Rassegna della Stampa Russa - 12.08.2016

 

 

Eventi, problematiche e dati statistici generali 

   Lunedì 8 Agosto ha avuto luogo a Baku il primo vertice dei leader di Azerbaijan, Iran e Federazione Russa. Alla vigilia della sua visita nella capitale azera Vladimir Putin ha discusso i vari problemi inclusi nell’odg e ha partecipato a vari incontri e trattative fissati a Baku con i membri permanenti del Consiglio per la sicurezza nazionale. Molti giornali e agenzie hanno riferito che durante gli incontri bilaterali del vertice i leader dei 3 Paesi adiacenti al Mar Caspio hanno preso in esame lo stato attuale e le prospettive delle loro relazioni economiche e hanno prestato molta attenzione allo sviluppo della situazione nel Medio Oriente, in particolare in Siria. Sono state discusse varie questioni della cooperazione tecnico-militare, tenendo conto del contesto della sicurezza generale nella regione. Sulla base delle informazioni trapelate, gli esperti hanno constatato che la Russia “concentra i suoi sforzi diplomatici, economici e militari nell’ampliare l’integrazione euroasiatica” – (Rossijskaja gazeta (RG), pag.1-2, Nezavisimaja gazeta, pag.1 e 6, Kommersant (Kom-t), pag.6, e alcuni altri quotidiani dell’8 Agosto; Vedomosti, p.6, e Kom-t, pag.3, del 9.8).
  Il giorno seguente, martedì (09.08), il Presidente della FR ha accolto il suo omologo turco a San-Pietroburgo. Il loro incontro iniziato con una stretta di mano e le trattative tra i due leader che per oltre 6 mesi hanno occupato posizioni diverse e talvolta poco amichevoli, hanno suscitato grande interesse da parte di tutti i quotidiani russi. Nei servizi, interviste, commenti e reportage i giornali hanno messo in risalto l’intenzione dei Presidenti di ristabilire le relazioni tra i loro Paesi, interrotte lo scorso novembre a causa delle azioni di alcuni militari turchi. Putin e Erdogan hanno discusso della situazione in Siria. È evidente che finora non sono stati resi noti tutti i particolari dei colloqui e le decisioni prese. Per questo motivo i quotidiani hanno focalizzato, innanzitutto, la loro attenzione sulle prospettive del gasdotto “Turkish Stream” che fornirà gas russo alla Turchia e ai Paesi europei e tramite il gasdotto ITGI dalla Grecia verso il Sud Italia. Hanno riferito, inoltre, delle agevolazioni promesse da parte turca per la costruzione insieme alla Russia della Centrale nucleare Akkuju che avrà una potenza di circa 5 gigawatt (per questo questo progetto sono già stati investiti circa $10 mld). Vladimir Putin ha ribadito che le decisioni definitive su questi importanti progetti saranno prese dopo la consegna delle garanzie politiche e finanziarie della controparte. In tempi più ristretti saranno invece decise le questioni “tecniche” sui voli charter dei turisti russi verso la Turchia e sull’abolizione parziale dell’embargo russo per alcuni prodotti alimentari – (RG, pag.9: l’ampia conversazione con il Presidente turco, e Vedomosti, pag.3, del 9.8; Kom-t, p.1, 3 e 9, RG, p.2, Nezavisimaja gazeta, pag.1 e 6, RBK, p.2-3, Metro, p.4, del 10.8).
  Mercoledì (10.8) Vladimir Putin ha continuato gli intensi incontri con i colleghi stranieri. A Mosca ha esaminato molte problematiche con il Presidente armeno Serzh Sargsyan. I due leader hanno discusso della situazione economica nei loro Paesi e dei primi effetti positivi dell’ingresso dell’Armenia nell’Unione Economica Eurasiatica. Inoltre, hanno analizzato diverse possibilità di risolvere la questione dell’enclave Nagorno-Karabakh. Hanno ribadito che “la regolamentazione del conflitto tra l’Azerbaiian e l’Armenia in questa regione potrà consentire di avviare a pieno ritmo il “corridoio di trasporto Nord-Sud”. Serz Sargsyan ha espresso il parere che il suo Paese sarebbe avantaggiato dal rafforzamento delle posizioni della Federazione Russa nella Transcaucasia – (RG, pag.2, Kom-t, pag.3, e alcuni altri quotidiani dell’11 Agosto).
 
   Il Servizio doganale federale ha comunicato che a Luglio il costo totale delle importazioni verso la Russia dai Paesi esteri non appartenenti alla C.S.I. (oltre l’80% dell’import totale) è diminuito dell’1,2% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso. L’import di alimentari è diminuito del 19,6% su base annua, quello di prodotti chimici dell’8,5% e l’import di tessuti e calzature del 2,2%. Le importazioni di macchinari sono invece aumentate dell’11,9% – (Kom-t; 9.8, pag.2).
 
   Nel prossimo autunno le Giornate di Mosca si terrano in 3 città italiane: a Genova, a Milano e a Venezia. Intervistato da RG (11.8, pag.10), Serghej Cerjemin, capo del Dipartimento delle relazioni internazionali e degli scambi commerciali della capitale, ha rivelato che durante queste manifestazioni “noi presentiamo la strategia di sviluppo della nostra città e i progetti d’investimento più interessanti”. A Genova e a Venezia le “Giornate” saranno organizzate per la prima volta.
Vedomosti (11.8, pag.8-9) ha pubblicato un interessante “profilo” di Giovanni Ferrero, direttore generale della “Ferrero International S.A”. Nel 2007 la grande società ha costruito una sua fabbrica di dolciumi nella Regione di Vladimir (il centro della parte europea della Russia). Lo scorso anno “Ferrero Russia” ha fatturato 33,6 mld di rubli con un’utile netto pari a 2,8 mld.  
 

Economia, settori e mercati, grandi aziende e Pmi 

   Nel riferire sulla situazione attuale e le prospettive economiche RG (9.8, pag.5; vedi inoltre Finansovaja gazeta № 28 dell’11,8, pag.2-3) ha citato Aleksei Kudrin, capo del “Centro di elaborazioni strategiche”, che ha promesso di preparare una nuova strategia dello sviluppo del Paese entro la primavera del 2017. L’ex ministro ha precisato che il “documento sarà formato con Vladimir Putin e rifletterà le posizioni del Capo dello Stato verso le riforme moderne strutturali”.
Nezavisimaja gazeta del 2.8, pag.4, e Vedomosti del 9.8, pag.6) hanno illustrato l’andamento della preparazione del Bilancio federale per il triennio 2017-2019, dal quale dipenderà in misura rilevante lo sviluppo del Paese. Hanno evidenziato l’importanza del sostegno a gran parte della popolazione con metodi non solo finanziari e della partecipazione di vari strati della popolazione alla definizione di vari scenari economici.
 
  Negli ultimi giorni è stato reso noto che entro il primo Settembre tutte le Regioni e i Territori della FR dovranno concludere con il Ministero dello Sviluppo economico gli accordi sulla gestione delle zone economiche speciali (ZES). Lunedì il governo di Mosca ha stipulato tale accordo e in futuro dovrà amministrare la ZES “Zelenograd” – (Kom-t del 9.8, pag.2).
  Alcuni giornali hanno descritto l’attività delle compagnie statali, focalizzando l’attenzione sulla necessità di diminuire le loro spese (Vedomosti; 9.8, pag.1 e 6), sui guadagni sproporzionati dei top-manager rispetto all’efficienza di molte società (Nezavisismaja gazeta; 27.7, pag.4) e sul come le diverse società a partecipazione statali “perdono” dei beni immobiliari (il settimanale Kompanija № 25 dell’11.7, pag.22-26).
  La stampa, descrivendo lo stato del mercato del lavoro, ha messo in evidenza un lieve calo della disoccupazione a Giugno e a Luglio (attualmente presso gli uffici di collocamento sono registrate circa 955 mila persone) e la considerevole diminuzione del numero di pensionati che continuano a lavorare, avvenuta dopo che il governo ha abolito l’indicizzazione delle pensioni per questa categoria di lavoratori – (Izvestia del 29.7, pag.1 e 3, e RBK dell’8.8, pag.8-9; Vedomosti dell’8.8, pag.4). RG (2.8, pag.4) ha pubblicato un elenco delle professioni più richieste: sono medici, infermieri, autisti, muratori, sarte e cuochi.
 
   Il Ministero dello Sviluppo economico ha comunicato che dal prossimo anno comincerà a valutare gli effetti reali delle leggi entrati in vigore sull’attività del business. Secondo il parere della comunità imprenditoriale, le perdite causate dal numero esuberante di leggi e dalla loro preparazione talvolta non molto qualificata supererebbe 2.600 mld di rubli – (RBK del 3.8, pag.7).
 
  La rassegna delle pubblicazioni settoriali comincia da due interviste dedicate all’attività dell’aeronautica civile. Vladimir Bespalov, presidente del “Registro aeronautico”, ha rivelato a Kommersant (4.8, pag.1 e 10) le conseguenze negative della revoca delle principali funzioni del Comitato interstatale per l’aviazione civile da parte del governo nello scorso autunno e di come manca da circa 9 mesi una nuova struttura nazionale in materia. Gli aerei russi sono ora costretti a ricevere i certificati necessari all’estero, il che “ha accontentato molto diversi organi americani e cinesi”.
Nell’intervista a RBK (11.8, p.6-7) Andrej Kalmykov, direttore generale della compagnia “Pobeda” (Vittoria), ha caratterizzato l’affiliata dell”Aeroflot” come una “compagnia lowcost non classica”. Crea disagi ai passeggeri e conflitti con le autorità settoriali ma è autonoma dalla “casa madre” e lavora in attivo anche grazie a dei risparmi incredibili: ad esempio, sulla carta per le stampanti.
 
  Molti giornali hanno descritto l’attuale situazione del settore delle costruzioni e dell’edilizia. Vedomosti (25.7, pag.20-21) ha pubblicato un ampio sunto dell’indagine sulle cause e sui fattori dei numerosi fallimenti di aziende, comprese anche grandi società. Il giornale ricorda che oltre 1.300 mld di rubli sono stati spesi per l’edificazione delle numerose opere per le Olimpiadi del 2014 a Soci.
Malgrado questo importo solo poche aziende hanno avuto dei profitti, molte compagnie invece alla fine dei lavori hanno dichiarato il fallimento, poiché le strutture statali non hanno preso in considerazione la differenza tra i preventivi e i costi reali. Questo processo continua anche oggi. I funzionari del Ministero delle Costruzioni riconoscono la mancanza di costi ragionevoli e di trasparenza nel mercato immobiliare, che ostacolano l’elaborazione di una riforma necessaria della formazione dei prezzi nell’industria (Kom-t dell’11.8, pag.2). Il giornale governativo RG (11.8, p.5, e 12.8, pag.1 e 6) e Kommersant (12.8, pag.9: l’intervista ad Aleksandr Plutnik, direttore generale dell’Agenzia federale per i crediti ipotecari nell’edilizia) hanno espresso la speranza che i crediti ipotecari (dall’inizio di quest’anno il mercato è aumentato del 44%) potranno dare una “spinta” alla crescita dell’edilizia. Lo scorso anno in Russia sono state costruite nuove abitazioni per una superficie complessiva di 83,5 mln di metri quadrati. Nonostante ciò, per soddisfare la domanda di abitazioni private per tutti i cittadini sarebbe necessario costruire 140 mln di m.q. all’anno. Dai vari sondaggi si deduce che i russi sono generalmente soddisfatti dell’attività dei servizi comunali e urbani ma sono delusi dei costi di questi servizi: dal primo Luglio le tariffe sono aumentate del 4% in tutta la Russia e del 7,5% a Mosca (Kompanija № 27-28 del 25.7, pag.53).
 
  Durante la visita nella Regione di Krasnodar il capo del governo Dmitrij Medvedev ha parlato con molti agricoltori. È venuto a conoscenza del fatto che l’aumento della produzione di alimentari richiede di creare più rapidamente grandi centri logistici. Un proprietario della grande fattoria ha espresso al premier le sue preoccupazioni verso la prossima riduzione dell’embargo sui prodotti di carne importati dalla Turchia. Il premier ha ribadito la continuazione del sostegno statale al complesso agroindustriale. Inoltre si è detto “pronto a punire i burocrati che fanno ritardare la trasferta dei finanziamenti stanziati agli agricoltori” – (RG del 10.8, pag.3).
Alcuni altri giornali hanno richiamato l’attenzione sull’aumento dell’import di integratori alimentari e di formaggi artificiali (Nezavisimaja gazeta 10.8, pag.4) e sull’uso di pacchi postali per trasportare in Russia il parmigiano, i formaggi francesi, i prodotti spagnoli, le olive greche e altri prodotti sottoposti alle controsanzioni. RG (10.8, pag.5) ha evidenziato che molto spesso questi pacchi postali arrivano dalla Bielorussia o tramite i negozi dell’e- commerce.
 
  Agli esperti del settore energetico segnalo un servizio di Kommmersant (10.8, p.9), in cui si parla della localizzazione approvata dal governo delle centrali elettriche che saranno costruite o ammodernate entro il 2030, al fine di aumentare la produzione di energia elettrica di circa 100 gigawatt. A questo proposito alcuni analisti hanno rammentato il calo della domanda di nuove opere per il settore energetico; altri specialisti hanno indicato la mancanza di meccanismi reali per la realizzazione dei programmi d’investimento.
RG (4.8, pag.4) ha analizzato diversi problemi del mercato russo dell’energia, legati, in particolare, all’uso sempre maggiore dell’energetica alternativa in Europa.
Vedomosti (11.8, pag.12) ha pubblicato un sunto della relazione sui risultati di Gazprom tra Gennaio e Marzo, dalla quale risulta che l’utile netto del “colosso del gas” è diminuito del 5%, a 362,3 mld di rubli, a causa, in particolare, dei bassi prezzi del metano sui mercati europei
 
  Il Ministero delle Finanze ha proposto di creare nelle Regioni e nei Territori della Federazione Russa dei centri innovativi che potranno avere le agevolazioni già percepite dai residenti del “Centro di innovazioni di Skolkovo” che si trova nella Regione di Mosca – (Kom-t del 5.8, pag.2; vedi inoltre un articolo di Kompanija № 27-28 del 25.7, pag.26-29, sull’unione di alcuni centri d’innovazione, “la cui necessità è messa spesso in dubbio dagli scienziati e dai grandi businessmen”.
  La compagnia RZhD (Ferrovie russe SpA) ha proposto al governo di riorganizzare la Compagnia logistica e di trasporto Unita, creata nel 2014 insieme alle grandi società della Bielorussia e del Kazakistan sulla base del progetto lanciato dalle autorità dei 3 Paesi. Secondo lo schema, vantaggioso per la società russa, la compagnia sarà divisa in 4 strutture. Non è ancora noto se lo schema sarà accettato dalle autorità bielorusse e del Kazakistan – (Kom-t; 9.8, pag.7).
  L’altra novità di RZhD - il treno di lusso “Russia imperiale” - funziona bene. Il costo del viaggio Mosca-Vladivostok per 15 giorni è pari a 1,1 mln di rubli (circa 15 mila euro) o di 384.000 rubli a persona in base al tipo di scompartimento VIP. I vagoni sono decorati come le sale dei palazzi dello zar, ci sono ristoranti, bar e un salone musicale. I passeggeri, nel primo viaggio solo stranieri, hanno potuto conoscere i posti più belli di Mosca, di Ekaterinburg, di Irkutsk, di Ulan-Ude e di Vladivostok – (Metro del 3.8, pag.4).  
 

Regioni e Territori della Federazione Russa 

  Oggi segnalo soltanto le pubblicazioni sui diversi aspetti della vita economica e sociale della città di Mosca, uno degli 85 Soggetti (Regioni e Territori) della Federazione.
   Nelle sue recenti edizioni il giornale RG ha pubblicato approfondite interviste ai dirigenti della capitale russa. Il sindaco Serghej Sobjanin ha rivelato (2.8, pag.10) che l’economia metropolitana ha superato le tendenze negative della fine del 2014 e che “adesso la sua situazione è bilanciata e stabile”. Dallo stato della capitale dipende anche lo sviluppo della situazione generale nel Paese: Mosca genera circa il 24% del Pil nazionale. Il sindaco è orgoglioso del fatto che in 10 anni la percentuale del settore di materie prime è diminuita dal 25% al circa 4% del Bilancio municipale. Serghei Sobijanin ha evidenziato che nella grande Mosca, con i territori assegnati alla capitale alcuni anni fa, abitano non 12 mln di persone come indicato dalla statistica ma ben 25 milioni di persone.
 
Il ministro e capo del Dipartimento delle relazioni internazionali e degli scambi commerciali Serghej Cerjemin ha approfonditamente illustrato (RG del 10.8, p.10) l’ampliamento della collaborazione con i partner stranieri di molti Paesi dell’Asia, dell’America latina, dell’Africa, ecc. Ha notato che in seguito alle sanzioni contro la Russia il volume del commercio estero è diminuito soprattutto con l’UE. Nel primo trimestre di quest’anno è calato a $40,3 mld (-30,6% rispetto al medesimo periodo del 2015). Ad ogni modo - ha affermato il ministro - la capitale non ha percepito il deficit di alimentari e di medicinali. È in pieno svolgimento la sostituzione dell’import. Inoltre, molte società estere hanno localizzato le loro produzioni in Russia. Gli investitori stranieri non abbandonano Mosca. “Tra i nostri partner stranieri, i più attivi sono Cina, Germania, USA, Francia e Italia”.
Serghej Cerjemin ha rivelato che grazie alla collaborazione con il municipio di Milano e con numerosi imprenditori italiani a Mosca si sta sviluppando il mercato del car sharing (vedi anche il servizio di RBK del primo Agosto, pag.12), diviso per ora da 4 operatori: Delimobile, Anytime, Youdrive e Car5. Al primo Gennaio 2016 il volume degli investimenti stranieri accumulati a Mosca è ammontato a $173,6 mld, ovvero circa il 50,6% del loro totale in Russia.
   RG (10.8, pag.10) ha descritto il sistema di sostegno a nuove aziende industriali: molte grandi aziende hanno ricevuto lo status di “complessi industriali” con il diritto di avere agevolazioni fiscali. In cambio devono investire per 5 anni non meno di 100 mln di rubli per ogni ettaro dei terreni occupati. Lo stesso quotidiano ha illustrato l’attività del Centro di occupazione per i giovani: a Mosca si contano 2,5 milioni di persone di età compresa tra i 14 e i 29 anni.
 
   In molti servizi, interviste, rassegne e articoli si tratta dei problemi dell’edilizia e del mercato immobiliare. Quest’anno a Mosca saranno edificati oltre 3 mln di metri quadrati di nuove abitazioni. Nel mercato delle abitazioni l’offerta supera ancora la domanda, il che porta alla diminuzione dei prezzi, però la situazione comincia a cambiare. Molti cambiamenti avvengono nel settore dei servizi comunali e urbani (ZhKKh in russo) e i piani urbanistici riprendono l’ambiziosità di alcuni anni precedenti – (RBK del 22.7, p.10-11: i prezzi d’affitto in diversi quartieri; Profil № 27-28 del 25.7, pag.50-54; Kom-t, pag.10: la conversazione con il ministro economico Maxim Reshetrnikov, e RG, pag.6, del 5 Agosto; Nezavisimaja gazeta, pag.4, e Metro, pag.2, del 10.8; Mosca Sera del 9.8, pag.10-11: la rassegna con l’indicazione di alcune costruzioni future).
 
   RG (8.8, pag.4) ha rivelato che la creazione del raccordo anulare ferroviario Centrale iniziata nel 2012, è entrata nella sua fase conclusiva: in autunno cominceranno le prime prove sul tracciato. Quando le costruzioni saranno finite, il raccordo comprenderà 31 interconnessioni di trasporto intermodale che permetteranno ai moscoviti di passare da un mezzo di trasporto all’altro.
I giornali riferiscono spesso della costruzione delle nuove linee (una linea andrà al di là dei quartieri Nord) e delle stazioni della metropolitana. Tra le sue novità più recenti troviamo il progetto della cascata nella nuova stazione Seligerskaja della linea Lublinsko-Dmitrovskaja – (Mosca Sera del 9.8, pag.10; Vedomosti del 3.8, pag.8-9: l’intervista a Serghej Zhukov, direttore generale della società “Mosmetrostroj” (14 mila dipendenti), che ha raccontato di come si sia evitata la chiusura della maggiore compagnia costruttrice delle metro in Russia), Metro del 3.8, pag.3; RG dell’8.8, pag.4).  
 

Finanza, fisco, dogana, leggi, settore assicurativo 

   Tra Gennaio e Luglio di quest’anno il saldo positivo del conte corrente della Bilancia di pagamenti della Federazione Russa è ammontato a $16,4 mld (-68% sul medesimo periodo dell’anno precedente). La Banca Centrale della FR ha riferito inoltre che a Luglio il corso effettivo reale del rublo (in confronto alle valute dei Paesi principali partner commerciali considerando l’inflazione) è aumentato del 3% – (Kommersant del 10.8, pag.2).
 
   A Luglio 9 banche sui 15 maggiori istituti di credito per il volume di depositi hanno fortemente diminuito i loro tassi d’interesse sui depositi in seguito all’aumento delle normative, relative all’importo delle riserve finanziarie obbligatorie stabilite dalla Banca Centrale – (RBK dell’11 Agosto, pag.12: il servizio è corredato da una tabella dei massimi tassi sui depositi).
 
   I giornali hanno inoltre trattato:
 
- l’aumento dei costi e la diminuzione della redditività degli eurobond russi – (RBK; 11.8, p.9);
- gli effetti dei crediti sulla situazione finanziaria delle famiglie; l’aumento delle frodi durante la formalizzazione della concessione dei crediti alle persone fisiche; le banche cambiano la struttura degli azionisti per mascherare il totale dei crediti concessi e l’indifferenza delle nuove generazioni verso i crediti, la cui concessione procura molti rischi per questo strato della popolazione – (Kom-t del 2.8, pag.2: la rubrica “Monitoraggio”; RG del 5.8, pag.1 e 3; Vedomosti, pag.14, e Kommmersant, pag.8, del 9 Agosto);
- la spartizione del mercato dei servizi di auditing per gli attivi pensionistici –(Kom-t; 8.8, p.8);
- il piano della Procura Generale della FR relativo alla lotta alla corruzione durante gli acquisti statali – (RG del 2.8, pag.3).  
 
 
 Cari lettori, grazie per l'attenzione. 

Cordiali saluti.
A cura di Valerij Shvetsov
e-mail: valerio.m@yandex.ru
Telefono - cell: +7 (916) 531-04-45

 


 Associazione Conoscere Eurasia - Via dell'Artigliere, 11 37129 Verona Italia - C.F. 93197240232 - P.IVA 03739750234 T: +39 0458020904 F: +39 0459299924 M: info@conoscereeurasia.it