per l’Ucraina; l’intenzione reciproca di creare un gruppo di lavoro per le problematiche legate alla cybersicurezza. In alcuni commenti si è scritto anche di una serie di fattori che non consentiranno di affievolire un “confronto serrato tra gli USA e la Russia”. La maggior parte dei giornali e degli specialisti intervistati non hanno condiviso tale “pessimismo”: secondo loro “soltanto gli avvenimenti futuri potranno dimostrare le reali intenzioni degli USA e della FR”. Oggi molte agenzie hanno riferito che l’amministrazione degli USA ha approvato nuove sanzioni contro Mosca e che la Russia sarebbe pronta ad espellere una trentina di diplomatici americani in risposta ad alcune recenti restrizioni decise dalle autorià statunitensi.
 
  Nell’'illustrare l’andamento del vertice del G-20 i giornali hanno messo in rilievo che questa volta il suo ordine del giorno ha racchiuso tutte le problematiche globali più importanti. A parere di molti giornali, le discussioni dei leader mondiali hanno dimostrato quanto sia complicata l’attuale interconnessione tra la politica estera e l’economia mondiale. Alcuni giornali hanno evidenziato che molte questioni sono state decise in seguito alla partecipazione o al contributo apportato dal presidente russo. Molti esperti hanno sottolineato “la necessità di un ritorno del peso politico dell’industria reale nell’economia mondiale” – (i quotidiani del 10 luglio Rossijskaja gazeta (RG), pag.1-2 e 6, Izvestia, pp.1-2: link, e 3, Kommersant (Kom-t), pag.6, RBK, pag. 2-3, Metro, p.6, Nezavisimaja gazeta, ecc; i settimanali Expert ! 28, pag.7 e pag.13-21: link, e Profil ! 26, pag.8-14; nonché i giornali di oggi 11 luglio Kom-t, pag.6, RG, pag.3: link, Vedomosti, pp.1, 6-7, Nezavisimaja gazeta, pag.7, ecc).
 
- Il! 2018! sarà! in! Russia “l’anno! dell’imprenditoria”. Il governo intende rendere nota ai primi di settembre una lista di eventi, manifestazioni, iniziative legislative e di altri provvedimenti che saranno realizzati negli interessi degli imprenditori. Nel primo trimestre di quest’anno il totale delle aziende operanti nella FR è nuovamente diminuito, mentre il numero di imprenditori individuali è aumentato dell’1,2% – (RG dell’11 luglio, pag.9).
 
- Sabato 8 luglio migliaia di moscoviti hanno partecipato ad una!nuova!festa!della!città:!la!“Giornata! dei!trasporti”. Vicino al lungofiume Frunzenskaja è stata allestita un’esposizione spettacolare di mezzi di trasporto risalenti a varie epoche. In occasione della festa le autorità della megalopoli hanno comunicato che entro il 2021 a Mosca saranno costruite 60 nuove stazioni e linee della metro lunghe 142 chilometri – (Metro del 10.7, pag.2, e Mosca-Sera).  
 

Economia 

   Situazione generale:
 
  Il maltempo, le temperature di questo periodo inferiori a quelle medie, e le piogge continue in molte regioni hanno determinato raccolti inferiori di frutta e ortaggi. Questi fattori negativi hanno causato un rincaro di molti prodotti agroalimentari (l’11,6% in più durante il mese di giugno) e un balzo considerevole! dell’inflazione:! +0,6%! rispetto! al! mese! di! maggio.! Igor’ Dmitriev, direttore del dipartimento della Banca Centrale ha definito “una sorpresa spiacevole” l’acceleramento dell’inflazione fino al 4,4% annuo. Ha aggiunto che per questo motivo il Regolatore potrebbe rivedere alcune sue previsioni precedenti. Molti prezzi nel Paese sono aumentati (+0,3% e oltre) anche dopo il primo luglio, quando sono entrate in vigore le nuove tariffe comunali e di trasporto programmate all’inizio di quest’anno. A questo proposito alcuni quotidiani hanno rivelato che le autorità federali, come in precedenza, “non si decidono ancora ad effettuare l’auditing indipendente dei costi reali e dei prezzi di servizi urbani e comunali” – (Expert ! 28, pag.64: link, e Profil ! 26, p.6, del 10 luglio; Nezavisimaja gazeta del 6.7, pag.2).
 
  Il 59% degli intervistati dai sociologi del “Centro degli studi sull’opinione pubblica” (VTsIOM in russo) ha previsto che fra!3!mesi!il!corso!del!cambio!della!divisa!nazionale!raggiungerà!62!rubli!a!$1 e che in seguito il rublo continuerà a perdere il suo valore nominale nei confronti delle valute estere più importanti. Gli analisti dei mercati finanziari hanno evidenziato che ad aprile le aspettative dei cittadini sono state contrarie alle supposizioni e agli avvertimenti del governo che a quel tempo aveva già previsto un calo del corso del cambio del rublo – (RBK del 10.7, pag.5).
 
  Il settimanale Profil (link ! 25 del 3.7, pag.24-30:) ha analizzato i diversi problemi economici, finanziari e giuridici legati al cosiddetto import! “parallelo” che nella Federazione Russa è ufficialmente proibito. L’analisi è accompagnata da un’intervista ad Andrej Kashevarov, vicedirettore dell’Antitrust federale che ha valutato l’effetto economico del divieto del suddetto import in Russia e le sue conseguenze per la formazione dei prezzi di mercato.
 
  Nel suo intervento al Consiglio della Federazione (la Camera alta dell’Assemblea federale) il ministro dell’Industria e del Commercio Denis Manturov ha comunicato che la percentuale dei prodotti contraffatti varia nei diversi settori industriali dal 20% al 50% della produzione totale. Secondo gli esperti indipendenti, il volume del giro degli affari illegali, si aggirerebbe attorno ai 2.000-2.500 mld di rubli. Il ministro ha illustrato ai “senatori” alcune misure e provvedimenti mirati ad affrontare le sfide del “sommerso”: ha messo in rilievo l’attività della commissione federale di coordinamento e di quelle regionali, nonché l’introduzione di marcature speciali in vari segmenti (ad esempio, nella pellicceria) che consentono di controllare il movimento della merce contraffatta importata e prodotta localmente verso i punti vendita – (RG del 29.6, pag.3, e Profil ! 25 del 3.7, pag.7).  
 
   Settori, grandi società e PMI:
 
  Lunedì 10 luglio a Ekaterinburg è stata inaugurata l’8a!Fiera! industriale! internazionale!“Innoprom”! 2017, dedicata quest’anno al tema “Produzioni!intelligenti.!Approccio!globale”. Nei quattro giorni di fiera si terranno oltre 150 “tavole rotonde”, conferenze e forum aperti anche al pubblico interessato. L’ultimo giorno (13.07) ai vincitori dello speciale concorso indetto per le migliori innovazioni sarà consegnato il premio statale “Oscar industriale”. Il Paese-partner della manifestazione di quest’anno è il Giappone, la cui industria è caratterizzata da soluzioni tecnologiche originali, grande innovazione e prodotti finiti di alta qualità (v. il supplemento tematico di 4 pagine a RBK del 10.7). Alla vigilia della Fiera il ministro dell’Industria e del Commercio Denis Manturov ha rilasciato un’approfondita intervista a Izvestia (10.7, pag.4-5: link). Ha rivelato che durante la Fiera numerosi specialisti focalizzeranno la loro attenzione sulla robotica, sull’automazione delle produzioni, ecc. A parere del ministro, entro il 2035 in Russia opereranno 40 “fabbriche intelligenti”, in cui robot e macchine utensili effettueranno tutti i lavori programmati senza l’ingerenza dell’uomo. Un prototipo di queste “fabbriche del futuro” esiste già nella città di Ul’janovsk per la produzione di nuovi modelli dell’automobile UAZ. Denis Manturov ha informato inoltre che a luglio sarà avviato un nuovo programma del Fondo! federale! per! lo! sviluppo! dell’industria che prevede un aumento della produzione civile presso le aziende del complesso industriale militare. Nei primi servizi sull’andamento della fiera i giornali (v. ad esempio RG del 10.7, p.8, e dell’11.7, p.2) hanno riferito anche sulla visita di Vladimir Putin che ha elogiato non solo le diverse innovazioni realizzate e impiegate da molte aziende ma anche alcuni robot e alcune macchine “intelligenti” progettate da bambini e scolari di talento.
 
  Agli analisti della situazione attuale dei vari settori sarà utile, senz’altro, il supplemento approfondito “Industria” (pag.A1-A4: link) distribuito in allegato al quotidiano RG del 10 luglio. Tra i diversi servizi, reportage, commenti e articoli spicca anche un’intervista a Vasilij Os’makov, vice ministro dell’Industria e del Commercio, il quale ha dato risalto ai comparti che “hanno superato la crisi e che stanno aumentando gradualmente i ritmi della ripresa”. Il vice ministro ha messo in rilievo un considerevole incremento del numero di contratti!speciali!d’investimento finalizzati a creare nuove produzioni e a modernizzare le produzioni più competitive. A questo proposito segnalo un’interessante conversazione di Kommersant (7.7, pag.1 e 4: link) con Aleksandr!Potapov,!ex!vice!ministro!dell’Industria!e!del!Commercio e, da marzo, direttore generale della corporazione industriale Uralvagonzavod. Nella sua prima ampia intervista alla stampa il direttore ha valutato lo stato e i principali problemi della grande società statale che unisce oltre 30 aziende e uffici di progettazione a Mosca, San Pietroburgo, Ekaterinburg, Celjabinsk e in alcune altre città. La corporazione produce carri armati e diverse macchine blindate per le Forze Armate, ma anche vagoni e cisterne per le Ferrovie, macchine agricole, ecc: in totale oltre 200 prodotti. Lo scorso hanno ha fatturato 93 mld di rubli; l’utile netto è ammontato a 1,5 mld.
 
  Nell'’edizione del 10 luglio RG (pag.9) ha brevemente descritto la crescita dell’energia eolica e i piani di sviluppo! dell’acquacoltura (pag.9: link): si prevede che entro il 2030 il Paese raddoppierà la produzione di pesce, a 700 mila ton all’anno, e di altri organismi acquatici.
 
  Vedomosti ha riferito (link 4.7, pag.12:) sulla manutenzione del parco di locomotive di RZhD (la “Ferrovie russe” SpA) e ha pubblicato (7.7, pag.13) un ampio sunto della relazione degli analisti di Goldman Sachs dal titolo “Rame. Progetti chiave del 2017” in cui si parla delle principali tendenze dei mercati del rame in Russia e nel mondo.
 
  Gli scienziati siberiani dell’Istituto di fisica nucleare elaboreranno un software destinato ad unire le piattaforme! d’informazione impegnate nelle numerose sperimentazioni del Grande Collisore di Adroni di Ginevra. Il nuovo sistema sarà chiamato Computing Resource Information Catalog e sarà reso operativo entro la fine di quest’anno – (RG del 6.5, pag.5).
 
  Da alcuni altri giornali si viene a sapere che:
 
- le autorità federali e il business intendono riordinare e attivizzare lo smaltimento e la trasformazione dei rifiuti nell’ambito di una nuova strategia del settore – (RG del 4.7, pag.1 e 4: l’intervista a Serghej Donskoj, ministro delle Risorse naturali, ed Expert ! 27 del 3.7, pag.30-32: link);
 
- il freddo e le piogge hanno fatto aumentare di 10 volte il quantitativo degli ordini di cibo da asporto – (RBK del 10 luglio, pag.7);
 
- i turisti hanno iniziato a prenotare i viaggi per il periodo autunno-inverno: a giugno il loro numero è aumentato del 20-50% su base annua; gli operatori delle varie agenzie turistiche hanno notato che finora prevalgono le destinazioni esotiche: Cuba, le isole Maldive, la Repubblica Dominicana, ecc. – (Kom-t del 3.7, pag.10).  
 

Finanza, fisco, dogana, leggi, settore assicurativo 

   Vedomosti (pag.1, 20-21: link) e Kommersant (pag.1 e 8) di oggi 11 luglio hanno riferito che le autorità del settore bancario hanno finalmente riconosciuto i problemi della grande banca Jugra che negli ultimi mesi ha rapidamente “gonfiato” il suo bilancio. L’attività dell’istituto ha suscitato diversi sospetti da almeno un anno. I giornali hanno rivelato che la Banca Centrale potrebbe revocare la licenza di banche con depositi superiori ad un totale di 180 mld di rubli. Vedomosti ha riassunto tutta la storia della crescita e del “crollo” della banca Jugra.
 
   L’Agenzia federale per l’assicurazione dei depositi ha reso noto che nei primi quattro mesi il volume!dei!contributi!delle!banche!al!Fondo!d’assicurazione!dei!depositi è stato aumentato di un terzo ed è ammontato a 63,1 mld di rubli. Gli esperti dell’agenzia hanno precisato che tale considerevole aumento dei contributi "è legato ad un aumento del totale dei depositi bancari delle persone fisiche, nonché all’introduzione di un sistema differenziato dei contributi d’assicurazione” – (Izvestia del 10.7, pag.4).
 
   Il settimanale Profil nell’edizione di lunedì (! 26 del 10.7, pag.38-43: link) ha pubblicato un’approfondita expertise relativa ad un aumento paradossale del valore della divisa nazionale. Secondo gli analisti della rivista, la fine di una dinamica di crescita del rublo “cambia tutti gli obiettivi relativi alla redditività degli investimenti, che sono stati formati negli ultimi 18 mesi”.
 
   Nel supplemento tematico “Strumenti finanziari” Kommersant del 6 luglio ha pubblicato (pag.15) una lunga conversazione con Nikolaj Kashcheev, direttore della sezione “ricerche e analisi” di “Promsvjaz’bank”. Nel rispondere alle numerose domande del quotidiano riguardanti la situazione dell’economia! nazionale! e! del! settore! bancario lo specialista ha sostenuto che attualmente “la Federazione Russa dispone di una serie di condizioni favorevoli per delineare una strategia di sviluppo generale e di alcune strategie settoriali”.
 
   Expert (! 28 del 10.7, pag.34-37: link) ha descritto la grave situazione in cui si trovano i piccoli azionisti delle società produttici e delle banche. Il settimanale ha evidenziato alcune conseguenze negative del suddetto fattore per la capitalizzazione del mercato finanziario, per un ulteriore sviluppo dell’economia e, infine, per le stesse società.
 
  Nel recente rating dei Paesi del G-20 relativo al livello delle competenze finanziarie della popolazione, compilato dagli analisti dell’Organizzazione per lo Sviluppo e la Cooperazione Economica (OSCE), la Russia è stata classificata alla 9a posizione. Il massimo di 21 punti non è stato assegnato a nessun Paese concorrente. Ai primi posti sono risultati gli abitanti di Francia, Canada e Cina, con un punteggio da 14,9 a 14,1. Le due ultime posizioni del rating sono state occupate dall’Italia (11 punti) e dall’Arabia Saudita (9,6 punti) – (Kommersant del 10.7, pag.2, la rubrica Monitoraggio).  
 
 
 Cari lettori, grazie per l'attenzione. 

Cordiali saluti.
A cura di Valerij Shvetsov
in collaborazione con Anita Mengon e Paolo Cantarello
e-mail: valerio.m@yandex.ru
Telefono - cell: +7 (916) 531-04-45

 


 Associazione Conoscere Eurasia - Via dell'Artigliere, 11 37129 Verona Italia - C.F. 93197240232 - P.IVA 03739750234 T: +39 0458020904 F: +39 0459299924 M: info@conoscereeurasia.it