Rassegna della Stampa Russa - 24.03.2017

 

 

Eventi, problematiche e dati statistici generali 

   Vladimir Putin nel suo intervento alla riunione della Commissione per la cooperazione militare e tecnica con l’estero (22 marzo) ha rivelato con soddisfazione che l’anno scorso la Federazione Russa ha mantenuto il secondo posto al mondo per le esportazioni di armi e di tecnica militare. Il loro totale ha superato $15 mld (nel 2015 $14,5 mld) e la quota del mercato globale è salita al 23% (negli USA è del 33%). Il Presidente ha ribadito la necessità di aumentare ulteriormente l’export di armamenti e il relativo portafoglio di ordini, che attualmente ammonta a 50 mld di USD – (Rossijskaja gazeta (RG), pag.2, Izvestia, pag.2, Kommersant (Kom-t), pag. 1 – link http://www.kommersant.ru/doc/3249489) e alcuni altri quotidiani del 23 marzo).
 
  Nello stesso giorno Putin ha accolto il presidente del gruppo BASF Kurt Bock. Nella conversazione ha sottolineato che il progetto Nord-Stream-2 ha un carattere esclusivamente economico e “non è diretto contro i partner. La Russia è disposta a continuare le relazioni con tutti i Paesi, compresa l’Ucraina” – (RG del 23.3, pag.2).
 
   Entro il prossimo maggio la Russia estinguerà l’ultimo prestito estero dell’Unione Sovietica. In conformità all’accordo intergovernativo firmato martedì 21 marzo, l’importo del suddetto prestito arretrato pari ai 125 mln di USD sarà trasferito alla Bosnia-Erzegovina in una tranche – (RG del 22.3, pag.5).
 
   Fiodor Luk’janov, presidente del consiglio per la politica estera e della difesa, ha scritto un ampio commento in occasione del 60° anniversario della fondazione della Comunità Economica Europea. L’autore ha analizzato i vari aspetti dello sviluppo della Comunità e della situazione attuale dell’Unione Europea. A suo parere, qualora prevalessero le tendenze attuali della situazione globale e nel continente, “i progressi davvero importanti dell’integrazione raggiunti in Europa occidentale potrebbero diventare un soggetto della storia e non della politica attuale” – (RG del 22.3, pag.8 – link https://rg.ru/2017/03/21/lukianov-dostizheniia-evrointegracii-mogut-okazatsia-predmetomistorii.html).
 
   Negli ultimi giorni alcuni quotidiani hanno riferito che il governo russo sta esaminando l’opportunità di subordinare il Servizio statistico federale, Rosstat, attualmente dipendente dal CdM, al Ministero dello Sviluppo Economico. A parere del ministro Maksim Oreshkin, i dati statistici relativi ad un “peggioramento” della situazione economica a febbraio, “non rappresentano il quadro reale e per questo motivo saranno revisionati” – (Kom-t, pag.1-2, del 22.3; RG, pp.1-2, del 23.3, nonché RBK, pag.7, di oggi 24 marzo: il parere contrario dell’economista Aleksashenko).
 
   I ricercatori della compagnia Nielsen hanno accertato che nel 2016 i russi hanno prestato maggiore tempo ai vari intrattenimenti (cinema, teatro, musei, caffetterie, ristoranti, ecc) rispetto all’anno precedente. Gli studiosi hanno fatto notare che la crescita della relativa domanda da parte della popolazione non è ancora stabile ed è spiegata in misura maggiore da motivi e fattori psicologici rispetto a quelli economici e finanziari – (RBK del 22 marzo, pag.13).
 
  Domani (25 marzo) milioni di russi parteciperanno a numerose manifestazioni della tradizionale, già decima, azione globale “L’ora della Terra”. Alle 20.30 (ora locale) oltre 20 milioni di abitanti di varie regioni e città, dall’Ovest all’Est, spegneranno per un’ora la luce elettrica a casa, l’illuminazione in diverse parti delle città, ecc. In quest’ora a Mosca avranno luogo una corsa ciclistica, diversi incontri “al buio” nei locali, ecc. Lo scopo principale di questa azione mondiale, come ha precisato Igor’ Cestin, direttore di WWF in Russia, – “è richiamare la gente a proteggere, salvaguardare l’ambiente e confermare la responsabilità umana per l’esistenza e la futura vita del nostro pianeta” – (Internet, Metro, Mosca Sera e gli altri quotidiani del 22-24 marzo).  
 

Economia 

   Situazione generale:
 
  Nel descrivere i diversi fattori dell’economia russa i giornali hanno rivelato che: il 26% delle aziende russe (14.500 società e stabilimenti, escluse le Pmi) lavora in passivo; il danno diretto provocato dalle sanzioni imposte a Mosca dall’Unione Europea nel 2015 ammontava a 25 mld di euro (il danno stimato dell’UE circa 50 mld di euro) e in realtà l’economia russa negli anni 2014-2015 ha perso molto di più in seguito al crollo dei prezzi del petrolio; a febbraio i prezzi dei produttori per il mercato interno sono aumentati del 15,1% su base annua – (Kom-t, p.2, del 21.3; RG, pag.7, del 20.3: un commento del presidente della Camera di Commercio e dell’Industria della Federazione Russa Serghej Katyrin – link https://rg.ru/2017/03/20/sergej-katyrin-sankcii-eto-nadolgo-no-nestrashno.html; RG, pag.4, del 22.3).
 
  Alcune testate hanno ripubblicato una previsione “generosa” dell’agenzia internazionale Bloomberg: a parere dei suoi analisti, alla fine di quest’anno la Russia entrerà nei primi 3 Paesi del mondo per i ritmi di crescita economica: +1,4% rispetto all’anno precedente in seguito innanzitutto al ristabilimento dei prezzi degli idrocarburi.
 
L’accademico Viktor Ivanter ha sostenuto che le proposte comuni di sviluppo formulate dai “4 big del business russo”, ovvero la Camera di Commercio e dell’Industria, la RSPP, nonché le altre due organizzazioni imprenditoriali “Opora della Russia” e “Russia d’Affari”, potranno avere molta importanza per l’economia nazionale (“l’economia delle aspettative”, secondo Ivanter) se saranno accettate dalle autorità federali e regionali – (RG del 21.3, pag.11: l’articolo di Ivanter – link https://rg.ru/2017/03/20/ivanter-nuzhno-prekratit-zapugivat-liudej-novoj-pensionnoj-sistemoj.html e del 23.3, pag.5).
 
Segnalo Expert (№ 12 del 20.3, pag.21) che ha evidenziato una serie di cambiamenti apportati dal Fondo per lo sviluppo dell’industria alle condizioni dei suoi programmi al fine di ampliare il numero delle Pmi che potranno avere dei mutui diversificati dalla struttura federale.
 
  Il primo vicepremier Igor’ Shuvalov ha incaricato l’apparato del governo di definire i termini per dividere le concessioni (in cui lo stato rimborsa le spese dell’investitore privato) dagli acquisti statali. A questo proposito alcuni specialisti hanno evidenziato che l’esecutivo, un anno dopo una riforma delle procedure di controllo e di sorveglianza, ha accertato che in Russia “fino ad oggi mancano i principi generali del rilascio dei permessi d’attività e delle licenze agli imprenditori”. Stando ai dati della RSPP (l’Unione russa degli industriali e degli imprenditori), in realtà si applicano 541 suddetti principi e 199 tipi di controllo. Questo fatto avviene in un Paese in cui il numero degli statali è triplicato rispetto al quantitativo dei burocrati nell’URSS, anche se la popolazione è diminuita di 100 mln di persone negli ultimi 25 anni – (RG pag.2 del 22.3; Kom-t pag.1-2 del 15.3; Nezavisimaja gazeta del 23.3, pag.11 del supplemento Scienza).
 
  Infine segnalo l’edizione odierna di RG (24.3; link https://rg.ru/2017/03/23/rossii-predreklichetvertuiu-industrialno-tehnologicheskuiu-revoliuciiu.html ) con il supplemento in allegato Economia (pag.A1-A4), in cui si parla ampiamente dei programmi d’innovazione e delle proposte della Comunità libera degli economisti per il piano delle azioni del governo nei prossimi 7 anni. Il presidente della comunità Serghej Bodrunov ha ribadito che attualmente la Russia deve fare una scelta importante: “realizzare una rivoluzione tecnologica oppure restare nella periferia mondiale come una fonte di materie prime a buon mercato e di manodopera”.  
 
   Settori, grandi società e PMI:
  La stampa ha ultimamente prestato maggiore attenzione ai seguenti settori e mercati:
 
- l’agricoltura: si rileva che l’export di frumento russo è calato in seguito ad un rafforzamento del rublo; lo stato stanzierà circa 335 mld di rubli per i lavori primaverili nei campi e gli stabilimenti metalmeccanici russi non riescono ancora a soddisfare tutte le richieste ed esigenze dei produttori agricoli, ecc – (il supplemento settoriale a RG del 22 marzo, pag.A1-A4: link https://rg.ru/2017/03/22/petr-chekmarev-iarovoj-sev-prognoziruetsia-na-ploshchadi-527-mlngektarov.html );
 
- il mercato della radioelettronica: nel 2016 è aumentato del 13,7% su base annua e il suo totale ha raggiunto 3.300 mld di rubli malgrado un ristagno della situazione economica generale e le sanzioni americane contro maggiori stabilimenti e aziende – (Kom-t del 16.3, pag.9 e 12; il servizio è corredato da tabelle riassuntive dell’import e dell’export dell’industria);
 
- la produzione di benzina e di gasolio della classe 5: attualmente le capacità produttive sono esuberanti; ciò significa che la domanda interna sarà soddisfatta ed è probabile che nel prossimo anno i prezzi dei combustibili cominceranno a diminuire – (Vedomosti del 21.3, pag.13, Kommersant di oggi 24.3, pag.11);
 
- le vendite di nuove macchine per la costruzione e di tecnica speciale: l’anno scorso le vendite sono diminuite del 7%, a 6.000 unità; gli investitori stranieri sono preoccupati dell’intenzione delle autorità russe di introdurre nuove prescrizioni per la localizzazione della produzione, poiché il Ministero dell’Industria e del Commercio “non nasconde che la sua priorità è sostenere i metalmeccanici russi” – (Kom-t del 20.3, pag.9: link http://www.kommersant.ru/doc/3247351);
 
- l’edilizia e il mercato immobiliare, compreso quello degli uffici: a febbraio l’edilizia è calata del 17% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso; il gruppo “Osnova” dell’ex proprietario della grande società immobiliare “Morton” Aleksandr Rucijov sta investendo nei beni immobiliari commerciali tramite i fondi d’investimento di tipo chiuso; i tassi dei crediti ipotecari, che restano il principale finanziamento per le persone che vogliono migliorare le condizioni del loro alloggio, sono calati al “minimo storico”; oltre il 70% dei venditori di appartamenti sul mercato secondario è costituito dagli investitori; nella Regione di Mosca sono in voga le facciate colorate dei nuovi edifici – (Vedomosti del 21.3, pag.18, e il supplemento settoriale di 8 pagine a Vedomosti – link http://www.vedomosti.ru/realty/articles/2017/03/23/681942-zastroischiki-ukrashayut-doma-yarkimifasadami; Kom-t, pag.2, e RG, pag.12, del 21 marzo; i supplementi settoriali a Kommersant e a RG del 23 marzo);
 
- il mercato pubblicitario: nel 2016 è aumentato dell’11% e ha raggiunto un totale di 360 mld di rubli, di cui i 150,8 mld sono stati spesi per la pubblicità televisiva – (Kom-t; 22.3, p.7).  
 
   Altre informazioni:
 
- la compagnia MTS, leader della telefonia mobile, ha elaborato una nuova strategia di sviluppo orientata alla digitalizzazione, ai progetti big data, a Internet e all’e-commerce. La società Megafon diventerà l’unico proprietario della compagnia Euroset, mentre la società Vimpelcom pagerà circa un miliardo di rubli a Megafon e, in compenso, riceverà circa 2.000 saloni di Euroset – (RBK del 22.3, p.12-13, e Vedomosti del 21.3, pag.10, e del 23.3, pag.7)l - la diminuzione dei redditi della popolazione e l’aumento dei prezzi hanno provocato la diminuzione del consumo medio a 2,5 paie di scarpe all’anno – (RG del 21.3, pag.1 e 5);
 
- il Servizio Antitrust federale ha verificato come le grandi catene di distribuzione osservano la legge aggiornata “Sul commercio nella FR”. Il regolatore ha accertato 1.261 violazioni in 11.000 contratti con i fornitori stipulati nei primi tre mesi di quest’anno in 69 regioni. Le violazioni sono state commesse principalmente dai retailers regionali e municipali. È stato rivelato inoltre che le catene di distribuzione, come prima, spesso cercano di “spennare” le aziende fornitrici – (Kom-t, pag.1 e 10, e RG, pag.4 del 21 marzo);
 
- lo scorso anno la percentuale delle 10 maggiori catene di distribuzione di alimentari è aumentata del 3% su base annua: a parere degli esperti, questo è avvenuto soprattutto in seguito ad un rallentamento del mercato e all’uscita dal mercato di alcune catene minori. La classifica è capeggiata dalle catene X5 Retail Group (ha fatturato 1.025 mld di rubli), Magnit (1.004 mld) e Auchan Retail Russia (425 mld di rubli) – (RBK; 22.3, pag.11);
 
- quest’anno l’affluenza è notevolmente diminuita nei grandi centri commerciali di Mosca alla vigilia delle recenti feste del 23 febbraio e dell’8 marzo. A questo proposito gli operatori del settore commerciale hanno notato che “gli acquirenti rifiutano sempre più spesso acquisti “sentimentali ed emotivi” e si limitano a regali piuttosto modesti” – (Kom-t del 20.3, p.7 – link http://www.kommersant.ru/doc/3247319);
 
- il miliardario Timcenko entra nel settore della ristorazione: una sua società ha affittato e ristrutterà un ristorante nel territorio del complesso espositivo VDNKh – (Vedomosti; 23.3, p.11).  
 

Finanza, fisco, dogana, leggi, settore assicurativo 

   Molti quotidiani hanno commentato la principale notizia degli ultimi giorni per il settore bancario e per il sistema finanziario nazionale: Vladimir Putin ha proposto alla GosDuma di prorogare le mansioni di Elvira Nabiullina che ricopre la carica di governatore della Banca Centrale (BCR) dal 24 giugno del 2013. Questa volta il mandato di Nabiullina sara più lungo: non quattro ma cinque anni. Il Capo dello stato si è detto convinto che la Banca centrale governata da Nabiullina “continuerà a lavorare in modo autonomo e con sicurezza”.
RG, pag.2, Vedomosti, (pag.10 e 14) link http://www.vedomosti.ru/economics/articles/2017/03/23/682356-nabiullina-idet ), e alcuni altri quotidiani del 23 marzo hanno fatto un bilancio delle attività di Elvira Nabiullina. Hanno messo in risalto le diverse riforme chiave effettuate dalla Banca centrale nel periodo passato: della politica monetaria e di credito; del risanamento del settore bancario; nonché la trasformazione dei fondi pensione non governativi in società per azioni, ecc. La stampa ha evidenziato che negli ultimi 4 anni la BCR ha revocato la sua licenza a oltre 300 istituti finanziari di credito e che le esportazioni illegali di denaro sono diminuite di 9 volte: da 1.300 mld di rubli nel 2013 a “soli” 183 mld di rubli nello scorso anno. Con la Nabiullina la BCR ha introdotto la libera circolazione del rublo e ha impostato l’obiettivo di diminuire l’inflazione al 4% annuo nel 2017. I giornali hanno fatto notare che molti specialisti criticano le attività della governatrice proprio per la rigidità della politica monetaria e di credito.
  Dal 2014 Elvira Nabiullina fa parte della TOP 100 delle donne russe più influenti compilata dalla rivista Forbes. A gennaio di questo anno la rivista The Banker ha scelto Nabiullina come “il migliore governatore della Banca centrale in Europa”.
 
   Negli ultimi giorni la stampa ha trattato inoltre:
 
- le tendenze del controllo e della sorveglianza nel settore bancario – (Kommersant del 24 marzo, l’intera pagina 13 – link http://www.kommersant.ru/doc/3250166 );
 
- l’export illegale di $21 mld dalla Russia tra il 2011 e il 2014 – (RBK del 22.3, pag 1, 8 e 9: un ampio sunto della relativa indagine che ha investito 732 banche di 90 Paesi);
 
- il fondo di riserva del Capo dello Stato: quest’anno ammonta a 495 mln di rubli – (Vedomosti del 9 marzo, pag.2);
 
- una crescita accelerata del mercato delle assicurazioni negli ultimi 4 anni e i problemi dell’assicurazione medica obbligatoria – (Kom-t del 17.3, pag.10; Expert № 12 del 20.3, pag.28-31; Vedomosti del 21.3, pag.15);
 
- la stabilizzazione del numero di bancarotte: lo scorso anno è diminuito del 3% rispetto all’anno precedente – (Kom-t del 17.3, pag.2: la rubrica Monitoraggio).
 
  Nell’edizione del 22 marzo RG ha previsto un aumento della popolarità dei cosiddetti conti d’investimento individuali (pag.5 – link https://rg.ru/2017/03/21/u-rossiian-vyrastet-spros-naindividualnye-investicionnye-scheta.html ) e ha pubblicato (pag.12) un’intervista sulla trasformazione dell’Ente statale Goznak (stampa i contanti) in una società di azioni in cui ci sarà solamente un azionista: lo Stato.  
 

Verso i Mondiali di calcio 2018 in Russia 

  Dalle numerose pubblicazioni dedicate ultimamente alla prossima Coppa delle Confederazioni di calcio (17.06 – 02.07) che varrà come una prova generale del Campionato mondiale del 2018, abbiamo appurato che il portale http://stadiumdb.com/ ha classificato il nuovo stadio di Krasnodar al terzo posto fra le migliori arene sportive costruite nel 2016 e che per i tifosi che verrano in Russia nella seconda metà del mese di giugno saranno organizzati in aggiunta 260 treni speciali.
 
  La metropolitana di Mosca ha organizzato corsi di inglese per i suoi dipendenti e volontari che aiuteranno gli ospiti stranieri durante gli spostamenti all’interno della “metro più bella del mondo”. Inoltre tutti i dipendenti della metropolitana alla vigilia della Coppa riceveranno nuove uniforme e tute di servizio prodotte in due anni da alcuni tra i migliori stilisti russi in diverse fabbriche russe (Mosca Sera e Metro (http://www.metronews.ru/) del 21-23.03 – link http://www.metronews.ru/novosti/moscow/reviews/sotrudniki-stolichnogo-metropolitenapoluchat-novuyu-formu-k-futbolnomu-kubku-konfederaciy-1233111/ ).
 
  Aleksej Nemerjuk, capo del dipartimento del commercio e servizi del governo di Mosca, ha dichiarato che dalla metà di giugno tutti gli ospiti di Mosca non avranno problemi con il vitto: in un anno a Mosca sono stati aperti 500 nuovi ristoranti, caffetterie e pizzerie; una colazione veloce costerà 200 rubli, ovvero circa 4 euro – (RG di oggi 24 marzo, pag.4).  
 
 
 Cari lettori, grazie per l'attenzione. 

Cordiali saluti.
A cura di Valerij Shvetsov
e-mail: valerio.m@yandex.ru
Telefono - cell: +7 (916) 531-04-45

 


 Associazione Conoscere Eurasia - Via dell'Artigliere, 11 37129 Verona Italia - C.F. 93197240232 - P.IVA 03739750234 T: +39 0458020904 F: +39 0459299924 M: info@conoscereeurasia.it