Rassegna della Stampa Russa - 12.11.2013

Eventi, problematiche e dati statistici generali

 

* Vladimir Putin non ha escluso la possibilita` di passare in futuro ad una scala progressiva dell’Imposta sui redditi della persona fisica. A suo parere, espresso nell’incontro con un gruppo di specialisti e professori universitari in materie costituzionali e dei diritti umani, “questa scala e` piu` giusta” di quella esistente che consiste in un livello unico di questa tassa, il 13%. Questa regola e`  stata stabilita nella Federazione nel 2001, prima l’imposta variava dal 12 al 30 per cento. Nei primi due anni dall’introduzione del livello unico il totale dell’Irpef incassato dall’Erario aumentava di un quarto, ma negli anni successivi la scala unica dell’imposta ha gradualmente perso la funzione assegnatale nel ridistribuire i redditi a causa di una frammentazione sempre piu` evidente della societa`. Pero` anche adesso e` la principale imposta dei bilanci regionali e locali: secondo i dati del Ministero delle Finanze, al primo settembre gli enti fiscali  hanno riscosso l’Irpef per il totale di 1 551 miliardi di rubli (circa 36 miliardi di euro), cioe` un terzo di tutte le tasse dei bilanci territoriali (nei bilanci regionali rimane il 70% dell’importo riscosso e in quelli locali – il 30 per cento). Vladimir Putin ha riferito sulla complessita` di amministrare la riscossione dell’imposta nelle attuali condizioni e ha evitato di indicare anche approssimativamente il periodo, in cui si potrebbe discutere sul passaggio a una scala piu` differenziata dell’Irpef.  Alcuni mesi fa il primo vicepremier Igor Shuvalov nel suo intervento al “Forum internazionale economico per gli investimenti” di San-Pietroburgo ha accennato che dell’abolizione del livello unico di questa imposta si potra` parlare soltanto dopo il 2018, “quando lo stato della nostra societa` cambiera` e il ruolo della scala unica dell’imposta, forse, sara`  esaurito”  -          (“Kommersant” dell’8 novembre, pag.6).

* Negli ultimi tre anni la fiducia popolare nella polizia e` aumentata in generale di 6 punti percentuali, al 46%;  nelle zone rurali e` cresciuta fino al 56%. E` cio` che risulta da una recente inchiesta sociologica effettuata in 130 localita`. Si tratta di un risultato quasi invidiabile; pero` alcuni esperti hanno notato che il 72 per cento degli intervistati mai ha avuto a che fare con i funzionari degli organi dell’ordine. Invece le persone, che sono state  in polizia o hanno incontrato i suoi dipendenti, abbastanza spesso criticano la situazione anche se riconoscono un notevole calo della corruzione fra i poliziotti di medio e basso grado, avvenuto negli ultimi due/tre  anni   -       (“Profil” № 42 dell’11 novembre; pag.48).

 

 

Economia, settori e mercati, grandi aziende e PMI   

 

* Giovedi` scorso (7.XI) il ministro dello Sviluppo economico Aleksej Uljukaev ha sorpreso parecchi analisti ed esperti, quando ha presentato la previsione macroeconomica aggiornata fino al 2013, risultata piu` pessimista di quella pubblicata dal Dicastero soltanto sette mesi fa, in  marzo. L’aumento del PIL prefissato prima e` ribassato al 3,1% entro il 2020 (+3,6% nella precedente versione), al 2,5% per gli anni 2020-2025 (+3%) e all’1,8 per cento per gli anni 2026-2030 (+2,5%). L’ulteriore sviluppo dell’economia nazionale sara` basato sullo scenario “conservativo” e non su quello “d’innovazione”. Secondo il ministro, anche nel realizzare lo scenario di base “dovremo fare molto  per rimanere in ristagno”. Uljukaev non ha dubbi che i decreti di Putin relativi alla soluzione dei problemi sociali saranno realizzati nonostante il rallentamento dell’economia e la diminuzione della quota nazionale nella produzione mondiale, ma la loro attuazione richiedera` un periodo piu` lungo. Il ministro ha ribadito, che il Paese necessita di una serie di  importanti  riforme  infrastrutturali. A suo parere,  una lenta e debole crescita, precedente a una vera ripresa economica, nei prossimi anni sara` assicurata dall’estrazione di materie prime, dalle costruzioni aeronautiche, dalla meccanica navale e dall’industria petrolchimica. Il documento ministeriale prevede inoltre, che nei prossimi anni i salari reali aumenterebbero in media del 5% e non del 9,1% programmato prima. Il governo intende prendere in esame la previsione del Ministero in dicembre. E` interessante vedere che in questi giorni molti analisti hanno stimato le prospettive dell’economia nazionale in modo piu` ottimistico del ministro Ulukaev e dei suoi dipendenti   (“Rossijskaja gazeta” (“RG”, pag.1 e 5, e “RBK daily”, pag.1 e 3, dell’8 novembre; “Profil” № 42 dell’11.XI; pag.3). 

      Secondo la previsione aggiornata della Banca centrale,  nel prossimo anno l’economia nazionale aumentera` solo del 2 per cento e una crescita  di circa il 3% sara` raggiunta soltanto nel 2016. Gli analisti del  principale istituto finanziario del Paese nella bozza del documento “Le linee guide della politica monetaria e creditizia fino al 2016” hanno analizzato 4 varianti dello sviluppo economico e sostengono, che una maggior crescita sara` possibile “soltanto in seguito a un miglioramento del clima d’investimento e alla repentina ripresa dell’attivita` economica”. Nella Banca centrale, da pochi mesi governata dall’ex ministro economico El’vira Nabiullina, sono convinti che il continuo rinvio di necessarie trasformazioni “potrebbe causare delle perdite rilevanti e dolose”    (“Kommersant”, pag.6, e “RG”, pag.1 e 3, dell’11 novembre).

       “Ekspert” (№ 45 dell’11.XI; p.118) in una rapida indagine sulla congiuntura d’affari ha riportato le informazioni riguardanti la situazione di vari comparti industriali e di mercati finanziari.  Il settimanale ha constatato, che il mese di ottobre “non ha cambiato ne` la dinamica della domanda interna, ne` la produzione industriale” e che il bilancio dell’anno agricolo a causa di fortissime piogge  “e` risultato non tanto favorevole come si aspettava prima”.

* Lo stesso “Ekspert” ” (№ 45; pag.15-26) ha riassunto alcuni studi dei suoi analisti e degli specialisti in varie materie tecnologiche. Di questi sorprendentemente risulta che “una continua modernizzazione del settore dei servizi urbani e comunali,  (ЖКХ in russo), con l’uso di soluzioni tecniche ordinarie, consente di recuperare investimenti in soli 7 anni”.  Gli autori di questi studi  sono convinti inoltre che la costituzione del Ministero delle Costruzioni e dei Servizi urbani e comunali apre varie opportunita e possibilita` per ammodernare il settore, “tanto piu` che i principali schemi business sono gia` elaborati e approvati e si puo` cominciare  il lavoro operativo”. La pubblicazione comprende sette esempi concreti dell’ammodernamento nel settore dell’approvvigionamento del riscaldamento.

     Anche gli altri due settimanali dell’11 novembre hanno commentato la costituzione del suddetto Ministero. Ma se “Profil” (№ 42; pag.8-13) ha ancora dubbi che il nuovo Dicastero “creera` le condizioni per risolvere numerosi problemi del settore” e evidenzia il “perche` gli investimenti non piovono nel settore dei servizi urbani e comunali”, “Itoghi” ” (№ 45 dell’11.XI; pag.22) sottolinea il fatto che “prima il nuovo ministro Mikhail Men’ e` stato il governatore della Regione di Ivanovo, uno dei territori poveri della Federazione, ed e` riuscito a raddoppiare i volumi dell’edilizia e a migliorare notevolmente la situazione del settore del “ZhKH”.  L’autore ricorda che il settore pesa per il 6% del PIL nazionale (piu` di 4 000 miliardi di rubli) e quello delle costruzioni e dell’edilizia per  il 5 per cento  del PIL.

* Parecchi giornali hanno espresso e riportato numerosi opinioni sulla nomina del top-manager svedese, ex vicepresidente della “General Motors” ed ex-presidente del gruppo “GAZ” di Nizhnij Novgorod Bu Andersen a presidente dell’”AvtoVAZ”. Molti esperti citati da “Profil” (№ 42; pag.64-65), prevedono che gia` nel prossimo anno il piu` grande produttore di auto russo sara` notevolmente trasformato e ristrutturato. Gli imprenditori  e i dirigenti di societa`, intervistati da “Itoghi” ” (№ 42 dell’11.XI; pag.48), hanno valutato molto diversamente l’attuale situazione dell’industria automobilistica; nonostante queste “divergenze” molti sostengono che il lavoro degli specialisti stranieri di alto livello, come Bu Andersen, dara` gli effetti positivi sia per le singole compagnie che per l’intero settore industriale del Paese.

     Nel quotidiano “Kommersant” (11.XI; pag.13) segnalo l’approfondita rassegna, dedicata ai diversi  aspetti,  sia positivi che negativi,  dell’aumento  della  produzione di  auto elettriche  in tutto il mondo. L’analista della “VTB Capital” rileva con dispiacere che in Russia “il mercato attualmente non esiste e il suo eventuale sviluppo potrebbe  essere iniziato soltanto grazie a un ingente sostegno da parte dello Stato”. 

      A ottobre in Russia – come ha comunicato l’”Associazione del business europeo” -  il calo delle vendite di nuove auto e di automobili commerciali e` continuato: sono stati venduti 234 480 autoveicoli, il 5% di meno rispetto al mese di settembre e l’8 per cento di meno su base annua. Tra gennaio e ottobre sono stati venduti 2,28 mln. di autoveicoli, il 7% di meno, rispetto al medesimo periodo dello scorso anno. Gli analisti fanno notare che le vendite dell’”AvtoVAZ”, ancora il leader del mercato, ad ottobre sono diminuite di un quarto su base annua e che soltanto un avanzamento delle vendite di nuove macchine di marca straniera ha consentito di evitare il calo piu` profondo del mercato.  “Kommersant” (pag.1 e 11), “Vedomosti”, pag.18, “Izvestia”, pag.5, e alcuni altri quotidiani di oggi (12 novembre) trattano diversi fattori e cause del suddetto calo e rilevano che adesso “tutte le speranze dei produttori sono legate alle vendite durante l’ultimo mese dell’anno con i suoi tradizionali sconti e le offerte speciali per la clientela”.  Nel frattempo alcuni produttori e clienti possono visitare un’esposizione interessante organizzata dal gruppo automobilistico GAZ presso i negozi GUM (Piazza Rossa) che sara` aperta fino al 29 novembre   (“Weekend” № 41, pag.11, diffuso in allegato a “Kommersant” dell’11.XI).

 

*        “Ekspert” (№ 45; pag.28-29) ha dato rilievo all’entrata in finzione di 2 nuovi grandi stabilimenti di pneumatici, costruiti dalla societa` tedesca “Continental” nella Regione di Kaluga e dalla compagnia russa “Cordiant” nella Regione di Jaroslavl’.  “Profil” (№ 42; p.30-32) prevede che fra poco anche la societa` statale “Rosneft’” e il produttore indipendente di gas “Novatek” avranno il diritto di esportare il gas liquido.  Un’abolizione parziale del monopolio di “Gazprom” dovrebbe aiutare a mantenere la solida posizione della FR nel mercato mondiale.

* Da alcuni altri giornali degli ultimi giorni si viene a sapere che:

l’aumento dei debiti arretrati dei grandi utenti di elettricita` fa un effetto negativo sempre piu` rilevante su tutta l’industria dell’energia elettrica  (“RG” del 6.XI; pag.5);

il fatturato dell’e-commerce nel segmento B2C in un anno e` aumentato del 43,5 per cento, ammontando a 774,4 miliardi di rubli    (“RBK daily” dell’8.XI, pag.3);

nel terzo trimestre in Russia sono stati venduti 1,8 mln di tablet per il totale di 20 mld.di rubli e 1,6 mln. di notebook per piu` di 30 miliardi (“Vedomosti” dell’8.XI, pag.17). Tra gennaio e ottobre gli acquirenti di smartphone hanno speso 142 mld.di rubli (“Kommersant” del 7.XI; pag.12 – il servizio e` corredato da uno schema che presenta la dinamica di questo mercato);

la compagnia “585” di Aleksandr Smirnov, leader del mercato di gioielli, intende sviluppare una rete di supermercati specializzati, con la superficie di un negozio di 400 metri quadrati, destinata principalmente ai clienti con redditi medi  (“Kommersant” del 7.XI; pag.12).   

       “RG” (11.XI; pag.1 e 3) prevede diversi cambiamenti nelle relazioni tra i retailers e i fornitori di prodotti alimentari e descrive l’attuale struttura del retail commerciale: le grandi aziende, comprese le grandi catene di distribuzione, controllano il 38,3% del mercato; le piccole imprese - il 15,4%; le medie imprese – il 3,1%; i mercati al dettaglio e le fiere – il 9,5%; gli imprenditori individuali e le microaziende – il 33,7 per cento. 

     Infine segnalo un lungo servizio di “Kompanija” (№ 41 del 4.XI; pag.20-26) sui cambiamenti che avvengono ultimamente a Mosca in grandi depositi e magazzini di ortaggi e di frutta, e una nota di “Vedomosti” (8.XI; pag.18) in cui si tratta che la “VTB Capital” e la “Goldman Sachs”potranno fra poco controllare una notevole parte del  settore di fitness.

 

Finanza, fisco, dogana, leggi, settore assicurativo  

 

* La Corte dei conti  continua a criticare l’esecuzione del Bilancio federale. Dalle verifiche effettuate dai suoi auditors risulta che nei primi 9 mesi di quest’anno 13 Ministeri, Agenzie ed Enti, principali amministratori degli stanziamenti budgetari, hanno usato meno della meta` delle risorse finanziarie assegnategli in conformita` alle loro richieste.  Secondo Tat’jana Golikova, capo della Corte dei conti, una bassa predisposizione di organi esecutivi a rispettare le regole stabilite, la mancanza dei contratti triennali e alcuni altri fattori costringono il Parlamento di riesaminare sempre piu` spesso le voci del Bilancio.  Per questi motivi a maggio sono stati gia` ridistribuiti i 179 miliardi di rubli (piu` di

 

4,3 mld.di euro) e nei prossimi giorni la GosDuma  (Camera bassa del Parlamento) dovra`   prendere la

decisione  sulla proposta del Ministero delle Finanze di ridistribuire circa 327 miliardi di rubli. La Corte dei conti e` preoccupata inoltre per una eventuale diminuzione delle entrate fiscali del prossimo anno in seguito ad “alcune modifiche non giustificate apportate recentemente all’esistente legislazione fiscale  -  (“RBK daily”, pag.3, e “Kommersant”, pag.6, dell’11 novembre).

* “Vedomosti” (8.XI; pag.4; vedi inoltre “Kommersant” del 7 novembre, pag.1, 3 e 6) ha riferito che dopo alcune aspre discussioni con il grande business il Servizio federale Antitrust ha elaborato e pubblicato sul proprio sito Internet una nuova versione delle modifiche alla legge federale “Sulla difesa della concorrenza”.

* In conformita` alle nuove regole del Ministero dello Sviluppo economiche e alle direttive del CdM approvate dal premier Dmitrij Medvedev,  le piccole e medie imprese avranno un accesso piu` facile e stabile agli acquisti realizzati dalle grandi societa` e compagnie statali. Si prevede che fra 5 anni circa un quarto degli acquisti di una societa` statale sara` effettuato dalle PMI   (“RBK daily” dell’11.XI; pag.1 e 3).

* Il settimanale “Profil” (№ 42 dell’11.XI; p.40-46) ha fatto un’analisi della dinamica dei crediti bancari concessi alle PMI (nei primi 7 mesi di quest’anno il loro totale e` aumentato del 9,8% ed e` ammontato a 4,93 trilioni di rubli), rilevando un rallentamento dei ritmi di crescita rispetto all’anno scorso. Inoltre ha descritto l’attuale situazione del mercato del factoring, i cui operatori “cercano di mantenere precedenti fatturati, prestando una maggiore attenzione alle PMI”.  A parere di Dmitrij Shevcenko, direttore esecutivo dell’”Associazione delle compagnie di factoring”, l’ulteriore sviluppo del settore “e` ostacolato non tanto dalla situazione economica complessa nel Paese, quanto dai  seri limiti legislativi”.       

     L’altro settimanale “Kompanija” (№ 42; pag.58-61) ha prestato la notevle attenzione alle problematiche del mercato dei depositi bancari delle persone giuridiche: attualmente il suo totale ammonta a 11mila miliardi di rubli, cioe` a circa 256 miliardi di euro.  

      “RBK daily” di ieri (11.XI; pag.7) ha illustrato alcuni dei punti centrali di una nuova strategia di sviluppo della “Sberbank” per gli anni 2014-2018. Secondo il quotidiano, il presidente dell’Istituto German Gref  intende “semplificare il business, iniziando da una semplificazione del retail bancario”.

* Infine segnalo “Vedmosti” che ha commentato i risultati finanziari del settore dell’assicurazione sulla vita ottenuti nei primi nove mesi di quest’anno (8.XI; pag.14). Nell’edizione di oggi il giornale (12.XI; pag.14) ha previsto un nuovo record del mercato ipotecario: quest’anno il totale dei crediti ipotecari concessi dalla banche russe potrebbe ammontare a 1 300 miliardi di rubli (l’anno scorso piu` di mille miliardi con l’aumento annuo superiore al 40 per cento).  

 

Russia – Italia

 

 Mi dispiace che oggi posso segnalarVi soltanto 4 brevi pubblicazioni.

   Dunque, “Vedomosti” (primo novembre; pag.12) ha riferito che il CdA della “ENEL –OGK-5”, la compagnia italo-russa- produttrice di energia elettrica, ha preso la decisione di pagare, per la prima volta, i dividendi che ammonteranno al 40% dell’utile, calcolato secondo gli standard di contabilita` internazionali. 

       “Ekspert” (№ 45; pag.4) ha comunicato che il gruppo FIAT ha concluso un accordo con il governo di Mosca e dalla prossima primavera comincera` a montare i suoi veicoli commerciali; nel 2015 la  produzione annua di queste macchine dovrebbe raggiungere 40mila unita`.

      “Izvestia” (7.XI; pag.5) ha scritto del nuovo programma d’investimento della “Pirelli” che prevede una diminuzione della produzione e un lieve calo delle vendite di gomme in Russia, causati principalmente dal ristagno dell’economia russa in generale e dell’industria automobilistica in particolare.    

     “RG” (8.XI; pag.13) ha descritto il programma del Festival cinematografico internazionale di Roma, “principale concorrente della Mostra d’arte cinematografica di Venezia”. Ha dato rilievo al fatto che durante  l’importante manifestazione sara` realizzata la prima mondiale dell’ultimo film del famoso regista russo Aleksej Gherman. L’attore  Aleksej Gus’kov fa parte della giuria ufficiale del concorso principale.

 

 

Cari lettrici e lettori, grazie per l’attenzione.

Distinti e cordiali saluti.

 

 

A cura di Valerij Shvetsov (con la collaborazione di Canzio Cavallini)

e-mail: valerio.m@unimpresa.ru

Telefoni: ufficio +7 (495) 411-79-48 (int. 3413); cell: +7 (916) 531-04-45

www.confindustriarussia.it

 


 Associazione Conoscere Eurasia - Via dell'Artigliere, 11 37129 Verona Italia - C.F. 93197240232 - P.IVA 03739750234 T: +39 0458020904 F: +39 0459299924 M: info@conoscereeurasia.it