Rassegna della Stampa Russa - 23.08.2013

 

 

Eventi, problematiche e dati statistici generali

*          Esattamente un anno fa, il 22 agosto del 2012, dopo 18 anni di trattative, colloqui e discussioni la Federazione Russa ha finalmente formalizzato l’ingresso nel WTO. Nel fare il bilancio dell’anno passato Maksim Medvedkov, capo dipartimento delle trattative commerciali del Ministero dello Sviluppo economico, in unl’ampia intervista rilasciata a “Rossijskaja gazeta” (“RG”; 22.8, pag.1 e 3) ha rilevato che “i dicasteri e la comunita` imprenditoriale pian piano si adeguano alle regole e alle norme dell’Organizzazione, che controlla il 97% del commercio mondiale”.  Dopo molti anni in una posizione principalmente difensiva il Paese si trova in un’altra situazione: “noi dobbiamo assolvere ai nostri obblighi e possiamo chiedere la stessa cosa dai nostri partner”.  Medvedkov ha evidenziato una serie di problemi, che ostacolano un comportamento piu` attivo nell’ambito del WTO (la mancanza del personale e della Rappresentanza; l’inerzia dell’Organizzazione, ecc.). Inoltre ha espresso la speranza che gli imprenditori suggeriranno al Ministero i loro obiettivi per almeno il prossimo decennio, cosa che consentira` di aumentare i vantaggi che dovrebbero provenire dall’adesione al WTO. Secondo molti esperti, anche quelli citati da “RG” (vedi inoltre “”Kommersant” del 22.8; pag.2, e “Vedomosti”, del 23 agosto,pag.4), fino a oggi soltanto i grandi retailers hanno ricevuto notevoli vantaggi dell’ingresso nel WTO. Nello stesso tempo rimangono delusi gli esportatori, poiche` contro societa` e aziende russe sono ancora in vigore circa 100 limiti e restrizioni; tra i settori  gia` “danneggiati” sono l’agricoltura e l’industria leggera.  

*          Dall’8 al 12 settembre a Mosca avranno luogo la Conferenza annuale e l’Assemblea generale dell’Associazione internazionale dei procuratori, un’organizzazione non governativa e non politica che rappresenta 250mila procuratori di 151 Paesi. Nella capitale russa  arriveranno circa 700 ospiti stranieri, compresi alcuni procuratori italiani; in totale all’importante assise parteciperanno 1 000 persone. Intervistato  da “RG” del 21 agosto (pag.1 e 4), il viceprocuratore generale della Federazione Russa Aleksandr Zvjaghintsev con ricca dovizia di particolari ha illustrato i pricipali punti dell’odg  e delle discussioni fissate durante i suddetti due eventi. Soprattutto si parlera`  delle direzioni e delle forme di attivita` dei procuratori, nonche` delle tendenze di sviluppo delle Procure nazionali, dell’elaborazione di alcuni standard internazionali dell’attivita` procuratoria nel XXI-mo secolo. Senz’altro saranno discusse le questioni, relative alle garanzie dell’indipendenza e dell’efficienza dell’attivita` dei procuratori e a un’uleriore ampliamento della loro collaborazione e l’interazione, legate tra l’altro alla restituzione dai Paesi stranieri di beni ottenuti illegalmente, all’estradizione di criminali e di delinquenti e alla lotta alla criminalita` internazionale.

*          In quest’ultimi giorni i mass-media e l’opinione pubblica  hanno  quasi “trascurato” gli avvenimenti successi in Russia tra il 19 e il 22 agosto del 1991.  La maggioranza delle persone intervistate dai sociologi del “Centro Levada” ha avuto difficolta` ad esprimere un giudizio univoco sul quanto e` accaduto in quel tempo: il 54% dei partecipanti al sondaggio non ha appoggiato nessuna delle due parti del “conflitto per il potere” e il 33% ha evidenziato soprattutto le conseguenze disastrose della “Rivoluzione di agosto” (nel 2001 tale parere e` stato espresso dal 25% degli intervistati). Intanto, dopo la “spinta” di quei  quattro giorni in pochi mesi la Russia ha cambiato tutto: lo Stato (con la fine dell’URSS in dicembre), le forme di proprieta`, l’ideologia, le elite` governanti, il tenore di vita. Ma in seguito a quei cambiamenti radicali “l’economia si  ridusse  all’uso  esclusivo dei redditi provenienti dalle esportazioni di petrolio,   di gas e di metalli”.  Nel confrontare  l’attuale  Russia  e   l’Unione Sovietica del 1991  Leonid Radzikhovskij, osservatore del giornale governativo “RG” (21.8, pag.3; vedi inoltre “Vedomosti” del 20.8, pag.6),  in un’articolo molto polemico nei confronti delle autorita` ha tratto la seguente conclusione: “Adesso non vediamo assolutamente la minaccia di un eventuale cambio del regime. L’attuale “sistema Russia” – che sia “cattivo” o “molto cattivo”  - e` troppo comodo  per molti, non ha una reale alternativa, e  per tutto cio`  e` abbastanza stabile”.

 

 

Economia, settori e mercati, grandi aziende e PMI

*          I dati preliminari del “Rosstat” (v. “Kommersant” del 20 agosto; pag.3) sull’aumento in luglio degli investimenti nei vari settori (+2,5% su base annuale; nell’edilizia e nelle costruzioni addirittura +6,9% dopo il calo del 7,9% in giugno) e del consumo privato (favorito dal rallentamento dell’inflazione annua al 6,5%, dall’incremento dei salari reali fino al 6% e dalla diminuzione della disoccupazione al 5,3%). Secondo l’Ufficio di statistica e il Ministero dello Sviluppo economico, nel primo semestre il PIL e` aumentato dell’1,4 per cento. Tutti questi dati positivi hanno sorpreso gli economisti e gli analisti, che prendono in considerazione soprattutto il peggioramento continuo dei settori chiave dell’economia nazionale: parecchi esperti hanno deciso che “il pericolo di una recessione per ora e` rinviato” (“Vedomosti”; 20.8; pag.5).     D’altra parte molti economisti “indipendenti” e dell’”Istituto Gaidar” insistono che “la politica dell’aumento delle spese statali non e` capace di accelerare la crescita del PIL per lungo tempo, e per questo il Paese si trovera` sull’orlo della recessione ancora per un periodo notevole” (“Nezavisimaja gazeta” del 21 agosto; pag.1 e 4).

     Nei primi 6 mesi  il numero di imprenditori individuali e` diminuito di 474mila persone; inoltre e` calato il totale delle PMI e dei dipendenti di queste imprese, sono peggiorati vari indici della loro attivita`. Al fine di cambiare le tendenze negative dello sviluppo del piccolo e medio business il Ministero economico ha proposto varie misure di sostegno alle PMI: assicurare l’accesso ai crediti a lungo termine; liberare per esse alcune nicchie nei mercati competitivi; stimolare l’uscita degli  imprenditori dal “sommerso”, eccetera.   “Izvestia” (22.8; pag.1-2; vedi inoltre “Vedomosti” pag.4, e “Kommersant”, pag.2, di oggi, 23 agosto) ha riferito che secondo i calcoli del dicastero, bisogna aumentare il sostegno annuale alle PMI durante il prossimo triennio  da 70 a 200 mld. di rubli (un po’ meno di 5 miliardi di euro).         Il settimanale “Itoghi” (№ 33 del 19.8; pag.10) ha pubblicato le opinioni di 9 capi di aziende e di imprenditori sul richiamo del noto arciprete ortodossso Vsevolod Ciaplin di discutere la questione quale economia e` migliore: quella del consumismo sfrenato o un’economia basata sullo “sviluppo sostenibile”?

*          Ultimamente i giornali hanno trattato la situazione e le prospettive dei seguenti settori:   

complesso industriale militare (l’anno scorso comprendeva 1340 compagnie, aziende e stabilimenti, di cui 1131 SpA; piu` di 2 mln. di dipendenti)  -   il vicepremier Dmitrij Rogozin ha approfonditamente illustrato i moltissimi e notevoli cambiamenti dei vari segmenti e delle  relazioni degli industriali col Ministero della Difesa, avvenuti negli ultimi 18 mesi e ha dato rilievo alle prospettive delle costruzioni navali e aeree. Inoltre ha categoricamente dichiarato che “l’esecuzione delle commesse belliche statali non puo` dipendere dal Ministero delle Finanze-“Kommersant”; 22.8, pag.1 e 4.  In un suo ampio servizio “RG” (21.8; p.6) ha messo in risalto il fatto che durante un’esposizione i dirigenti del Ministero della Difesa hanno trovato molte innovazioni e prodotti sofisticati, necessari all’Armata Russa (uniforme digitali, simulatori computerizzati, robot-genieri, esoscheletri, ecc.) e costruiti non solo da grandi societa` affermate ma anche da studenti di varie universita` e di istituti superiori di Mosca.     Nella stessa edizione il quotidiano in un lungo articolo della pagina 11 ha descritto come la Russia, in conformita` agli Accordi internazionali, distrugge le riserve di sostanze chimiche belliche: al primo agosto piu` di 30 000 tonnellate su 40mila ton. accumulate;           

settore spaziale missilistico  -   “RG”  nelle edizioni del 21.8 (pag.4) e del 22.8 (pag.5) ha fatto il bilancio di 2 anni della riforma del settore (“il miracolo non e` avvenuto”) e ha messo in evidenza le numerose proposte piu` interessanti e realizzabili, raccolte e studiate dall’Agenzia “Roscosmos” e atte a ristabilire per la Russia lo status di potenza spaziale mondiale;

industria aeronautica  -   quest’anno in Russia saranno prodotti 321 elicotteri, il doppio rispetto al 2009. Nei prossimi anni sara` prestata la maggiore attenzione alla fabbricazione di elicotteri civili: secondo Vladimir Putin, nel 2020 la compagnia “Elicotteri russi” dovra` produrre non meno di 470 velivoli. Per sostenere questo segmento dell’industria aeronautica saranno stanziati in aggiunta circa 36 mld.di rubli   -  “RG”, pag.2, e “Vedomosti”, pag.2, di oggi, 23 agosto. Nell’edizione “RG” ha pubblicato inoltre (pag.3) la prima parte della conversazione con Mikhail Pogosjan, presidente della Compagnia Aeronautica Unita, dedicata alla storia e alla ripresa del settore, nonche` alle caratteristiche migliori dell’aereo regionale “Sukhoi SuperJet – 100”;

porti marittimi     -  dopo la costruzione nell’ultimo decennio di moderni porti nel Mar Baltico, nei mari del Nord e dell’Estremo Oriente, nonche` nel Mar Nero l’anno scorso  tramite il complesso portuale sono state trasportate 564 mln.di tonnellate  di merci, il 25% di piu` rispetto al picco stabilito nell’URSS nel 1984. L’ulteriore sviluppo del settore fino al 2030 sara` realizzato in seguito alla modernizzazione dei porti esistenti nel Mare di Azov e del Mar Nero,  grazie alla costruzione del porto “Taman’” (adesso la compagnia di gestione ha acquistato soltanto due ettari (60 mln.di rubli) su 300 ettari assegnati) e alla formazione di tariffe piu` attraenti   -  (“Nezavisimaja gazeta”, pag.4, e “RG”, pag.2, del 21 agosto; “RBK daily” del 22.8; pag.7);

industria forestale   -  per rispondere a certe aspettative di una parte delle compagnie-produttrici ed esportatrici di legno il Ministero dell’Industria e del Commercio ha proposto di abolire le modalita` vigenti sulla conferma della legalita` del prodotto esportato -  “Izvestia” (20.8; pag.2);

mercato farmaceutico e la situazione della Sanita`  -  “RG” (21.8; pag.4) ha enfatizzato l’uscita sul mercato di decine di nuovi medicinali efficaci, prodotti da aziende russe in sostituzione di quelli stranieri, molto costosi. “Kommersant” (21.8; p.10) in una sua rassegna sull’aumento della pubblicita` in “Runet” (“Internet russo”; +13% su base annua) ha evidenziato, che nei primi 6 mesi le compagnie farmaceutiche hanno aumentato i budget pubblicitari di 2,3 volte (la pubblicazione e` corredata dalla “TOP-20 dei committenti di annunci pubblicitari). “Nezavisimaja gazeta” (14.8; pag.1 e 4) ha riferito che nonostante le dichiarazioni delle autorita` federali e regionali, riguardanti l’aumento delle spese per la Sanita`, in diverse regioni continuano gli scioperi del personale medico. Secondo i ricercatori indipendenti, adesso un russo su cinque non puo` ricevere una decorosa assitenza medica. Nel frattempo il Ministero della Sanita` intende (finalmente!) introdurre un “tetto” per lo stipendio di primario (8 volte  il salario medio dei dipendenti), perche`, per esempio a Mosca, i redditi di parecchi dirigenti oscillano tra  2 e 10 milioni di rubli (circa 47 -235 mila euro) l’anno.

*           “Kompanija” (№ 29 del 12.8; pag.58-60) ha riportato un’ampia analisi della rinnovata struttura del mercato luxury nel mondo e in Russia.  L’anno scorso il volume del mercato russo e` salito a 5,8 miliardi di US$ con un aumento del 9,7% sul 2011. Si prevede che quest’anno il mercato aumentera` del 5,4% (“gioielli” +3,2%, “abbigliamento” +5,7%, ecc.).  Nello stesso settimanale (№ 30 del 19.8; pag.34-39) addito la lunga e triste “storia”  dello “Studio cinematografico Gorkij” (fondato nel 1915), che non ancora uscito completamente dalla crisi del precedente decennio, trova delle enormi difficolta` finanziarie, in particolare  per girare un nuovo film per l’infanzia.

 

Studiamo i Territori e le Regioni della Federazione Russa  

*          Dalla ricerca degli organi tributari risulta che al primo di luglio il totale di crediti ipotecari arretrati ammontava a 41,8 mld.di rubli (circa 1 miliardo di euro), cioe` all’1,8% del portafoglio ipotecario delle banche.  Tra i leader delle regioni “poco predisposte” a estinguere debiti ci sono la Repubblica dei Ceceni (l’8% dell’ipoteca arretrata pari a 26 mln.di rubli), la citta` di Mosca (il 4,7%; 13,7 miliardi) e la Regione di Mosca (il 4,1%; 7,4 mld.di rubli). Secondo la Banca centrale, nel primo semestre gli istituti finanziari hanno concesso per i crediti ipotecari i 614 mld. di rubli (piu` di 15 mld. di euro), il 37% di piu`, rispetto al medesimo periodo del 2012  -    (“Izvestia” del 20.8; pag. 1 e 3).

*          “Ekspert” (№ 32 del 12.8; pag.26-27) e “Kompanija” (№ 30 del 19.8; pag.40-44) hanno  riferito sulla costruzione della ferrovia dal fiume Amur (Estremo Oriente) fino alla Repubblica di Jakuzia (Estremo Nord) che sara` ultimata entro la fine dell’anno dopo 28 anni di lavori. La ferrovia passa vicino ai ricchissimi ma difficilmente raggiungibili giacimenti di carbone, uranio, minerali ferrosi, ecc.  Per collegarla con la capitale Jakutsk bisognera` costruire “il ponte piu` costoso  della Russia”.  Nel periodo sovietico era prevista la costruzione di un ponte misto (strada - ferrovia).   Secondo una  delibera del governo dello scorso aprile, in futuro sara` costruito solo il ponte autostradale.  Il vincitore  della  gara  d’appalto, che  sara` anche il concessionario dell’opera, sara` reso noto tra l’8 e il 14 gennaio del prossimo anno.

*          Durante la riunione a Pjatigorsk il premier Medvedev e il ministro delle Finanze Siluanov hanno discusso con i dirigenti delle piccole Repubbliche del Caucaso Settentrionale misure e provvedimenti mirati ad accelerare lo sviluppo economico e sociale di quei territori. Attualmente le agevolazioni fiscali in questo Distretto federale superano 2 volte quelle nazionali, cresce costantemente il numero degli impiegati statali e l’aumento dei finanziamenti dal Bilancio federale non risolve i problemi sociali – (“Kommersant”; 20.8; pag.1 e 3). E` significativo che negli ultimi 5 anni l’aiuto finanziario della Russia all’Ossezia del Sud (non fa parte della Federazione) e` ammontato a $45-113mila per ogni abitante, mentre le spese del Bilancio per ogni abitante della Russia sono solo 12 100 US$  - “Kompanija” № 29 del 12.8; pag.27.  Nell’edizione del 19 agosto lo stesso settimanale ha pubblicato (pag.26-31) un’ampio “profilo” di Andrej Turciak, governatore della Regione di Pskov (parte europea della FR).

*          Negli ultimi 10 giorni “RG” ha dato alle stampe una serie di lunghi servizi e rassegne, dedicati ai vari aspetti della vita sociale ed economica nella Regione di Stavropol (14.8; pag.11), nella Regione di Penza (21.8; pag.12-13), nonche` nelle Regioni di Kemerevo (Siberia; 22.8; pag.4) e  di Magadan (Estremo Nord-Oriente; 23.8; pag.12).

*          Il settimanale “Profil” (№ 30; pag.29) ha riferito che la preparazione e lo svolgimento dell’Universiade nella citta` di  Kazan’ sono costati enormi spese (circa 230 mld.di rubli, piu` di 5 mld.di euro), ma in seguito la capitale della Repubblica di Tatarstan ha radicalmente rinnovato il sistema di trasporti ed e` stata dotata di parecchi stadi e impianti sportivi moderni.  “Ekspert” (№ 33 del 19.8; p.56-57) nel riferire su come la Regione di Rostov ha avviato i preparativi per i Mondiali di calcio del 2018 ha messo in evidenza che nel territorio saranno realizzati diversi grandi progetti per ammodernare le infrastutture ingegneristiche, dei trasporti, sportive e alberghiere.

*          La costruzione delle case distanti meno di 30 km. da San-Pietroburgo puo` essere sospesa: a parere dei funzionari del governo locale, tale provvedimento potrebbe dare una spinta allo sviluppo delle zone industriali  -  “Kommersant” del 12 agosto; pag.7 e 9.  Intervistato dallo stesso quotidiano (15.8; pag.4 e 7), Oleg Shakhov, sindaco della citta` di Khimki (distretto municipale che fa parte della Regione di Mosca), ha illustrato alcuni dei punti chiavi del piano regolatore, ha prospettato la costruzione di una “metropolitana leggera” (avversata dal governo di Mosca) e valutato le prospettive di ampliamento dell’autostrada Leningradskaja.

 *       Tra i prossimi importanti eventi nella vita della Regione di Mosca il giornale “Izvestia” (15.8; pag.1 e 6) ha evidenziato la probabile unione di piccoli paesi vicini, il che portera` alla formazione di una decina di nuove citta` (adesso ci sono 113).       Il f.f. di governatore della stessa Regione Andrej Vorob’jov ogni giorno tramite la posta elettronica riceve fino a 200 lettere e messaggi inviati da abitanti del Territorio. Nella conversazione con “RG” (22.8; pag.1 e 6) ha risposto ai quesiti piu` impegnativi e ha esposto la soluzione di vari problemi regionali. Ha rilevato tra l’altro che nei precedenti 4 anni sono stati rifatti  250 km di autostrade e che quest’anno, grazie agli investimenti di 5,7 miliardi di rubli, saranno ricostruiti 1 353 chilomentri  di strade regionali e  intermunicipali.

*          Tra le numerose, come sempre, pubblicazioni sulla vita e le problematiche della citta` di Mosca  segnalo soprattutto le interviste a  Marat   Khusnullin,  dirigente  del complesso edilizio e delle costruzioni urbane (“RBK daily”; 22.8; pag.5)  e  con   Serghei Kuznetsov, architetto capo della capitale, di 35 anni (“RG” di oggi, 23 agosto, pag.9).    Sui vari  giornali si e` letto inoltre: della costruzione di un grande e moderno stabilimento elettrometallurgico al confine tra Mosca e la Regione di Kaluga (“Ekspert” № 32 del 12.8; pag.35); della ripartizione del mercato del retail commerciale  (“Kompanija” № 30; pag.18-24) e del costo della pubblicita` out-door: i commitenti della pubblicita` per aver il diritto di piazzarla nei prossimi 10 anni pagheranno 75 mld.di rubli, mentre nel precedente decennio l’amministrazione ha incassato dagli operatori del mercato “soltanto” 19 miliardi   - (“Vedomosti”, pag.1 e 19, e  “Kommersant”, pag.7 e 10, del 20 agosto).

 

 

Finanza, fisco, dogana, leggi, settore assicurativo  

*          Dallo scorso giugno il corso del cambio del rublo e` notevolmente diminuito. Gli economisti interpellati a questo proposito da “RG” (21.8; pag.1 e 4) hanno evidenziato 5 principali cause di questo calo: il rallentamento dell’economia; il calo dei valori di altre valute; la “fuga” di capitali; un peggioramento della bilancia commerciale del Paese, nonche` diversi fattori stagionali (pagamento di dividendi agli azionisti, aumento di turisti all’estero, ecc). 

    Ieri Serghej Shvetsov,  primo vicepresidente della Banca Centrale, ha categoricamente smentito le “voci” sul famigerato “indebolimento del rublo”. A suo parere, “tutte le oscillazioni attuali son legate al passaggio al corso liberamente fluttuante della divisa nazionale” (“RG” di oggi, 23.8; pag.5). Dal prossimo primo di settembre lo stesso Shvetsov diventera` “capo del Servizio della Banca centrale per i mercati finanziari”, cioe` che colui dovra` controllare tutti gli operatori del settore. Adesso parecchi esperti ed “addetti ai lavori” cercano di prevedere l’influenza di questa nomina sulla loro attivita` (vedi per esempio “Kommersant”, pag.7-8, e “RG”, pag.3, del 22 agosto).

*          Nell’analizzare la situazione e l’attivita` del settore bancario “Kommersant” (21.8; pag.8, e 23.8; pag.1 e 8), nonche` “Profil” (№ 30; pag.38 - 39)  hanno messo in evidenza che gli istituti finanziari cercano nuove fonti di guadagno e prestano maggiore attenzione al segmento delle rimesse,  alla crescita dei crediti, concessi principalmente al settore commerciale,  e ai clienti piu` ricchi e agiati. 

   “Ekspert” (№ 33 del 19.8; pag.34-41) ha fatto l’analisi del valore dei crediti al consumo e ha previsto che, nonostante la maggiore trasparenza di molti prodotti bancari, “la diminuzione reale dei tassi d’interesse non avverra` in breve  tempo”. Da parte sua il settimanale “Kompanija” (№ 30 del 19.8; pag.54 - 57) ha dato rilievo all’aumento dell’interesse al servizio Cash Management, ultimamente sviluppato da parecchi istituti finanziari.  “Nezavisimaja gazeta” (21.8; pag.4) ha brevemente riferito che in luglio la Banca centrale ha aumentato le riserve internazionali  di 6,22 tonnellate di oro.  In tal modo al primo di agosto il valore dell’oro nelle suddette riserve e` arrivato a $42,63 miliardi, il 10 per cento di piu`, rispetto al mese precedente.

*          Infine, segnalo un sunto  sulla ricerca realizzata dai giornalisti ed esperti di “Vedomosti” (19.8; pag.20-21) che hanno cercato e ...  hanno trovato gli investitori russi impegnati a salvare la “Sauber Team”, una delle squadre della “Formula 1”.

 

Cari lettrici e lettori, grazie per l’attenzione.

Distinti e cordiali saluti.

 

 

A cura di Valerij Shvetsov (con la collaborazione di Canzio Cavallini)

e-mail: valerio.m@unimpresa.ru

Telefoni: ufficio +7 (495) 411-79-48 (int. 3413); cell: +7 (916) 531-04-45

www.confindustriarussia.it


 Associazione Conoscere Eurasia - Via dell'Artigliere, 11 37129 Verona Italia - C.F. 93197240232 - P.IVA 03739750234 T: +39 0458020904 F: +39 0459299924 M: info@conoscereeurasia.it