Rassegna della Stampa Russa - 12.12.2017

 

 

Eventi, problematiche e dati statistici generali 

•   Lunedì 11 dicembre la Russia ha iniziato il ritiro della maggior parte delle sue truppe dalla Siria. Il Presidente e Capo supremo delle Forze armate Vladimir Putin ha dato il relativo ordine durante una sua breve visita alla base aeronautica di Hmejmim. Il capo dello Stato, il ministro della difesa Shojgu e i comandanti delle truppe in Siria hanno constatato che il contingente militare “ha realizzato i suoi compiti in modo molto efficace” e che “la Repubblica siriana è stata salvata come uno Stato sovrano ed indipendente”. Putin ha avuto dei colloqui con il presidente siriano Bashar al-Assad: hanno esaminato le varie questioni legate alla ricostruzione e al riassetto politico del Paese. Nello stesso giorno Vladimir Putin ha visitato l’Egitto e la Turchia, dove ha discusso con i presidenti dei Paesi il suddetto ritiro delle truppe russe, la decisione di Donald Trump relativa ad un nuovo status della città di Gerusalemme e gli accordi sulle forniture di armamenti dalla Russia – (le agenzie d’informazione e Internet dell’11.12; i quotidiani di oggi 12 dicembre Rossijskaja gazeta (RG) link, pag. 1-2, RBK, pag.1-3, Kommersant (Kom-t), pag.1-3, Izvestia, ecc).
 
•   Venerdì 8 dicembre nel capoluogo bielorusso Gomel’ si è tenuta la riunione del Consiglio dei Ministri dello Stato alleato Russia-Bielorussia. La sua creazione è stata avviata nel 2000. Attualmente – come dice Grigorij Rapota, segretario di Stato – “è un progetto vivo, che si sviluppa ed è finalizzato all’istituzione di uno Stato alleato. Per raggiungere questo scopo è necessario ancora risolvere una serie di compiti intermedi”. Nel corso della riunione le delegazioni capeggiate dal premier russo Dmitrij Medvedev e dal suo omologo bielorusso Andrej Kobjakov hanno constatato che nei primi 10 mesi gli scambi commerciali sono aumentati del 23% su base annua, ammontando a $23,2 mld. Le parti prevedono che alla fine di quest’anno il commercio bilaterale raggiungerà 28 mld di USD, come nel 2018. In tempi più favorevoli questo indice ha superato i $40 mld. Le delegazioni hanno preso in esame alcune priorità dell’ulteriore sviluppo dello Stato nel quinquennio 2018-2022 e i principali parametri del Bilancio statale. Quest’anno il suo volume ha costituito 6,7 mld di rubli; si prevede che nel 2018 le entrate ammonteranno a 6,9 mld di rubli. I capi di governo hanno espresso la speranza che a dicembre saranno risolti i dissensi, legati al riconoscimento reciproco dei visti d’ingresso in Russia e in Bielorussia, e saranno regolamentate diverse questioni riguardo l’ingresso nel territorio comune dei cittadini stranieri e degli apolidi, ossia delle persone senza cittadinanza – (il supplemento a Rossijskaja gazeta (RG) “Unione Bielorussia-Russia” del 7.12, pag.1 e 3; Nezavisimaja gazeta dell’8.12, pag.5; RG dell’11.12, pag.3 – link, nonché l’ampia conversazione di Izvestia (4.12, pag.1 e 3) con Grigorij Rapota – link).
 
•   Il gruppo Gazprom ha firmato tutti i contratti relativi alla costruzione del gasdotto Nord Stream-2 che, attraverso il Mar Baltico, trasporterà direttamente il gas proveniente dalla Russia in Europa. Il progetto prevede la costruzione di 2 linee di tubi con una capacità produttiva di 55 mld di metri cubi di gas all’anno. Gli organi statali di Germania, Danimarca, Finlandia e Svezia hanno ricevuto le relazioni degli esperti del gruppo sull’impatto ambientale della grande opera. Alcuni membri della direzione di Gazprom hanno sostenuto negli ultimi giorni che il progetto ad ogni modo sarà realizzato secondo i termini fissati e che le forniture del gas destinato ai Paesi europei cominceranno a dicembre 2019 – (RG dell’11.12, pag.2). Boris Titov, difensore civico degli imprenditori russi e di quelli stranieri operanti in Russia presso il presidente della FR, si è detto disposto a presentare al Capo dello Stato una lista di imprenditori russi residenti attualmente a Londra, dove si nascondono dalla giustizia russa e dall’Interpol. Tutte queste persone sono pronte a ritornare in Russia e a rimborsare tutti dei danni da loro procurati – (l’agenzia RIA “Novosti”; il settimanale Expert № 50 dell’11.12, pag.5).
 
•   In Russia è stato creato un nuovo sistema di controllo del traffico aereo. È in grado di guidare tutti i velivoli che si trovano nell’area di Mosca, e di controllare i voli degli aerei civili e di quelli militari. Intervistato da RG (7.12, pag.5 - link), Dmitrij Savitskij, vice del direttore generale del gruppo “Almaz-Antej”, leader dell’industria militare e dell’informatica, ha descritto le principali particolarità e caratteristiche del suddetto sistema di navigazione aerea, rivelando che tutta la componentistica necessaria per gli impianti del Centro è stata progettata e prodotta da varie società e aziende russe.  
 

Economia 

* Situazione generale: 

  Il Ministero dello Sviluppo Economico in una sua analisi dell’andamento dei settori e delle industrie ad ottobre ha constatato “un rallentamento della crescita del Pil” e “un arresto dell’aumento della produzione industriale”. Il dicastero ha evidenziato “un calo” dell’agricoltura: il 2,5% in meno rispetto allo stesso mese di ottobre del 2016, nonostante il “raccolto storico di cereali” di quest’anno: 135,3 mln di ton al 1o novembre – (Profil № 15 dell’11.12, pag.6).
 
  La stampa ha vivamente commentato un’idea rilanciata da Aleksei Kudrin, direttore del “Centro per le elaborazioni strategiche”, al fine di attivizzare l’economia “affievolita” negli ultimi tempi. A suo parere, è necessario creare 10-15 grandi conurbazioni, ad esempio Ekaterinburg-Celjabinsk-Perm’ negli Urali oppure Tomsk-Novosibirsk- Barnaul in Siberia, ecc. Gli specialisti hanno notato subito che tale strategia “permetterà di risparmiare ingenti spese per le infrastrutture ma escluderà decine di piccole e medie città senza prospettive certe, la cui popolazione dovrebbe trasferirsi verso i nuovi agglomerati”.
 
  A questo proposito l’apposita strategia governativa prevede “un’ulteriore strutturazione dei grandi agglomerati”. Il Consiglio della Federazione (la Camera alta dell’Assemblea federale) ha dichiarato di essere pronto ad “assicurare una rapida formalizzazione legale dei processi summenzionati”. Le amministrazioni regionali finora hanno espresso pareri abbastanza divergenti riguardo le future conurbazioni.
 
  In relazione a ciò è significativo notare come molte amministrazioni stiano cercano diverse alternative della gestione economica, basate anche sul “modello dello Stato di sviluppo”. Nella Regione di Irkutsk è stata elaborata una “Strategia di sviluppo fino al 2030” che include, in particolare, le raccomandazioni di Serghej Glaz’ev, accademico in economia e consigliere del Capo dello Stato. Molto spesso queste raccomandazioni sono respinte dai funzionari e dipendenti dell’apparato governativo e della Banca Centrale che condividono i concetti di sviluppo liberale dell’economia russa – (Nezavisimaja gazeta dell’8.12, pag.1 e 4, Kommersant dell’11.12, pag.3, link).
 
  “Bisogna liberare il business da tutte le imposte che riguardano le nuove produzioni” – con questo consiglio espresso dall’interlocutore Vedomosti (7.12, pp.8-9 - link) ha intitolato la conversazione con Mikhail Sutjaghinskij, comproprietario e presidente del CdA del gruppo petrolchimico e industriale “Titan”(nello scorso anno ha fatturato 16 mld di rubli). Nel rispondere alle domande del corrispondente del quotidiano Milhail Sutjaghinskij ha descritto una serie di produzioni aperte dal gruppo durante la crisi degli anni 2014-2015 e ha spiegato, perché attualmente non è in grado di costruire nuovi grandi stablimenti, come negli anni precedenti.
 
  L’economista Jakov Mirkin ha confrontato lo stato e il funzionamento del sistema finanziario russo con quello cinese e ha riflesso su come “sintonizzare” il sistema russo verso una crescita dell’economia pari al 6-7% annuo – (RG dell’11.12, pag.7).  
 

* Settori e mercati: 

  Il ministro Vladimir Puchkov ha rilasciato un’approfondita intervista a RG (11.12, pag.11) in cui ha descritto con affetto l’attività dei dirigenti e dei dipendenti del Dicastero della Protezione civile (per le situazioni d’emergenza) nel 2017. A suo parere, “l’anno uscente per il Ministero è stato complesso e molto intenso”. Malgrado questo tutti gli obiettivi sono stati raggiunti. Vladimir Puchkov ha rivelato inoltre che tutte le strutture ricevono impianti, macchine e tecnica moderna molto spesso prodotti in Russia.
 
  Il settimanale Profil (№ 15 dell’11.12, pag.56-59) ha riassunto i risultati del 2017 raggiunti dal settore delle telecomunicazioni. Nella rassegna si mette in evidenza una “trasformazione digitale del piccolo business”. Kommersant del 6 dicembre (pag.1- 16) e Vedomosti del 7.12 (pag.1-12 - link) hanno diffuso in allegato ampi supplementi in cui hanno trattato il quadro generale, l’introduzione delle innovazioni e le varie problematiche, rispettivamente, dei trasporti ferroviari locali e dell’industria forestale, nella quale si prevedono alcune considerevoli trasformazioni.
 
  Intervistato da Vedomosti (5.12, pag.8-9 – link) Serghej Khramaghin, direttore generale della “Compagnia statale di leasing nel settore dei trasporti” ha previsto quando l’aereo Sukhoi SuperJet “diventerà competitivo senza leasing agevolato”. Ha raccontato inoltre come la compagnia partecipi alla progettazione dell’aereo Il-114 e ha illustrato le buone prospettive della produzione di elicotteri civili.
 
  I giornali hanno brevemente descritto la dinamica e le novità: del mercato dei servizi privati (il settore impiega il 10% della popolazione attiva; quest’anno il suo volume ammonterà a circa 5.500 mld di rubli – Kom-t dell’11.12, pag.9), dell’industria automobilistica (la vettura Lada Vesta per la prima volta è diventata il modello più popolare dell’AvtoVAZ; Yandex ha avviato il proprio servizio di carsharing – Vedomosti, pag.12: link, e pag.14, dell’11 dicembre) e del commercio on-line (gli analisti prevedono che quest’anno il volume del mercato supererà 1.100 mld di rubli – Kommersant del 12.12, pag.10).
 
  La stampa ha prestato molta attenzione anche ai vari aspetti della sanità e dell’industria farmaceutica. Negli ultimi mesi molti russi si sono detti disposti ad usare i servizi della telemedicina, anche se le relative conoscenze non sono ancora molto diffuse nel Paese. Purtroppo, come hanno avvisato gli operatori, “il mercato non entrerà in vigore dal 1o gennaio del 2018, poiché gli atti ministeriali relativi all’esecuzione della legge non sono ancora stati approvati” – (Kom-t dell’11.12, pag.2: la rubrica “Monitoraggio”, e del 12.12, pag.7).
 
  Il premier Dmitrij Medvedev ha approvato ieri (11.12) il programma delle garanzie statali di prestazione dell’assitenza medica gratuita nel 2018. L’anno prossimo i finanziamenti per la medicina gratuita aumenteranno del 15% – (RG del 12.12, pag.3).
 
Nell’edizione di oggi 12.12 RBK ha pubblicato (pag.15 - link) un sunto dell’analisi approfondita della dinamica degli stipendi del personale medico e di quello paramedico. Circa il 40% di loro guadagna 15-30 mila rubli al mese; solo l’8,4% del personale medico riceve oltre 50 mila rubli.
 
Kommersant (1.12, pag.3 e 4) ha rivelato una seria situazione in Russia per la diffusione dell’HIV e dell’AIDS e ha pubblicato un’intervista con Michel Sidibe, vice segretario generale dell’ONU, che ha espresso la convinzione che “per fermare le epidemie è necessaria la volontà politica”.
 
  Alcune grandi compagnie farmaceutiche internazionali hanno inviato al Servizio Antitrust federale una lettera con lamentele e reclami sulla violazione del sistema russo dei brevetti e delle patenti – (Kommersant dell’8.12, pag.12).
 
  Agli esperti segnalo infine una rassegna dedicata allo sviluppo del mercato russo del cibo da asporto e un aumento degli investimenti in questo settore – (Kom-t dell’8.12, l’intera pag.13 – link), nonché alcune pubblicazioni, in cui si tratta della scarsa qualità di molti prodotti alimentari e della situazione delle risorse biologiche in Russia – (Expert № 49 del 4.12, pag.22-27: l’intervista ad Evghenia Serova, direttrice della FAO in Russia, RG del 5.12, pag.11, e Izvestia del 6 dicembre, pag.6 - link).  
 

* Informazioni in breve relative alle grandi società e PMI: 

- la società NOVATEK ha iniziato le forniture del gas liquido prodotto dal suo stabilimento nuovo “Jamal SPG”. La seconda linea dello stabilimento potrebbe essere messa in funzione nel 2018 e la terza alla fine del 2018 oppure all’inizio del 2019. Nel frattempo la grande società continua ad acquistare aziende produttrici di gas per mantenere l’alto livello di estrazione – (Expert № 50 dell’11.12, pag.4 - link, Vedomosti, dell’11.12, pag.11, e Kom-t del 12.12, pag.9);
 
- la zona economica speciale “Togliatti” (20 residenti; il volume degli investimenti realizzati è di circa 10 mld di rubli) è stata riconosciuta come una delle migliori “piazze d’investimento” in Russia – (RG dell’11.12, pag.4);
 
- nel 2018 lo Stato sosterrà il leasing per i produttori delle macchine agricole – (Kommersant del 7.12, pag.9, link );
 
- X5 Retail Group, leader delle grandi catene di distribuzione di alimentari, ha concordato con il gruppo Danone la creazione di un brand speciale per tutti i suoi negozi – (Vedomosti del 5 dicembre, pag.14);
 
- il gruppo di aziende agricole “Resurs” intende acquistare per 9 mld di rubli un grande stabilimento avicolo attualmente in possesso del leader del settore “Prioskol’e”, per avere maggiori possibilità di entrare sul mercato della capitale e della Regione di Mosca – (Kom-t; 11.12, p.10);
 
- nel 2018, dopo una pausa durata alcuni anni, comincerà a trasmettere a Mosca la nuova stazione radio “Il servizio nazionale dei notiziari”. È stata lanciata dalla “Multimedia holding” del “senatore” Vitalij Bogdanov, membro del Consiglio della Federazione (la Camera alta dell’Assemblea Federale) – (Kom-t dell’8.12, pag.9).  
 

Finanza, fisco, dogana, leggi, settore assicurativo 

•  Molti specialisti in cybersicurezza hanno messo in rilievo il fatto che gli hacker attacchino ultimamente più spesso non tanto le banche quanto i conti in valute criptati, poiché “questi sono più accessibili”. Tuttavia, come hanno avvertito alcuni esperti e la FinCERT, alla vigilia dell’anno nuovo gli hacker torneranno ad attaccare molte banche, i cui sistemi IT sono, forse, già stati infettati da virus - (Kommersant del 7.12, pag.1 e 12, link).
 
•   La Banca Centrale Russa ha chiamato gli istituti finanziari di credito a coinvolgere la popolazione nel consegnare più attivamente le monete possedute. Gli scopi della BCR - ritirare dalla circolazione le monete in eccesso, spedirle per la rifusione, diminuire le spese per la coniatura e - perché no? - guadagnare circa 12 mld di rubli durante la trasformazione delle monete – (Kommersant del 12.12, pag.1 e 8).
 
•   Nel suo “Bollettino d’informazione” mensile la BCR ha analizzato le oscillazzioni dei prezzi nei primi 11 mesi di quest’anno in diversi settori non alimentari che in misura maggiore dipendono dalle importazioni. A questo proposito il Regolatore ha messo in evidenza alcuni rischi dell’aumento dell’inflazione, tra i quali figura l’eccedenza del denaro circolante – (RG dell’11.12, pag.1 e 3). Segnalo che anche Expert (№ 50 dell’11.12, pag.80 link) ha descritto la dinamica dell’inflazione in Russia (a novembre è scesa al 2,5% annuo). Vedomosti (11.12, pag.7) ha preso in esame i diversi pregi e i difetti della bassa inflazione e ha sostenuto che “la politica della riduzione dell’inflazione in brevi tempi porta ad un rallentamento della crescita dell’economia nazionale”.
 
•   In conclusione segnalo agli analisti 2 articoli in cui il settimanale Expert № 50 dell’11.12 ha commentato l’ingresso della BCR nel mercato borsistico dell’oro (pag.39-40: link), e ha descritto una nuova fase del risanamento della Banca “Otkrytie” (pag.36-38).
 
  Il settimanale Profil (№ 15 dell’11.12, pag.41-46) ha cercato di stabilire una correlazione tra l’afflusso degli investimenti stranieri diretti in un Paese e il livello della corruzione nello stesso.  
 
 
 Cari lettori, grazie per l'attenzione. 

Cordiali saluti.
A cura di Valerij Shvetsov
in collaborazione con Anita Mengon e Paolo Cantarello
e-mail: valerio.m@yandex.ru
Telefono - cell: +7 (916) 531-04-45

 


 Associazione Conoscere Eurasia - Via dell'Artigliere, 11 37129 Verona Italia - C.F. 93197240232 - P.IVA 03739750234 T: +39 0458020904 F: +39 0459299924 M: info@conoscereeurasia.it