Rassegna della Stampa Russa - 25.04.2017

 

 

Eventi, problematiche e dati statistici generali 

   Vladimir Putin ha firmato un decreto presidenziale sull’approvazione della prima “Strategia della sicurezza ecologica” definita come parte integrale della sicurezza nazionale della Federazione Russa. Il governo elaborerà nei prossimi tre mesi un piano di azioni, si assumerà la piena responsabilità per la sua realizzazione e ogni anno dovrà presentare al Capo dello Stato una relazione sullo stato della sicurezza ecologica e sugli ulteriori provvedimenti atti a rafforzarla.
Il documento calcolato fino al 2025 determina le principali sfide e minacce per l’ambiente, nonché i fini e compiti della politica statale in questo settore. L’attuale situazione ecologica nel Paese è definita “sfavorevole”, poiché “oltre 17 mln di persone abitano in città con un alto grado d’inquinamento” e “il 74% della popolazione vive in territori in cui l’ecologia subisce il considerevole impatto negativo dell’industria, della produzione di energia elettrica e dei trasporti”. Attualmente in Russia sono accumulati oltre 30 mld di ton di rifiuti, ogni anno infatti si producono circa 4 mld di ton di spazzatura. Le perdite economiche in seguito ad un peggioramento dell’ecologia vengono stimate nel 4-6% del Pil annuo, senza prendere in considerazione i danni alla salute dei cittadini. La realizzazione della politica statale, si ribadisce nel documento summenzionato, dovrà “assicurare una qualità dell’ambiente necessaria per assicurare una vita favorevole alla popolazione e uno sviluppo stabile dell’economia” – (Rossijskaja gazeta (RG) del 21 aprile, pag.2; Kommersant (Kom-t) di oggi 25 aprile, pag.4).
 
Dmitrij Medvedev ha presieduto una riunione a Murmansk convocata per analizzare la realizzazione di una serie di grandi progetti infrastrutturali nei territori settentrionali e dell’Estremo Nord. Il premier ha ribadito l’importanza della creazione di infrastrutture dei trasporti in tutte le zone russe dell’Artico. I convenuti hanno prestato molta attenzione allo sviluppo del porto marittimo di Murmansk: nel 2020 la movimentazione del materiale in questo porto dovrebbe superare gli 80 mln di ton – (Izvestia, pag.2 – link: http://izvestia.ru/news/689906 e RG, pag.2, del 24 aprile).
 
Lunedì (24.04) il ministro degli Esteri Serghej Lavrov ha accolto Federica Mogherini, alto Commissario dell’UE per gli affari esteri, giunta a Mosca con una visita di un giorno dietro invito da parte russa fatto diversi mesi fa. I giornali hanno messo in risalto un ampio odg con trattative di 2 ore durante le quali Lavrov e Mogherini hanno discusso vari importanti problemi internazionali, le possibilità di una cooperazione intersettoriale fra Russia e i Paesi dell’UE, nonché la questione degli omosessuali in Cecenia sollevata dalla Mogherini. Tuttavia, come hanno sostenuto molti esperti e osservatori politici dopo la conferenza stampa comune dei ministri, le parti non hanno ancora tra le mani una “road map” convincente con direttrici chiare per l’uscita dalla crisi. A questo proposito Lavrov ha ribadito “la volontà della Russia di ripristinare la collaborazione multiforme con l’Unione Europea, nostro maggiore partner commerciale ed economico”. I giornali hanno citato anche Mogherini, la quale ha messo in rilievo che “le relazioni tra Mosca e Bruxelles non sono congelate e l’UE è disposta a riprendere la collaborazione strategica al livello raggiunto dalle parti alcuni anni fa, dopo la soluzione di alcune condizioni” – (Nezavisimaja gazeta, pag.6, molte agenzie e i giornali online del 24.04; nonché link:http://www.kommersant.ru/doc/3281166 Kommersant, pag.7, Vedomosti, pag.2, e alcuni altri quotidiani di oggi 25 aprile).
 
   Dalle diverse indagini sociologiche e brevi notizie economiche si deduce che:
 
- tra gennaio e marzo il flusso di passeggeri negli aeroporti di Mosca è aumentato del 16,1% su base annua e ha raggiunto 17,2 mln di persone: 7,6 mln di passeggeri serviti dalle linee internazionali e 9,6 mln di passeggeri delle linee aeree interne – (Profil № 15 del 24.4, pag.43);
- il parco degli autoveicoli comune di Mosca e della regione di Mosca ha superato 8 mln di automezzi, aumentando di circa 300 unità nell’anno scorso – (Kommersant (Kom-t); 18.4, pag.5);
- quest’anno circa il 72% dei russi (il 13% in meno rispetto al 2016) intende passare le prossime festività in occasione del 1° e del 9 maggio in Russia. Solamente un quarto delle persone intervistate dai sociologi è disposto a spendere in questo periodo oltre 50 mila rubli (circa 900 euro al cambio attuale), mentre il 75% dei russi ha “programmato” per le feste cifre che partono da dieci mila rubli – (RG del 18.4, pag.12).  
 

Economia 

   Situazione generale:
 
Negli ultimi giorni molti quotidiani hanno confermato che nella seconda metà di maggio il governo presenterà al Capo dello Stato un piano di accelerazione dei ritmi di crescita economica fino al 2025. Anche Aleksei Kudrin, ex ministro delle Finanze e vicepremier, dovrebbe mostrare a Vladimir Putin un programma dello sviluppo strategico della Russia negli anni 2018-2024, preparato dal “Centro di ricerche strategiche”. Inoltre la Camera di commercio e dell’industria della FR, il “Club Stolypin” e alcuni accademici in economia intendono informare le massime autorità e la comunità economica sui progetti da loro elaborati. Nel frattempo lo stesso Kudrin ha avuto l’occasione di discutere del futuro dell’economia con l’attuale ministro economico Maksim Oreshkin durante il Forum economico di Krasnojarsk, tenutosi il weekend scorso nel capoluogo siberiano. Il ministro ha sorpreso i convenuti dichiarando l’intenzione di presentare un “documento breve e vivace”. A questo proposito diversi esperti hanno sostenuto che “molti problemi del paese sono sorti proprio per la mancanza di una strategia efficiente”. La riunione di ieri (24.04) del Collegio del Ministero dello Sviluppo Economico è stata caratterizzata dagli umori positivi dei suoi partecipanti e dalla richiesta di Dmitrij Medvedev di ultimare il suddetto piano. Il primo vicepremier Igor’ Shuvalov ha assicurato il capo del governo che il lavoro “va avanti” ma non ha riferito nessun particolare del piano – (RG, pag.2, del 20 aprile; Nezavisimaja gazeta, pag.1 e 4, del 24.4 – link: http://www.ng.ru/economics/2017-04-24/1_6980_strategia.html; i quotidiani del 25.4: RG, pag.3, e Kommersant, pag.2 – link: http://www.kommersant.ru/doc/3281089).
 
Il giornale del governo RG di oggi (25.04, pag.1 e 6 – link: https://rg.ru/2017/04/24/aleksandr-shohindohody-naseleniia-gotovy-k-rostu-no-poka-nebolshomu.html) ha pubblicato l’approfondita conversazione con Aleksandr Shokhin. Nel rispondere alle domande il presidente della RSPP (Unione russa degli industriali e imprenditori) ha dichiarato che, a suo parere, “l’attuale situazione economica non è semplice, poiché ci sono diversi presupposti di una ripresa che, purtroppo, vengono contrastati dall’insufficienza di capitali circolanti, dalle difficoltà di accedere ai prestiti, dalla necessità di limitare i programmi d’investimento, ecc”. Aleksandr Shokhin ha “azzardato” la previsione secondo cui l’inflazione raggiungerà il 4% annuo e il dollaro statunitense non costerà oltre 64-65 rubli. Shokhin ha inoltre espresso la speranza che venerdì prossimo (28.04) la Banca Centrale possa diminuire il suo tasso medio d’interesse fino al 7,5-8% annuo.
 
  RG nelle sue edizioni del 18.04 (pag.4) e del 20 aprile (pag.1-2) ha evidenziato alcuni elementi e punti principali del programma strategico “L’economia digitale”: il ministero delle Telecomunicazioni deve presentare questo programma al governo e al presidente entro il primo giugno. Si prevede la costituzione di un Fondo comune per l’economia digitale. Lo stesso quotidiano nell’edizione del 24 aprile ha pubblicato (pag.7 – link: https://rg.ru/2017/04/23/stranyeaes-nachali-rabotu-nad-edinym-cifrovym-promyshlennym-prostranstvom.html) un’intervista a Serghej Sidorskij, Ministro dell’Industria e del Complesso Agroindustriale presso la Commissione Economica Euroasiatica. Ha sottolineato come i Paesi membri dell’Unione Economica Euroasiatica (UEE) hanno lanciato diversi progetti digitali comuni. A parere del ministro, con questo passo gli Stati dell’UEE “hanno aperto una nuova fase della loro integrazione economica” caratterizzata, in particolare, da una partecipazione più attiva all’economia in Internet.
 
  Izvestia (24.04, pag.6-7) ha pubblicato e commentato i dati di un sondaggio effettuato dai ricercatori dell’“Accademia di economia e dei servizi statali” presso il CdM. Da questi dati risulta che a marzo il 34,2% dei cittadini intervistati ha previsto una prossima stabilizzazione della situazione economica. È significativo che nella primavera dell’anno scorso tale parere è stato espresso dal 20-24% dei partecipanti a una indagine della stessa Accademia. Gli analisti dell’Accademia delle scienze russa hanno messo in evidenza come la statalizzazione dell’economia e l’insufficiente ammodernamento di molti settori economici “frenano l’ampliamento della cosiddetta “classe media”. Lo scorso anno in questa categoria sociale sono stati annoverati il 15,6% degli occupati nei settori industriali, il 30% degli impiegati degli organi di gestione statali, ecc – (link: https://www.vedomosti.ru/economics/articles/2017/04/11/685044-gosudarstvo-prepyatstvuet-srednego-klassa Vedomosti dell’11 aprile, pag.4).  
 
   Settori, grandi società e PMI:
 
  Nell’illustrare e commentare la dinamica della produzione industriale a marzo il Rosstat ha rivelato un aumento pari all’1,8% rispetto allo stesso mese del 2016. Alcune altre fonti d’informazione invece hanno evidenziato “una sospensione della ripresa dei settori industriali”. Infatti, a marzo alcune industrie della trasformazione e della produzione di derivati petroliferi hanno rallentato i ritmi di crescita; allo stesso tempo è aumentata la produzione di alimentari, abbigliamento, prodotti chimici, macchine, locomotive, merci di pelle, ecc. Secondo gli analisti, a marzo e aprile la domanda per la produzione industriale è diminuita in generale del 7% rispetto al suo “massimo” raggiunto a febbraio – (Expert № 17 del 24.4, pag.88).
 
  Il Ministero dei trasporti ha preparato un programma quinquennale di sviluppo dei vari mezzi di trasporto con i motori a gas. Il costo del programma è stimato in circa 770 mld di rubli, di cui 163 mld di rubli saranno stanziati dal Bilancio federale. La metà dei finanziamenti statali sarà destinata agli automezzi con i motori a gas: il segmento riceverà diverse agevolazioni fiscali, sussidi per la produzione, parcheggi a condizioni favorevoli – (Kom-t del 20.4, p.9).
 
  Da molte pubblicazioni dedicate all’aeronautica civile si viene a sapere che la holding Sukhoi ha consolidato l’amministrazione della produzione degli aerei Sukhoi Superjet 100, acquistando per 1 euro la quota del 41% delle azioni posseduta precedentemente dalla società italiana Leonardo- Finmeccanica che adesso dispone del 10% delle azioni – (Kom-t del 24.04, p.11 – link: http://www.kommersant.ru/doc/3280563). Lo stesso Kommersant ha riferito (18.04, pp.1 e 11) che il Ministero dell’Industria e del Commercio e il Ministero dei Trasporti cercano di definire varie opportunità per aumentare le vendite dell’aereo SSJ 100 e ha descritto (25.4, pag.9) come le compagnie aeree nel primo trimestre hanno aumentato il numero dei passeggeri del 19,4%, a circa 20 mln di persone.
Intervistato da Izvestia (24.04, p.7), il direttore generale della Compagnia statale di leasing per i trasporti Serghei Khramaghin ha messo in risalto il considerevole aumento (+71 mld di rubli) del portafoglio societario nello scorso anno. È avvenuto in misura maggiore grazie all’avanzamento del segmento aeronautico della compagnia, ovvero grazie all’affitto degli aerei SSJ 100 e alle buone prospettive del progetto con l’aereo Il-114.
Vedomosti (20.04, pag.8-9) ha pubblicato un’ampia conversazione con l’imprenditore lituano Ghediminas Zhemjalis, presidente del CdA della compagnia Avia Solutions Group che ha spiegato al giornale come la società intende recuperare gli investimenti nell’aeroporto Zhukovskij e perché non ha interesse per gli aeroporti regionali in Russia.
 
  Kommersant (18.04, pag.11) ha messo in evidenza l’aumento degli investimenti stranieri nella costruzione delle macchine utensili. Ha riportato l’esempio della corporazione cinese Machine Tool Group che produrrà presso uno stabilimento nella Regione di Mosca circa 1.500 macchine utensili. Entro l’inizio dell’anno prossimo la società cinese intende portare la localizzazione della produzione in Russia fino al 50% della produzione totale.
 
  Il Ministero dell’Agricoltura ha comunicato che dal primo luglio del 2016 ad oggi la Russia ha esportato 23 mln di ton di frumento; entro la fine dell’annata agricola 2016-2017 il volume dell’export potrebbe raggiungere 26,5 mln di ton – (Kom-t del 24.4, pag.2). RG (20.04, pag.4 – link: https://rg.ru/2017/04/19/zhurnalisty-financial-times-obnaruzhili-v-rossiiselskohoziajstvennyj-bum.html) ha rivelato con soddisfazione che anche gli analisti stranieri hanno evidenziato un “boom nel settore agricolo in Russia”. Il governatore della Regione di Lipetsk Oleg Koroljov ha scritto un commento per Izvestia (20.4, pag.7) in cui ha sottolineato il ruolo delle cooperative per l’ulteriore sviluppo delle zone agrarie russe.
 
  Nell’illustrare la situazione dell’industria farmaceutica i giornali hanno messo in risalto che lo scorso anno la produzione di medicinali è aumentata del 24,6% su base annua. Hanno riferito che la società Protek, maggiore distributore di medicinali in Russia, ha acquistato la compagnia “Rapharma” di Lipetsk, produttrice di antibiotici, nonostante il suo debito di circa 7 mld di rubli. I quotidiani hanno seguito anche la dinamica dei prezzi, rivelando, in particolare, il calo dei costi di molti preparati e un aumento “moderato” dei prezzi dei medicinali salvavita – ( Kom-t del 19.4, pag.12; RG del 10.4, pag.2, e Izvestia del 24.4, pag.8 – link: http://izvestia.ru/news/687989).
 
  RBK (21.4, pag.6-7) nella sua rassegna della situazione del settore turistico ha messo il rilievo che il governo ha accettato le proposte di molte amministrazioni regionali e ha appoggiato l’idea di introdurre un dazio di 100 rubli al giorno per i turisti e le persone che lavorano nelle località balneari e climatiche. Allo stesso tempo il CdM non ha approvato le agevolazioni economiche dirette proposte per gli operatori del mercato del libro e della distribuzione della carta stampata – Kom-t del 21.4, pag.9. Nell’edizione di oggi (25.04) lo stesso quotidiano ha evidenziato l’ulteriore calo delle tirature dei libri nell’anno scorso e un rilevante aumento (+60%) del mercato dei libri elettronici, il cui volume è salito a 2,7 mld di rubli nel 2016 e raggiungerà 4,3 mld di rubli nell’anno corrente (link: pag.13 – http://www.kommersant.ru/doc/3281278).  
 

Finanza, fisco, dogana, leggi, settore assicurativo 

  La sicurezza finanziaria è il principale tema dell’intervista rilasciata a RG (21.4, pag.1 e 5: link: https://rg.ru/2017/04/20/zamglavy-minfina-sejchas-obsuzhdaetsia-legalizaciia-bitkoinov-v-rf.html) da Aleksej Moiseev, viceministro delle Finanze. Nel rispondere alle domande ha stigmatizzato le diverse “voci” e “miti” relativi alla diffusione delle valute criptate e ha raccontato ai lettori come il Dicastero diminuisce i rischi per gli investitori sul mercato azionario e cosa fa per aumentare la preparazione della maggior parte della popolazione in materie finanziarie ed economiche.
 
   Expert (№ 17 del 24.4, pag.4) ha fatto una breve analisi della dinamica del mercato azionario nella settimana passata quando ha continuato la sua discesa. Gli analisti hanno fatto notare che “dopo una recente correzione il suddetto mercato resta sottovalutato”.
 
   Izvestia (19.4, pag.1 e 6) ha evidenziato i vari fattori per i quali il Servizio Antitrust federale ha rigettato l’idea di stabilire e introdurre un eventuale prezzo minimo della birra e di alcune bevande a base di birra attualmente “in voga” fra i giovani.
 
   A parere del ministro delle Finanze Anton Siluanov, “attualmente il fondo “sommerso” dei salari ammonta ad oltre 10.000 mld di rubli all’anno”. Questo significa che non vengono pagate tasse ed imposte per circa 4-5 trilioni di rubli. Poco tempo fa il capo del Rosstat Aleksandr Surinov ha dichiarato che la quota dell’economia sommersa in Russia costituisce il 10-14% del Pil, ovvero 8-10 mila mld di rubli – (Profil № 15 del 24.4, pag.6).
 
   Nell’ultima settimana i giornali hanno trattato inoltre:
 
- la legge federale sul “Sistema bancario multi-livello” che entrerà in vigore dal primo gennaio dell’anno prossimo – (Expert link: http://expert.ru/expert/2017/17/malyie-banki-spasibochto-zhivoj / № 17 del 24.4, pag.6);
 
- lo sviluppo del cosidetto finanziamento popolare (crowdfunding) in Russia – (RG; 19.4, p.5);
 
- la possibile proroga dei crediti concessi per 5 anni (ammontano ad oltre 1.700 mld di rubli), concordati nei vari anni tra l’Agenzia per l’assicurazione dei depositi e la Banca Centrale – (Vedomosti del 18.4, pag.14 – link: https://www.vedomosti.ru/finance/articles/2017/04/18/686123-tsentrobank-smozhet);
 
- il risanamento della Banca della chiesa ortodossa russa “Peresvet” che costerà alla Banca Centrale e a un gruppo di creditori circa 160 mld di rubli – (Vedomosti del 20.4, pag.14). In conclusione segnalo il supplemento di 6 pagine “Le assicurazioni” diffuso in allegato a RG del 24 aprile. Nel fare il bilancio delle attività del settore assicurativo nel 2016 ha rilevato, in particolare, che “lo scorso anno la percentuale delle assicurazioni volontarie dei russi ha raggiunto il suo massimo”. I premi raccolti dalle compagnie d’assicurazione sono aumentati del 15,32% e sono ammontati a circa 157 mld di rubli.  
 

Russia - Italia 

  Vedomosti (pag.22) e Metro (pag.6) del 18 aprile, RG (pag.12- link: https://rg.ru/2017/04/20/muzej-im-pushkina-predstavit-svoj-proekt-v-venecii.html) del 21 aprile e alcuni altri giornali degli ultimi giorni hanno riferito con piacere che il Museo delle belle arti Pushkin parteciperà alla Biennale di Venezia che si svolgerà dal 13 maggio al 5 settembre pp.vv. Il Museo presenterà un progetto dal titolo “L’uomo come un uccello. Immagini dei viaggi” che “continua il dialogo tradizionale fra l’arte classica e l’arte moderna negli spazi del museo”.
 
  Tra le altre pubblicazioni interessanti per questa rubrica segnalo:
 
i servizi sull’arte artigianale italiana e su alcuni bellissimi posti della Toscana, di Venezia e della Sardegna – (il supplemento Travel a Kommersant del 19.4,pag.16-23);
 
l’intervista ad Andrea Buccellati intitolata “Vogliamo aprire una nuova boutique a Mosca” – il supplemento “Orologi e gioielli” a RBK del 21.4, pag.46-47;
 
un servizio sulla prima Salumeria italiana aperta recentemente a Mosca – il settimanale Weekend (31.3, pag.32-33).  
 
 
 Cari lettori, grazie per l'attenzione. 

Cordiali saluti.
A cura di Valerij Shvetsov
e-mail: valerio.m@yandex.ru
Telefono - cell: +7 (916) 531-04-45

 


 Associazione Conoscere Eurasia - Via dell'Artigliere, 11 37129 Verona Italia - C.F. 93197240232 - P.IVA 03739750234 T: +39 0458020904 F: +39 0459299924 M: info@conoscereeurasia.it