Rassegna della Stampa Russa - 26.05.2017

 

 

Eventi, problematiche e dati statistici generali 

   Serghej Shojgu, ministro della Difesa, nel suo intervento (24.05) al Consiglio della Federazione (la Camera alta dell’Assemblea federale) ha approfonditamente delineato e commentato l’andamento e i principali risultati della modernizzazione delle Forze Armate. Shojgu ha evidenziato, in particolare, che attualmente le armi e le tecniche militari moderne che sono in dotazione all’Esercito e agli altri Corpi, costituiscono il 58,3% del totale degli armamenti e dell’equipaggiamento tecnico delle Forze Armate russe. Entro il 2020 questo indice dovrebbe raggiungere il 70% – (RG del 25.5, pag.7).
 
   Aleksandr Grushko, rappresentante permanente della FR presso la NATO, ha rilasciato un’ampia intervista al quotidiano del governo RG (23.5, pag.1 e 6: link: https://rg.ru/2017/05/22/aleksandr-grushko-v-nato-ponimaiut-opasnost-prekrashcheniia-dialoga-s-rf.html) in cui ha analizzato diversi aspetti delle relazioni tra la Russia e l’alleanza militare summenzionata. A parere del diplomatico ed esperto, “i vari schemi di rafforzamento della sicurezza ideati, costruiti e realizzati senza e, tanto più, contro la Federazione Russa sono schemi privi di vitalità e controproducenti”.
 
   I dirigenti delle 4 maggiori organizzazioni del business russo – la Camera di Commercio e dell’industria, l’Unione russa degli imprenditori e degli industriali (RSPP) e le associazioni “Russia d’affari” e “Opory Rossii” – hanno valutato positivamente il lavoro quinquennale del difensore civico dell’imprenditoria Boris Titov e la sua relazione annuale presentata alla Conferenza nazionale dei difensori civici che operano in tutti gli 85 Territori e Regioni russe. Per questo motivo intendono proporre al Capo dello Stato di riconfermare Titov nella sua carica “effettuata bene”. Attualmente il 78% degli imprenditori russi è informato sull’attività dei difensori civici e un terzo la definisce “efficiente”. Allo tempo stesso il presidente della RSPP Aleksandr Shokhin ha criticato il programma del Club Stolypin “Strategia della crescita economica” promossa da Titov “in tutti i modi”. Shokhin ha proposto di escluderla dalla suddetta relazione, poiché il difensore nazionale “ha compiuto molte iniziative utili da presentare alla comunità imprenditoriale”. A parere del presidente, Titov non dovrebbe “concentrare tutta la sua passione nella politica. Abbiamo bisogno di lui in qualità di difensore civico”. Boris Titov ha confermato che se riceverà tale proposta, “sarà pronto ad accettarla” – (Kommersant (Kom-t) del 25.5, pag.2).
 
   Alla fine di quest’anno il Servizio federale di protezione delle massime autorità di stato riceverà i primi 14 autoveicoli prodotti in Russia nell’ambito del progetto “Кортеж”(“Corteo”). Si prevede che la produzione in serie di queste automobili comincerà fra oltre un anno ed ammonterà a 300 autovetture all’anno. Il ministro dell’Industria e del Commercio Denis Manturov ha assicurato che in seguito “non solo gli alti funzionari statali saranno in grado di acquistare queste automobili blindate di lusso” – (RG del 25.5, pag.2: link: https://rg.ru/2017/05/24/pervye-avtomobili-proekta-kortezh-nachnut-postavliatsia-v-etom-godu.html).
 
   Circa i due terzi dei top manager e dei giovani dipendenti russi sono disposti a prendere in considerazione la proposta di trasferirsi verso una città russa o un Paese estero dove riceveranno un nuovo lavoro. Un terzo è disposto a trasferirsi solamente in Europa mentre il 20% considera la possibilità di vivere in qualche altra città russa. Il 15% degli intervistati dai sociologi dell’agenzia “Kontakt” (Contatto) è categorico: “Andiamo soltanto negli USA o in Canada”. Quasi la metà dei dipendenti è pronta a partire per qualsiasi periodo; un terzo degli intervistati, invece, non vorrebbe “stare lontano” più di 1-3 anni – (Kom-t del 15.5, pag.2).  
 

Economia 

   Situazione generale:
 
  Mercoledì (24 maggio) il governo ha preso in esame l’esecuzione del Bilancio federale- 2016. Il premier Dmitrij Medvedev ha rivelato che, malgrado le condizioni finanziarie piuttosto rigide, lo scorso anno l’economia nazionale ha continuato il proprio sviluppo e il suo addattamento rapido ad una nuova situazione e che sono stati realizzati in generale tutti gli obblighi sociali assunti dallo Stato. Nella riunione del CdM è stato constatato che il Pil è diminuito dello 0,2% sul 2015, e l’inflazione è calata al 5,4%. Le entrate all’erario hanno superato l’indice previsto dello 0,7%, ammontando a 13.500 mld di rubli. La percentuale dei redditi provenienti dai settori non legati all’estrazione del petrolio e del gas è nuovamente aumentata e ha raggiunto circa i due terzi del totale delle entrate. Lo scorso anno il debito pubblico del Paese è diminuito del 17% e il passivo congiunto dei Bilanci regionali è diminuito di 13 volte (!) rispetto al 2015, a 12,5 mld di rubli. Solamente 8 Soggetti della FR su 85 (sono Territori e Regioni), hanno chiuso l’esercizio del 2016 con un debito superiore al 100% dei redditi.
 
Nel Bilancio federale del 2016, sono stati previsti 7.900 mld di rubli (contro i 7.200 mld di rubli del 2015) per la realizzazione di 37 programmi statali. Il presidente del CdM ha evidenziato con insoddisfazione che lo scorso anno soltanto 18 programmi sono stati compiuti in modo efficiente. Ad esempio, negli anni 2015-2016 per il programma statale di sostegno alle PMI sono stati stanziati circa 153 mld di rubli. Lo scorso anno però solamente l’1% delle piccole e medie imprese ha ricevuto un aiuto finanziario da parte dello Stato. Gli auditor della Corte dei Conti prevedono numerosi problemi che appariranno nel realizzare i suddetti programmi anche nel prossimo triennio – (Rossijskaja gazeta (RG) pag.2, Izvestia, pag.2: link: http://izvestia.ru/news/715283, e alcuni altri quotidiani del 25.5).
 
  A questo proposito segnalo che il “Consiglio degli esperti” presso il governo ha duramente criticato e ha proposto di rielaborare una bozza del programma “Economia digitale”. Questo documento viene preparato su preciso incarico del presidente Putin di “creare in Russia non meno di una decina di aziende, “campioni nazionali” in vari segmenti del settore delle alte tecnologie”. Attualmente, secondo i membri del suddetto consiglio, la bozza non racchiude neanche un’analisi dell’attuale livello di sviluppo dell’economia digitale – (Kom-t del 23.5, pag.1 e 13).
 
  Negli ultimi giorni alcuni giornali hanno criticato - innanzitutto per il basso “radicalismo” e la mancanza di una via d’uscita dall’attuale modello obsoleto dell’economia - anche la “Strategia della sicurezza economica della FR fino al 2030” firmata recentemente dal Capo dello Stato. Ma né Profil (№ 19 del 22.5, pag.17), né RG (22.5, pag.7: link: https://rg.ru/2017/05/21/mirkin-ekonomicheskaia-bezopasnost-rf-eto-uluchshenie-kachestva-zhizni.html) non si limitano ad esprimere solamente osservazioni critiche: nei loro articoli sono racchiuse anche le proposte su come cambiare lo sviluppo economico del Paese. Sullo stesso tema è intervenuto anche il settimanale “Expert” (№ 21 del 22.5, pag.34-36) che ha pubblicato un’ampia analisi delle varie ipotesi attuali di una politica economica necessaria per la Russia.
 
  Nel frattempo molti imprenditori europei, “stanchi della lunga crisi mondiale”, valutano molto positivamente le prospettive dell’economia russa e alcune opportunità di sviluppare il loro business in Russia. A questa conclusione è giunta l’analista di Nezavisimaja gazeta dopo aver studiato attentamente una ricerca della compagnia GfK Rus in cui l’attenzione maggiore è stata focalizzata sull’aumento degli investimenti stranieri in Russia (24.5, pag.4: link: http://www.ng.ru/economics/2017-05-23/4_6994_bisness.html).
L’altro quotidiano Izvestia (25.5, pag.1 e 6) ha messo in risalto i dati aggiornati resi noti dalla Banca Centrale russa: nel primo trimestre di quest’anno la percentuale della partecipazione del capitale straniero al debito pubblico della FR “per la prima volta ha superato il 30%”. Ciò corrisponde al volume degli acquisti tra gennaio e marzo pari a 288 mld di rubli ed è legato alla dinamica degli acquisti delle obbligazioni del prestito federale dagli investitori stranieri. Un anno fa la quota dei non residenti nelle suddette obbligazioni è stata considerevolmente inferiore: il 22,3%.  
 
   Settori, grandi società e PMI:
 
  Negli ultimi giorni la stampa ha prestato molta attenzione alla produzione di elicotteri. I giornali hanno rilevato un calo del settore in tutto il mondo e in Russia: lo scorso anno la holding “Elicotteri russi” ha fornito ai clienti 189 veicoli, mentre nel 2015 le forniture hanno raggiunto 212 unità. Molti specialisti ed esperti sono convinti che un ulteriore sviluppo del settore sarà legato, in particolare, all’aumento della produzione di elicotteri per la medicina e per alcune altre destinazioni speciali – (2 supplementi settoriali pubblicati da Kom-t del 24.5, pp.17-20) e da RBK del 25.5, pag.1-8: link: http://www.rbcplus.ru/news/59265d2b7a8aa9455f15dc12). Kommersant (24.5, pag.11) ha confermato una sua supposizione recentemente pubblicata: il gruppo “Gazprom” aumenterà gli ordini per la costruzione di elicotteri e in tal modo aiuterà il settore della costruzione di motori.
Vedomosti di oggi (26.5, pag.12) ha constatato che il totale delle ore di volo degli aerei SSJ100 in molti casi resta piuttosto basso a causa dei ritardi nella fornitura dei pezzi di ricambio.
 
Da alcune altre pubblicazioni che riguardano il settore dei trasporti si viene a sapere che gli aeroporti Sheremet’evo e Domodedovo hanno aumentato del 7-15% vari dazi aeroportuali per le compagnie servite (Vedomosti del 23.5, pag.13) e che il governo russo non è riuscito nuovamente a concordare un documento chiave per il settore ferroviario, ovvero un modello finalizzato per il mercato del trasporto ferroviario di merci. Una nuova bozza del suddetto modello dovrebbe essere pronta entro la fine di quest’anno (Kom-t del 22.5 e del 26.5, pagine 9).
 
  Nei primi 3 mesi del 2017 le forniture dei personal computer sul mercato russo sono aumentate del 18,3%, ammontando a 971 mila unità – (Kom-t del 24.5, pag.13: link: https://www.kommersant.ru/doc/3305496).
Mail.ru Group ha comunicato che dopo le applicazioni di messaggistica istantanea “Aghent” e ICQ sta per lanciare nel mercato un altro prodotto analogo “Tam-Tam” (Kom-t del 25.5, pag.13). Negli ultimi giorni la stampa ha prestato molta attenzione a questo settore, poiché la GosDuma ha proposto di “introdurre dal primo gennaio del 2018 l’identificazione obbligatoria degli utenti delle applicazioni di messagistica istantanea” – (Izvestia, pag.3: link: http://izvestia.ru/news/715508, e RBK, pag.13, del 25 maggio).
 
  Agli analisti del settore agroindustriale segnalo i servizi su un eventuale calo del giro d’affari del mercato russo dei mangimi per gli animali domestici nonché sulla stabilizzazione dei prezzi per i cereali russi nella settimana passata – (Kommersant del 22.5, pag.9, e del 23.5, pag.12: link: https://www.kommersant.ru/doc/3304498). RG (23.5, pag.11) in una sua intervista al funzionario del Ministero dell’Agricoltura ha analizzato le varie opportunità di esportare il grano saraceno che, secondo il giornale, “è richiesto da molti Paesi pronti ad acquistare questo prodotto russo”.
 
  Il giornale del governo RG ha scritto sullo stato attuale delle autostrade, mettendo in rilievo che quest’estate saranno rifatte le strade federali per una lunghezza di circa 9 mila km, e rilevando che l’altro tratto dell’autostrada federale Don-4 (verso il sud della parte europea) sarà trasformato in una strada a pedaggio (RG del 22.5, pag.3: link: https://rg.ru/2017/05/21/reg-ufo/eshche-odin-uchastok-trassy-m-4-don-sdelaiut-platnym.html e 10, e del 24,5, pag.4).
 
  Gli esperti del mercato immobiliare possono trovare molte informazioni utili e aggiornate negli ampi supplementi settoriali pubblicati in allegato a Vedomosti del 23.5 (pag.1-12) e a Kommersant del 25 maggio (pag.17-24).
 
  Lo scorso anno il volume del mercato farmaceutico nella FR, secondo i ricercatori della DSM-Group, ammontava a 1.344 mld di rubli, il 7% in più rispetto al 2015. Sono state vendute 5,1 mld confezioni. La quota delle commesse statali ha costituito il 29% del volume (nel 2015 il 30,4%). La percentuale dei medicinali “made in Russia” sul mercato ha costituito il 29% del risultato finanziario e il 61% del totale delle confenzioni – (Kom-t del 23.5, pag.2).
 
Alcuni altri giornali hanno rivelato che: un terzo degli ammalati non fa visite mediche – (Nezavisimaja gazeta del 24.5, pag.8 “Salute”, link: http://www.ng.ru/health/2017-05-24/8_6994_vlast.html); le farmacie hanno aumentato i loro introiti in seguito ad un considerevole incremento delle vendite di tranquillanti e antidepressivi – (Izvestia del 24.5, pag.8); gli ammalati sempre più spesso cercano medicinali “a buon mercato” – (Profil (№ 19 del 22.5, pag.29-33).
 
  Il 37% dei russi intervistati dai sociologi preferisce trascorrere le ferie estive in Crimea (nel 2014 l’8% e nel 2015 il 27%). Il 23% ha dato preferenza ai litorali e alle montagne adiacenti al Caucaso e il 23% vorrebbe trascorrere il prossimo periodo estivo all’estero (un anno fa il 21%) – (Interfax, Nezavisimaja gazeta del 24 maggio, pag.8; RG del 23.5, pag.5: link: https://rg.ru/2017/05/22/opros-rossiiane-bolshe-ne-boiatsia-krizisa-i-gotovy-potratitsia-naotdyh.html).  
 

Finanza, fisco, dogana, leggi, settore assicurativo 

   Nel commentare la bozza delle modifiche da apportare alla legge federale in vigore “Sul Bilancio federale per il 2017 e gli anni 2018-2019” i giornali RG (23.5, pag.11: link: https://rg.ru/2017/05/22/chto-vazhnee-sokrashchat-deficit-biudzheta-ili-narashchivat-investicii.html) e Profil (№ 19 del 22.5, p.6) hanno definito il futuro documento “il Bilancio degli ottimisti” e hanno notato “la mancanza di cambiamenti cardinali nella politica di bilancio”.
L’economista Elena Ustjuzhanova (RG) ha illustrato numerose innovazioni che riguardano innanzitutto la correzione dei parametri del Bilancio dell’anno in corso. Nello stesso tempo si è detta convinta che è necessario “prestare maggiore attenzione agli investimenti, poiché non raggiungeremo una crescita economica programmata e attesa senza un notevole aumento degli investimenti”.
 
   Gli specialisti del “Centro di analisi” presso il governo hanno avvertito che “gli speculatori stranieri che da un anno appoggiano un rublo forte con operazioni carry trade, abbandoneranno il gioco nella seconda metà di quest’anno”. Come si vede, è un punto di vista diverso dalle dichiarazioni della Banca Centrale della FR (BCR). È basato sulla previsione che il considerevole divario tra il tasso medio d’interesse della BCR e l’indice dell’inflazione resterà ancora per un lungo periodo – (RBK del 22.5, pag.12; RG di oggi 26.5, pag.4: link: https://rg.ru/2017/05/25/v-iiule-inostrannye-spekulianty-prekratiat-podderzhivat-rubl.html).
 
  Il quotidiano RG ha riferito inoltre (pag.4) che dal prossimo ottobre saranno messe in circolazione le nuove bancanote del valore nominale di 200 e 2.000 rubli.
 
   Secondo l’alto funzionario della BCR, a partire dal primo gennaio 2018 in Russia comincerà ad operare il difensore civico dei consumatori di servizi finanziari – (RG del 24.5, p.1 e 5).
 
   I giornali nelle numerose pubblicazioni hanno trattato inoltre:
 
- le difficoltà delle banche medie – (Expert № 21 del 22.5, pag.38-41);
 
- l’aumento degli episodi di bancarotta: nel primo trimestre sono aumentati dell’1,6% sul trimestre precedente e del 2,3% su base annua – (Kom-t del 24.5, pag.2);
 
- il ristagno del mercato russo del consulting – (RG del 24.5, l’intera pagina 12: link: https://rg.ru/2017/05/23/rossijskij-rynok-konsaltinga-pereshel-ot-spada-k-stagnacii.html, con la lista dei maggiori operatori del mercato nel 2016).  
 

Regioni e Territori della Federazione Russa 

  Oggi in questa rubrica riassumeremo molto brevemente le pubblicazioni dedicate al programma molto discusso, importante e ambizioso del governo di Mosca. Si tratta della cosiddetta “renovazija” (“реновация” in russo), ovvero di una “ristrutturazione completa” o “rinnovo immobiliare” delle case prefabbricate di 5 piani, costruite nella capitale all’incirca 50 anni fa. Sarà necessario trasferire, per sempre o solo per un periodo provvisorio, centinaia di migliaia di persone in abitazioni nuove, demolire le costruzioni obsolete (circa 5 mila case nella prima fase) e costruire le case nuove, nelle quali ritornerà una parte degli abitanti che non vorranno abbandonare i “loro” quartieri.
 
  Secondo il sindaco Serghej Sobianin, “si tratta di un complesso di misure e provvedimenti da realizzare al fine di prevenire un aumento del numero di abitazioni in stato di avaria, assicurare uno sviluppo stabile dei territori urbani, creare degli ampi spazi commerciali, sociali e culturali destinati a tutti i cittadini e ospiti di Mosca e continuare l’abbellimento della città. Questo programma dovrà sostituire un programma approvato nel 2007 nel quale si era previsto di realizzare in 7 anni una ristrutturazione completa di circa 14 mila case a molti piani (per una superfice totale di 117,5 mln di metri quadrati). Purtroppo alla fine del 2014 sono stati ricostruiti soltanto 18 mln di m.q. Anche a causa di questa lentezza nel realizzare i piani approvati in precedenza, l’attuale governo di Mosca ha preso alla fine di febbraio la decisione, dopo aver concordato la “renovazija” con Vladimir Putin, di passare alla realizzazione del programma nuovo.
 
  Il prossimo 9 giugno la GosDuma prenderà in esame la bozza della legge sul rinnovo delle abitazioni a Mosca. La discussione sarà basata anche sulla volontà dei cittadini, le cui case sono state incluse nei programmi di demolizione. Saranno esaminate tutte le problematiche legate al trasferimento dei cittadini, alla consegna di appartamenti nuovi alle famiglie che abbandoneranno i loro quartieri, ecc. Attualmente per molte questioni sono state elaborate soluzioni provvisorie o “da approfondire” (ad esempio, cosa faranno le numerose pmi che lavorano nei quartieri o direttamente nelle case che verranno demolite?). I funzionari del governo di Mosca, i prefetti e i giuristi assicurano che tutte le problematiche saranno prese in considerazione e risolte.
 
  Dopo aver incontrato i dirigenti della città, aver ascoltato numerose trasmissioni radio e televisive al riguardo ed essersi consultati con diversi giuristi, le opinioni degli abitanti dei quartieri o delle piccole zone che saranno demolite si sono divise: alcuni confermano la volontà di rinnovare la loro vita, altri rifiutano categoricamente. Un terzo dei proprietari degli appartamenti nelle suddette case a 5 piani ha già espresso il proprio parere. Il risultato delle loro votazioni (elettroniche, per telefono o per iscritto) avrà un ruolo importante per la decisione della GosDuma e delle autorita federali, nonché per l’avvio dell’ambizioso programma, nella cui realizzazione parteciperanno anche molti famosi architetti e costruttori stranieri – (i giornali di maggio, compresi “Vedomosti’ (19.5, p.10), RBK (22.5, pag.1 e 6: la conversazione con il vicesindaco Khusnullin: link: http://www.rbc.ru/interview/business/22/05/2017/592047fa9a79471ba7f75216); Profil № 19 del 22.5, pag.44-45, link: http://www.profile.ru/obsch/item/117389-veroyatnost-snosa-bez-soglasiyazhitelej-isklyuchena, un’intervista al giuslavorista Nirsoev:; RG del 25.5, pag.10: link: https://rg.ru/2017/05/24/reg-cfo/bolee-500-moskovskih-kvartalov-vojdut-v-programmu-renovacii.html, Kom-t di oggi 26.5, l’intera pagina 13, ecc.)
 
  Le altre numerose pubblicazioni sulla vita e le problematiche di Mosca, nonché sullo sviluppo di molte Regioni verranno riassunte in questa rubrica fra una settimana, venerdì 2 giugno.  
 
 
 Cari lettori, grazie per l'attenzione. 

Cordiali saluti.
A cura di Valerij Shvetsov
e-mail: valerio.m@yandex.ru
Telefono - cell: +7 (916) 531-04-45

 


 Associazione Conoscere Eurasia - Via dell'Artigliere, 11 37129 Verona Italia - C.F. 93197240232 - P.IVA 03739750234 T: +39 0458020904 F: +39 0459299924 M: info@conoscereeurasia.it