Rassegna della Stampa Russa - 18.06.2013





Eventi, problematiche e dati statistici generali

 

*          Tra gennaio e maggio di quest’anno le entrate dell’erario statale sono ammontate a 5 115 miliardi di rubli (circa 127 miliardi di euro), il 40 per cento del gettito previsto annuale, e le uscite di Bilancio federale hanno raggiunto 4 986 miliardi di rubli, il 37% dell’obiettivo annuo. In tal modo dopo i primi 5 mesi il Bilancio federale – per la prima volta nel 2013 - ha avuto un attivo pari a 128 miliardi, cioe` lo 0,5 per cento del Prodotto Interno Lordo. Il Ministero delle Finanze nonostante la dinamica positiva dell’esecuzione della Finanziaria prevede ancora, che l’esercizio 2013 chiudera` con un passivo dello 0,6 per cento del PIL. 

      Come ha recentemente comunicato il ministro delle Finanze Anton Siluanov, il prossimo autunno la GosDuma dovra` approvare i nuovi parametri del Bilancio federale: le entrate pari a 12 995 miliardi di rubli (129 miliardi di piu`, rispetto al totale fissato nella legge “sul Bilancio federale 2013), e le uscite – rimarranno le stesse indicate nella legge – pari a 13 387 miliardi di rubli            -       (“Kommersant” del 17.6; pag.6: la rubrica “Monitoraggio”  comprende anche le cifre di maggio ed e` corredata dal grafico che riporta la dinamica  mensile dell’esecuzione del Bilancio nei primi 5 mesi).

*          L’Organizzazione internazionale del lavoro (MOT) ha pubblicato una relazione, in cui ha evidenziato il calo della classe media nei Paesi sviluppati  in seguito alla crisi finanziaria ed economica globale. Dal 2010 al 2011  il divario dei redditi si e` accentuato in 14 su 26 Stati, la cui situazione sociale ed economica e` stata analizzata dagli esperti di MOT. Nello stesso tempo gli analisti hanno rilevato una diminuzione della poverta` nei Paesi in via di sviluppo, sopratutto in Cina, in Brasile, in India, che passano un periodo di notevole sviluppo delle economie nazionali. Il quotidiano governativo “Rossijskaja gazeta” (“RG”; 14.6; pag.2) fa notare che nella Federazione Russa non c’e ancora un unico criterio di appartenenza alla classe media. Per cio`, secondo le diverse organizzazioni, attualmente questa categoria (con uno stipendio mensile superiore a 20mila rubli, meno di 500 euro) conterebbe dal 20 al 30 per cento della popolazione attiva. A parere dell’osservatore di “RG”, in ambedui i casi la valutazione e` sopraelevata, perche` nel Paese “i veri rappresentanti della classe media, cioe` la gente che riesce a risolvere autonomamente, senza il sostegno dello Stato, i problemi sociali e quelli del tran-tran quotidiano, non sono tanti:  il loro numero e` certamente inferiore per esempio ai  due terzi della popolazione, che sono lo standard nei Paesi d’Europa”.     

*           Giovedi` scorso (13 giugno) il Consiglio dei ministri ha discusso e approvato il programma dei preparativi per i Mondiali di calcio del 2018 che si terrano in 11 citta` russe.  Si prevede di costruire o rifare 12 stadi e 113 campi di allenamento, costruire 62 alberghi per circa 10mila camere, compiere grandi lavori per migliorare le infrastrutture dei sistemi dei servizi urbani e comunali e del settore turistico, eccetera. Il preventivo per la preparazione della grande e importante manifestazione di respiro mondiale ammonta a 660 miliardi di rubli   (circa 16 mld.di euro), di cui 336 miliardi saranno stanziati dal bilancio federale. Su insistente proposta del ministro delle Finanze e` stato fissato il “tetto” delle spese aggiuntive  causato da eventuali rincari, pari a 250 miliardi. Il premier Dmitrij Medvedev ha ribadito la necessita` di utilizzare tutte le opere e gli impianti, che saranno costruiti, anche dopo la chiusura del campionato   -     (“RBK daily” pag.2;  “RG” pag.3; “Izvestia”, “Kommersant”, “Sport-Express” ed altri quotidiani del 14 giugno).


 

Economia, settori e mercati, grandi aziende e PMI

 

*          Il rallentamento dell’economia ha gia` causato i primi effetti negativi: per esempio,  il gettito delle imposte raccolte dal Servizio fiscale tra gennaio e maggio e` inferiore dello 0,4% rispetto a quello del medesimo periodo dell’anno scorso. Purtroppo, la cifra e` “piccola” solo al primo sguardo: dietro c’e un calo dal 19,7 al 17,8 per cento del PIL, inoltre  e` avvenuto la prima volta dopo la crisi.  “Vedomosti” (17.6; pag.4) ha pubblicato una rassegna, in cui si rileva una diminuzione delle imposte, ricevute dai bilanci di tutti i livelli, principalmente quelle regionali, e vengono trattati alcuni dei motivi del peggioramento di risultati finanziari di molte  societa`  e aziende.  Anche “Ekspert” (№ 24 del 17.6; pag.118) ha evidenziato il perdurare della diminuzione dell’utile del settore produttivo, che continua gia` parecchi mesi. Questa volta la rapida indagine sull’attuale congiuntura d’affari e` dedicata soprattutto ai vari aspetti della situazione finanziaria: si tratta dell’aumento dei debiti dei privati, legati ai crediti sull’acquisto dell’abitazione che sono cresciuti a 110 miliardi di rubli al mese; del fermo dei prezzi delle nuove case; nonche` dei “fattori non monetari che faranno rallentare l’inflazione”.

    Il ministro dello Sviluppo economico Andrej Belousov ha ammesso il rischio della recessione ma ha subito formulato un piano, comprendente circa 30 misure e provvedimenti e mirato ad evitare un eventuale e ulteriore calo dell’economia. Si tratta dell’attuazione della politica macroeconomica, monetaria e creditizia, orientata in misura maggiore alla crescita economica, alla diminuzione dei tassi d’interesse e al rifiuto di mantenere l’alto corso del cambio del rublo. Belousov e` convinto che durante il Forum economico di San-Pietroburgo (20-22 giugno; circa 5mila partecipanti provenienti da 71 Paesi) si parlera` non di recessione, ma del “posto della Russia in una ripresa economica stabile e sostenibile”.     Il settimanale “Profil” (№ 23 del 17.6; pag.27-36) ha preparato un suo “ordine del giorno” del  prossimo Forum, indicando e fornendo molte informazioni sui principali temi della futura discussione: il passaggio a un’economia innovativa che deve consentire al Paese di acquistare la leadership non solo nelle esportazioni di materie prime, del grezzo e degli armamenti; l’impossibilita` del ritorno al protezionismo; i progressi della scienza e della medicina; gli investimenti stranieri nell’edilizia e nel settore delle costruzioni in Russia; la formazione della base giuridica per il tanto atteso sviluppo della partnership pubblico-privata.

*          “Ekspert” (№ 24 del 17.6; pag.38-63) ha riportato un’approfondita relazione speciale, dedicata ai diversi aspetti e alle varie problematiche dell’esplorazione e dello sfruttamento delle risorse dell’Artico.  Secondo gli autori, bisogna avviare tutti i lavori necessari fin da adesso, tanto piu` che “i ricercatori e i tecnici russi sono in grado di fornire la maggior parte delle tecnologie indispensabili per gli interventi nelle  zone artiche: sopratutto se si tratta di materiali speciali, di navi e di tecniche per lavorare sui mari, nonche` della tecnica idrometeorologica”.

      Inoltre il settimanale ha pubblicato (pag.64-77) una rassegna dei rilevanti progetti d’investimento avviati o annunciati tra febbraio e aprile. Si rileva che, “purtroppo, gli investimenti nell’economia nazionale  aumentano assai lentamente”.  Il totale dei 43 progetti presentati (c’e anche il loro elenco con le informazioni sulla localita`, l’importo, la fase di realizzazione, ecc) ammonta a circa 15 miliardi di US$.  34 progetti promossi dai privati “costeranno” $5,4 miliardi. E` ancora un particolare evidenziato da “Ekspert” – 15 su 43 progetti riguardano la metalmeccanica. L’aumento degli investimenti nel settore manufatturiero e` legato alla necessita` di diminuire le importazioni e di sostituire le merci importate; “e` spiegabile anche da un effetto di nuovi elementi della politica industriale statale”.  

      Segnalo ancora due articoli che illustrano l’atuale situazione dei vari segmenti dell’industria metalmeccanica. “Vedomosti” (13.6; pag. 1 e 19) ha scritto che alcune grandi societa` e compagnie di Mosca hanno costituito delle joint-venture con imprese della Bielorussia e dell’Azerbajgian, che parteciperanno ad un veloce sviluppo della metropolitana della capitale russa.  “Ekspert” (№ 24; pag.26-27) in un  suo servizio riferisce  della produzione di vagoni a due piani avviata dallo “Stabilimento di Tver’” su ordine della “Compagnia federale di trasporto passeggeri ferroviario”.

*          Il supplemento “REVIEW Nanotecnologie” (pag.17-20) a “Kommersant” del 17 giugno e` interessante e utile, perche` descrive la situazione attuale e lo sviluppo di questo settore in varie regioni. Una buona parte della pubblicazione e` dedicata  alla preparazione del personale giovane e qualificato per le istituzioni scientifiche, le aziende e le imprese operanti nel settore.

*          Agli analisti dell’industria aeronautica segnalo un’approfondita conversazione di “Vedomosti” (17.6; p.8-9) con Mikhail Pogosjan, presidente della “Corporazione aeronautica unita” (lo Stato controlla l’83,4 per cento delle azioni; l’anno scorso ha fatturato 171 miliardi di rubli, circa 4,3 mld di euro; il passivo ammonta a 162,7 miliardi). In primis l’intervistato sottolinea che durante il salone di Les Buorget (in Francia) la societa` “intende mostrare quello che abbiamo gia` raggiunto  e facciamo nella diversificazione della nostra produzione”. Di questo si parla approfonditamente nella maggiore parte della conversazione. Il presidente e` convinto che entro il 2015 la Corporazione passera` all’attivita` senza perdite e dal 2018 comincera` a lavorare in attivo.   

      “RBK daily” (pag .1) e “Kommersant” (pag.11) di oggi 18 giugno hanno diffusamente riferito che lo “Stabilimento di aerei civili degli Urali” e la compagnia austriaca “Daimond Aircraft Industries” hanno firmato a Les Bourget un acccordo di collaborazione che prevede il montaggio degli aerei austriaci presso lo stabilimento russo e poi la progettazione e la produzione di nuovi velivoli leggeri (per 9 e 19 passeggeri) in Russia. Secondo il presidente della Corporazione “Rostekh” Serghej Cemezov, i nuovi aerei “potranno sostituire parzialmente il parco elicotteri delle piccole compagnie aeree regionali, delle strutture di polizia e del Ministero per la Protezione civile”.

*          Nel recente messaggio sulla politica di bilancio Vladimir Putin ha richiamato l’attenzione sul fatto, che a causa della situazione economica mondiale e di alcuni fattori interni, la Russia ha  limitate possibilita` per compensare il rallentamento delle entrate dell’erario, provenienti dalle industrie del petrolio e del gas, con un incremento delle entrate dagli altri settori economici.  Nel messaggio e` stato rilevato tra l’altro che la percentuale delle prime entrate sul totale   dei redditi del Bilancio federale e` aumentata dal 30,2% nel 2004 al 46,1% dell’anno in corso. Nello stesso periodo il deficit del Bilancio federale calcolato senza le entrate dalle industrie del petrolio e del gas e` cresciuto dall’1,8% al 9,7 per cento del PIL     (“Vedomosti” del 14.6; pag.4-5).

       I settimanali “Ekspert” (№ 24; pag.8) e “Itoghi” (№ 24 del 17.6; pag.20-21) hanno illustrato i programmi operativi della societa` statale petrolifera “Rosneft”, atti ad ammodernare e  sviluppare il proprio settore della raffinazione.  Secondo la compagnia, dopo l’ammodernamento il volume del petrolio raffinato in Russia aumentera` da 84 a 90 milioni di tonnelate all’anno.

      Agli esperti del settore del gas addito una breve nota del settimanale “Kompanija” (№ 23 del 17.6; pag.7) in cui si rileva che non i mediatori ma i due produttori di tubi, gli Stabilimenti di Celjabinsk e di Izhora (San-Pietroburgo), - per la prima volta negli ultimi 6 anni – hanno vinto un tender per la fornitura di tubi alla  “Gazprom”.

*          Tra le  recenti pubblicazioni interessanti segnalo ancora un’intervista di “RBK daily” (14.6; pag.6) all’accademico Filipp Rutberg, che ha formulato parecche proposte sull’aumento dell’attrattivita` degli investimenti del settore della distribuzione di energia elettrica, e un commento di “Kommersant” (14.6; pag.12) alla dinamica dei prezzi delle abitazioni nel primo trimestre: in questo periodo sono aumentati in tutto il Paese mediamente dell’1,3%.

*          Dai servizi di “Kommersant” (10.6; pag.9), di “Profil” (№ 22 del 10.6; pag.28) e di “Kompanija” (№ 23 del 17.6; pag.35) si ricava che a molti russi piacciono gli svaghi, i giochi  e gli intrattenimenti. Infatti, l’anno scorso il mercato dei giochi computerizzati e` aumentato di 1,5 volte ed e ammontato a $1,349 miliardi; il mercato dei videogame e` cresciuto da $873 milioni nel 2008 a 1,2 miliardi di US$ nel 2012. Il numero degli abbonati alla TV a pagamento salira` da 22 milioni di persone dello scorso anno a 30 milioni (previsione) nel 2017. Inoltre, secondo un’altra previsione, il volume del mercato nazionale dei divertimenti aumentera` da $25,4 miliardi  del 2012 a circa 39,8 miliardi di US$ nel 2017. 


 

Finanza, fisco, dogana, leggi, settore assicurativo

 

*          “RG” di oggi (18.6; pag.4) ha riportato e commentato la dichiarazione del ministro delle Finanze Anton Siluanov, secondo il quale in agosto il suo Dicastero comincera` ad acquistare le valute sul mercato e non dalla Banca centrale. Lo scopo e` di aumentare i fondi statali. Siluanov ha ammesso che “questa operazione puo` far diminuire il corso del cambio della valuta nazionale di 1-2  rubli”. Pero`, tale indebolimento potrebbe portare al bilancio circa 190 miliardi di rubli. Nei primi commenti gli economisti e gli esperti dei mercati finanziari hanno sostenuto che il provvedimento potrebbe essere utile per l’economia ma colpirebbe la popolazione. Sul tema interviene anche il settimanale “Kompanija” (№ 23 del 17.6; pag.6) che ha fatto notare una diminuzione delle riserve valutarie della Banca centrale del 2,8% in maggio.             

*          “Kommersant” (17.6; pag.9-10) ha citato le diverse critiche sull’attivita` della Banca centrale, espresse ultimamente dalle commissioni e dai deputati della GosDuma.

       Lo stesso quotidiano nell’edizione del 14 giugno (pag.6 – “Monitoraggio”) e “Vedomosti” (17.6; pag.14) hanno analizzato i fattori economici del calo dei crediti in maggio. In questo mese i debiti corporate sono aumentati di meno dell’1 per cento. D’altro canto, in vista del periodo estivo dall’inizio di giugno molte banche hanno proposto alla clientela, soprattutto ai clienti  piu` leali e affidabili,  condizioni piu` agevolate e tassi lievemente superiori per i depositi stagionali. “Vedomosti” (14.6; pag.8) in una sua rassegna ha illustrato le altre azioni e i prodotti finanziari offerti ai clienti dai vari istituti finanziari.

*          Nella sua edizione di lunedi`, 17 giugno, “Kommersant” ha dedicato l’intera pagina 13 alla situazione attuale e alla dinamica del mercato valutario, trattando in particolare il problema delle valute virtuali.     Il quotidiano ha pubblicato inoltre i dati di “Rosstat” sul sostegno sociale statale. Si nota che il numero delle persone bisognose  che ricevono piccoli sussidi sociali (1 666 rubli al mese nel 2012), non cambia notevolmente da parecchi anni: 16,9 milioni nel 2007; 16,7 milioni nel 2010, 16,6 milioni nel 2011 e 16,4 mln.di persone l’anno scorso. Gli esperti fanno notare a questo proposito che la gran parte delle misure del sostegno sociale non giustifica le spese sotenute per la loro amministrazione.  

*          “Profil” (№ 23 del 17.6; p.44-45) in un suo articolo ha criticato le banche che non concedono i crediti agli immigranti che lavorano in Russia. “RG” (14.6; pag.1 e 13) ha pubblicato un’intervista al capo del Servizio federale migrazione:  Konstantin Romanovskij ha diffusamente raccontato dei vari provvedimenti e del “controllo elettronico”, che devono ottimizzare l’ingresso e il lavoro delle persone che arrivano nella Federazione Russa. Ha dato rilievo al fatto, che nell’ultimo periodo sono stati individuati circa 3 milioni di immigranti, ai quali per aver violato il termine e le condizioni del soggiorno sara` vietato l’ingresso in Russia.

*          Infine segnalo un servizio di “Vedomosti” (13.6; pag.19) che ha scritto dello sviluppo dei vari segmenti del mercato pubblicitario, compreso quello degli annunci per le imprese medie. 

 


 

Russia - Italia

 

Il dialogo strategico fra Roma e Mosca continua e viene rafforzato indipendentemente dal cambio dei governi nei due Paesi “ -  e` cio` che ha ribadito la ministro degli Esteri Emma Bonino in un articolo sul bilancio della sua visita nella capitale russa (15 giugno), scritto per il giornale “Rossijskaja gazeta” (17.6; pag.6). La ministro ha evidenziato di aver discusso molti “caldi” problemi internazionali col suo omologo Serghej Lavrov. Nel sottolineare il rafforzamento delle relazioni commerciali la Bonino ha espresso l’intenzione di “proseguire questo sviluppo produttivo, stimolando la diffusione delle informazioni sulle possibilita` di ampliare le piu` varie attivita` imprenditoriali, offerte attualmente da numerose regioni russe”. La ministro ha espresso la speranza di vedere effettuati grandi sforzi della Russia, mirati a   “rafforzare il   rispetto dei valori universali e   delle conquiste  nel campo

dei diritti e delle liberta`”. Inoltre ha ricordato le numerose iniziative e manifestazioni bilaterali, realizzate lo scorso anno, che hanno confermato la stretta vicinanza dei due Paesi negli ambiti della cultura, e si e` detta convinta dell’importanza dell’Anno incrociato del turismo, che si svolgera` in questo e nel prossimo anno.    

            A questo punto segnalo un servizio del mensile “Travel”, diffuso in allegato a “Kommersant” del 17 giugno, in cui l’inviata scrive dell’ospitalita` italiana provata da lei personalmente durante un viaggio e un breve soggiorno a San Casciano dei Bagni (Regione Toscana).

           “Itoghi” (№ 24 del 17.6; p.60) ha riferito che il 26 giugno al Museo delle Belle arti Pushkin sara` aperta una interessante e importante esposizione dei quadri di Tiziano, presentati per questa ocasione da varie gallerie italiane e da collezioni di privati.

            “RG” di oggi (18.6; pag.7) ha comunicato che tutti i visitatori dell’Armeria all’interno del Cremlino potranno vedere l’opera di Andrea Mantegna “San Giorgio”, che e` stata portata da Venezia su l’iniziativa dell’Ambasciatore Antonio Zanardi Landi  e sara` esposta fino al prossimo 18 luglio.


 

Cari lettrici e lettori,
grazie per l'attenzione.


Distinti e cordiali saluti.

A cura di Valerij Shvetsov (con la collaborazione di Canzio Cavallini) e-mail:valerio.m@unimpresa.ru

Telefoni: ufficio +7 (495) 411-79-48 (int. 3413); cell: +7 (916) 531-04-45 www.confindustriarussia.it;


 Associazione Conoscere Eurasia - Via dell'Artigliere, 11 37129 Verona Italia - C.F. 93197240232 - P.IVA 03739750234 T: +39 0458020904 F: +39 0459299924 M: info@conoscereeurasia.it