Rassegna della Stampa Russa - 23.05.2017

 

 

Eventi, problematiche e dati statistici generali 

   Venerdì 19 maggio Vladimir Putin, Presidente e supremo Comandante delle Forze Armate della FR, ha concluso una serie di riunioni a Soci con i dirigenti del Ministero della Difesa, dei vari dicasteri e delle maggiori società del complesso industriale militare. I convenuti hanno analizzato il reale stato dell’Esercito, della Marina Militare e di altri Corpi, nonché diverse opportunità di un loro riequipaggiamento tecnico-scientifico nell’ambito di un nuovo programma di riarmo per gli anni 2018-2025. A questo proposito il vicepremier Dmitrij Rogozin ha rivelato che si tratta di “un programma innovativo che racchiude approcci completamente diversi da quelli precedenti e comprende la progettazione e produzione di armi intelligenti, di sistemi automatici di comando, ricognizione e telecomunicazioni, ecc”. Nelle riunioni - ha comunicato Rogozin - è stato deciso di avviare la creazione di un nuovo aereo per il trasporto di media autonomia per l’esercito, di rafforzare il gruppo di sputnik spaziali, di ottimizzare le telecominucazioni, ecc – (le agenzie; Rossijskaja gazeta (RG), pag.2 link: https://rg.ru/2017/05/21/reg-ufo/vladimir-putin-provel-seriiu-soveshchanij-po-voennym-voprosam-v-sochi.html e Profil № 19, pag.27, del 22 maggio).
 
   Valentina Matvienko, presidente del Consiglio della Federazione (la Camera alta dell’Assemblea Federale), nel suo intervento al Forum internazionale di Pskov ha ribadito che “la Russia interviene costantemente per il rafforzamento continuo delle relazioni delle sue regioni con partner esteri, comprese quelle instaurate nel formato delle euroregioni”. La presidente ha rivelato che le sanzioni dell’UE contro la Russia non hanno riguardato i programmi di collaborazione delle regioni confinanti di vari Paesi. Il totale finanziamento di 7 programmi comuni realizzati dalla FR e dall’UE è ammontato a circa 260 mln di euro, di cui 87 milioni costituiscono il contributo della Federazione Russa. Matvienko ha messo in risalto l’attività di 8 euroregioni costituite con la partecipazione della Russia, compresa la Karelia, composta dall’omonima Repubblica russa e dall’unione di 3 comuni finlandesi – (RG del 19.5, pag.2).
 
   “Un evento storico” – è stata definita la partenza da Bari domenica mattina (21.05), per la prima volta in 930 anni, della reliquia di San Nicola che è stata trasferita temporaneamente in Russia dove il vescovo di Myra è il più venerato. La reliquia è stata deposta in un reliquario che pesa circa 40 chili realizzato dalla Federazione Russa. È decorato con preziosi rilievi laterali sulla vita e i miracoli del Santo; la parte superiore e quella anteriore sono state realizzate in vetro per permettere che si potesse vedere il frammento di 13 centimetri della costola sinistra di San Nicola che si trova “vicino al cuore”. Il trasferimento della reliquia del Santo è frutto dello storico incontro, avvenuto un anno fa a Cuba, tra il Patriarca di Mosca Kirill e Papa Francesco. All’arrivo all’aeroporto di Mosca, nel pomeriggio di domenica, la reliquia è stata accolta in maniera solenne e poi trasferita nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Lì il Patriarca Kirill ha celebrato una liturgia. In serata tutte le campane delle chiese di Mosca hanno suonato in occasione di quest’evento di portata storica ed unico, simbolo del processo di riavvicinamento tra cattolici e ortodossi. Da tutte le regioni russe sono arrivati oltre 10 mila pellegrini. La reliquia di San Nicola resterà a Mosca fino al 12 luglio e verrà poi trasferita a San Pietroburgo. Tornerà nel capoluogo pugliese il prossimo 18 luglio – (RG, pag.10, Kommersant (Kom-t), pag.5 link: https://www.kommersant.ru/doc/3303767 Izvestia, Nezavisimaja gazeta, Metro e gli altri quotidiani del 22 e 23 maggio).
 
   Su invito di Nikolaj Patrushev, segretario del Consiglio di sicurezza della FR, i dirigenti e gli specialisti dei servizi segreti e dell’ordine, diversi funzionari di governo ed i guiristi di circa 100 Paesi sono arrivati nel capoluogo regionale di Tver’ per partecipare ad una conferenza internazionale (23-25 maggio) dedicata alle problematiche della sicurezza informatica. In un’approfondita conversazione con il corrispondente di RG (19.5, pag.1 e 5) Nikolaj Patrushev ha illustrato come la Russia è pronta ad affrontare in maniera autonoma ma preferibilmente in stretta collaborazione con altri Paesi numerose sfide e cyberattacchi. Intervistato da Kommersant (22.5, pag.7 link: https://www.kommersant.ru/doc/3303788), Oleg Khromov, vice di Patrushev, ha parlato, in particolare, di come le autorità russe intendano difendere le opere industriali, civili e culturali più importanti da cyberattacchi esterni e ha espresso il suo parere sull’odierno spartiaque tra libertà e sicurezza in Internet.
 
   A Montreal (Canada), nell’ambito del 62o Summit mondiale, il governo di Mosca ha ricevuto un prestigioso premio internazionale per lo sviluppo del trasporto pubblico e delle infrastrutture e dei trasporti. L’Unione internazionale del settore ha apprezzato che “gli efficienti progetti presentati dagli specialisti della capitale russa si possono realizzare anche in altre grandi città”. L’alto riconoscimento è legato inoltre al rinnovamento senza precedenti del trasporto pubblico a Mosca. Infatti, negli ultimi 5 anni il 75% del parco di autoveicoli e filobus delle compagnie di trasporto municipali è stato rinnovato, sono entrati in circolazione 1.600 nuovi treni costruiti per la Metropolitana di Mosca, ecc – (RG; 19.5, pag.10).
 
   Secondo varie agenzie e giornali italiani, il padiglione russo che presenta in particolare un progetto del Museo di belle arti Pushkin di Mosca, gode di molta popolarità e interesse tra i visitatori della Biennale di Venezia. La “luce veneziana” arriverà a breve anche a Mosca. La direttrice del suddetto Museo Maria Loshak ha presentato la splendida esposizione di 25 opere di Tiziano, Tintoretto e Veronese che sarà aperta dal 9 giugno fino alla fine di agosto – (RG di oggi 23 maggio, pag.13 link: https://rg.ru/2017/05/23/reg-cfo/proekty-gmii-im-aspushkina-predstavili-v-venecii-i-moskve.html).  
 

Economia 

   Situazione generale:
 
  A partire da questa settimana, su indicazione di Vladimir Putin e Dmitrij Medvedev, gli apparati e gli specialisti dell’amministrazione presidenziale e del CdM cominceranno ad unire in un documento le proposte del Ministero dello Sviluppo Economico e di altri dicasteri, tenendo conto anche di alcuni approcci economici di vari Centri di ricerca e delle idee alternative di alcuni gruppi di economisti e scienziati. Le posizioni selezionate potranno entrare in un piano dello sviluppo economico e delle direttrici di uno sviluppo successivo per gli anni 2017-2025. Il documento dovrebbe prevedere mezzi finanziari e materiali necessari per il compimento degli scopi che saranno fissati. In questa occasione molti esperti hanno sostenuto che il programma del Ministero economico “attualmente non prevede “miracoli”, poiché il picco dell’aumento del PIL, al 3,6% annuo, secondo il programma, avverrebbe nel 2028”. È noto che il Capo dello Stato ha indicato numerose volte obiettivi più ambiziosi e termini molto più brevi – (RG, pag.2 link: https://rg.ru/2017/05/19/putin-obsudil-s-medvedevym-plan-razvitiia-strany.html, Kom-t, pag.1 e 2, e alcuni altri giornali del 22.5; Vedomosti del 23 maggio, pag.7).
  In relazione alla prossima discussione definitiva sulle varie elaborazioni economiche, sui piani e programmi delle riforme economiche ed istituzionali, Aleksej Kudrin, capo del “Centro delle elaborazioni strategiche”, ha scritto un articolo per Kommersant (22.5, pag.1-2), in cui ha focalizzato l’attenzione su 5 miti e idee pericolose, le quali, a suo parere, “a priori non si possono utilizzare nelle riforme future”. Nel smentire questi miti l’ex ministro e vicepremier afferma che i tentativi di rigettare il regime di inflation targeting, aumentare la massa monetaria, “ammorbidire” l’attuale politica monetaria e di crediti, ecc, “complicherebbero maggiormente la soluzione del compito principale, ovvero l’assicurazione di uno sviluppo stabile e duraturo nel nostro Paese”.
  Nel frattempo il Rosstat ha reso noti molti dati statistici aggiornati che hanno confermato un aumento della produzione industriale (+2,3% ad aprile e +0,7% nei primi 4 mesi su base annua) nonché della domanda interna nel primo trimestre e ad aprile – (Vedomosti, 19.05, p.5; Expert № 21, p.6 ; Kom-t del 23.5, pag.2: link: https://www.kommersant.ru/doc/3304643) e Kom-t, pag.2, del 22 maggio.
 
  Venerdì 26 maggio, durante la “Giornata del businessman” in Russia, Boris Titov, difensore civico dell’imprenditoria locale e straniera operante nel Paese, presenterà la sua relazione annuale sui problemi legati alla difesa degli imprenditori. In anteprima ha illustrato i principali punti del documento nell’approfondita intervista rilasciata a RG (link: https://rg.ru/2017/05/21/v-rf-predlozhili-vvesti-nadzornye-kanikuly-dlia-vseh-novyh-predpriiatij.html 22.05, pag.1 e 7). Ha constatato che un anno fa sono stati evidenziati 231 problemi relativi al business, mentre quest’anno sono 269. “Se il problema non è stato risolto in un anno, verrà nuovamente incluso nella relazione”.
Da alcune recenti inchieste sociologiche si deduce che il 47% degli imprenditori ha rilevato un peggioramento della propria situazione finanziaria. Gli intervistati hanno evidenziato inoltre che: la revoca della licenza bancaria “paralizza l’attività aziendale”, il controllo da parte di varie strutture statali è diventato più accentuato e i businessmen accusati di un reato economico “sempre più spesso si trovano agli arresti domiciliari piuttosto che in carcere preventivo” – (RG del 17.5, pag.11, RBK del 18.5, pag.1 e 3, ecc).  
 
   Settori, grandi società e PMI:
 
  La rassegna delle pubblicazioni settoriali comincia dai commenti sull’aumento delle esportazioni russe. L’Eurostat ha riferito che nel primo trimestre l’export dalla FR verso i paesi d’Europa è aumentato del 47% su base annua: da 26,7 a 39,3 mld di euro. Nello stesso periodo l’import dall’UE in Russia è cresciuto del 28%: da 15,5 a 19,9 mld di euro. Fra i principali partner commerciali dei 28 Paesi dell’UE la Russia ha occupato il secondo posto, dopo la Cina, per l’importo del saldo positivo della bilancia commerciale, poiché vende in Europa maggiori volumi di merci e servizi rispetto a quelli acquistati. Allo stesso tempo alcuni analisti hanno rilevato che a marzo di quest’anno l’aumento dei volumi del commercio estero della FR, iniziato dalla seconda metà dello scorso anno, è lievemente rallentato – (Expert № 21, del 22 maggio, pp. 8-9: link: http://expert.ru/2017/05/17/torgovlya/ e 80).
 
  RG, pag.2 link: https://rg.ru/2017/05/22/reg-ufo/putin-postavil-zadachi-po-zondirovaniiu-zemli. html, Kom-t, p.3, Vedomosti, pag.2, e alcuni altri quotidiani di oggi (23 maggio) hanno prestato molta attenzione allo stato attuale e alle prospettive di sviluppo del settore missilistico e spaziale. I giornali hanno messo in evidenza che, secondo le massime autorità dello Stato, questo settore dovrà risolvere una serie di problemi tecnologici e finanziari e che Roscosmos potrebbe essere più attiva sul mercato mondiale dei servizi spaziali commerciali.
 
  I giornali hanno rivelato alcuni problemi ecologici che creano degli ostacoli “artificali” per un ulteriore sviluppo dell’industria del carbone (vedi, ad esempio, RG del 18.5, pag.4) e hanno notato come la mancanza dei semivagoni impedisce il trasporto regolare del sale tecnico, il cui mercato in Russia ha raggiunto 1 mln di tonnellate (Kom-t del 23.5, pag.9: il servizio è corredato da una tabella dei maggiori produttori del settore).
Vedomosti (19.5, pag.12) in un suo servizio ha evidenziato i camion più venduti nella FR (al primo posto quelli prodotti dal gruppo KamAZ: il 47,2% del totale) e ha descritto l’attività e alcuni nuovi progetti della compagnia Isuzu Rus, l’ex società mista paritaria “Sollers-Isuzu”. A questo proposito, il CdA della Sollers ha raccomandato di non pagare i dividendi dell’anno 2016, durante il quale la società ha ottenuto un utile di 1,6 mld di rubli ma ha superato il limite del rapporto tra il debito netto e l’EBITDA – (Kom-t del 22.5, pag.11).
 
  Lo scorso anno il mercato russo dei servizi tecnici per l’auto ha superato 500 mld di rubli e continua a crescere in seguito all’aumento del periodo medio dell’esercizio di una macchina da 3 a 4-5 anni. Poco tempo fa il gruppo “Yandex” ha annunciato il lancio di un aggregatore per i centri di manutenzione tecnica delle autovetture – (RBK del 15.5, pag.12-13). Negli ultimi giorni alcune testate hanno focalizzato l’attenzione sul mercato russo dei taxi, tanto criticato e discusso dai professionisti, dalla polizia stradale e dai suoi passeggeri. Kommersant (19.5, l’intera pagina 13: link: https://www.kommersant.ru/doc/3299840) ha scrupolosamente evidenziato numerosi aspetti del mercato dei taxi online. RG (19.5, pag.6), invece, ha parlato con il deputato della GosDuma Viaceslav Lysakov sulla nuova legge federale “Sul taxi” che ha passato la prima lettura nella Camera bassa dell’Assemblea federale.
 
  Agli esperti e analisti segnalo che i giornali hanno scritto inoltre sullo stato e sui programmi di alcuni altri settori come:
 
la produzione crescente della carne di tacchino – (Kom-t del 12.5, pag.12; Vedomosti del 16.5, pag.8-9 link: https://www.vedomosti.ru/business/characters/2017/05/15/689912-naum-babaev un’intervista al grande imprenditore Naum Babaev, e del 19 maggio, pag.18); l’industria e il mercato del tabacco – (Kom-t del 15.5, pag.3: l’ampia conversazione con Deen Ghilfillan, direttore generale della JTI Russia); i mercati russi di Internet, della TV e del cinema – (Kom-t del 5.5, p.7 e 10, e del 17.5, pag.9).  
 
   Altre informazioni:
 
- la compagnia Lukoil investirà $4,5 mld nell’estrazione del petrolio dai giacimenti nel Mar Baltico – (Profil № 19 del 22 maggio, pag.36;
 
- nel 2016 la percentuale degli acquisti dei software “made in Russia” per le società a partecipazione statale è salita al 94% del totale – (Izvestia del 18.5, pag.2);
 
- l’anno scorso la compagnia di bandiera Aeroflot ha trasportato 29 mln di passeggeri e ha servito 43,4 mln di clienti, occupando per questo indicatore il 19o posto al mondo – (RG del 22.5, p.2: link: https://rg.ru/2017/05/22/dmitrij-medvedev-obsudil-rabotu-aeroflota-s-rukovodstvom-kompanii. html);
 
- la RŽD (Ferrovie Russe SpA) ha chiesto ai partner cinesi di aumentare l’importo del debito, migliorare le condizioni di finanziamento della costruzione della ferrovia ad alta velocità Mosca- Kazan’ e di ridurre il tasso d’interesse sui crediti attuale del 4% annuo – (Kom-t del 19.5, pag.11);
 
- due membri del Consiglio della Federazione hanno presentato alla GosDuma una bozza di legge che prevede un irrigidimento della responsabilità personale per il commercio di SIM card – (Kom-t di oggi 23 maggio pag.13).  
 

Finanza, fisco, dogana, leggi, settore assicurativo 

   Quale corso del cambio del rublo è necessario attualmente per la Russia? Quali sono i criteri per determinare questo corso? Bisogna gestirlo in qualche modo? Nel rispondere a queste e a molte altre domande il settimanale Profil, insieme a un gruppo di analisti e imprenditori, è giunto alla conclusione che attualmente “il governo e la Banca centrale hanno concetti diversi relativi al corso del cambio del rublo” (№ 19 del 22.5, pag.8-13: link: http://www.profile.ru/economics/item/117396-poterya-kursa).
 
   Nel trattare le diverse problematiche del settore bancario RBK del 17.5, pag.1 e 8, ha condiviso il parere della Banca Centrale (BCR), ovvero che nel periodo 2016-2017 i fondi d’investimento, le compagnie assicurative, le organizzazioni microfinanziarie e alcuni altri operatori sono stati molto più attivi sul mercato finanziario russo rispetto agli istituti di credito.
 
  Altri quotidiani hanno riferito sul sostegno della Banca Centrale al settore bancario della Siberia e dell’Estremo Oriente – (RG del 19.5, pag.4) e sul permesso della BCR alle compagnie assicurative di conservare per un altro anno le obbligazioni non incluse in vari rating – (Vedomosti del 12.5, pag.15).
 
  Nell’edizione del 22 maggio RBK ha illustrato e commentato l’intenzione della Tin’koff Bank di “collocare gli eurobond perpetual per un importo pari a $300 mln” (pag.10 link: http://www.rbc.ru/finances/22/05/2017/591f00709a794732df6fcc98).
 
   Agli analisti segnalo un’analisi approfondita di Expert (№ 19 del 22.5, pag.15-23) delle varie conseguenze del regime di inflation targeting introdotto in Russia dal novembre del 2014.
 
   La stessa BCR ha pubblicato sul suo sito diverse informazioni dalle quali si deduce che lo scorso anno i redditi di 134 top manager dell’istituto hanno superato 1,83 mld di rubli, ovvero il 6,7% in più rispetto all’anno precedente. Per gli stipendi di tutti i dipendenti della Banca centrale nel 2016 sono stati stanziati 91,54 mld di rubli, il 4,7% in più rispetto al 2015 – (Kommersant del 23.5, pag.10).  
 
 
 Cari lettori, grazie per l'attenzione. 

Cordiali saluti.
A cura di Valerij Shvetsov
e-mail: valerio.m@yandex.ru
Telefono - cell: +7 (916) 531-04-45

 


 Associazione Conoscere Eurasia - Via dell'Artigliere, 11 37129 Verona Italia - C.F. 93197240232 - P.IVA 03739750234 T: +39 0458020904 F: +39 0459299924 M: info@conoscereeurasia.it